IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > 550.000 posti di lavoro in Europa per le rinnovabili e difficoltà per le aziende a trovare personale specializzato

550.000 posti di lavoro in Europa per le rinnovabili e difficoltà per le aziende a trovare personale specializzato

Il settore delle energie rinnovabili regalerà nel 2009 all'Europa 550.000 nuovi posti di lavoro. Un'espansione talmente rapida che le aziende fanno fatica a trovare personale specializzato. Se ne è parlato al workshop "Green economy, le energie rinnovabili incentivo alla ripresa economica", organizzato a Milano dalla fondazione Istud, una business school attiva nel campo della formazione professionale e della ricerca sul management. L'Unione europea si è data per il 2020 un obiettivo molto ambizioso, cioè che almeno il 20% dell'energia sia prodotta da fonte rinnovabile, solare, eolica e geotermica.

Figure mancanti
L'Italia oggi è il secondo Paese importatore di energia al mondo, perché non riesce a produrne a sufficienza per le proprie esigenze. Sviluppare la produzione di energia dal vento, dal sole o dalla terra permetterebbe la diminuzione della spesa energetica e la possibilità di creare nuovi posti di lavoro. Il problema, semmai, sta nel fatto che non esistono in Italia sufficienti professionalità da impiegare in questo settore. Mancano soprattutto ingegneri, progettisti, elettricisti, specialisti ed esperti di normative legislative e aziendali in materia di prevenzione di infortuni, sicurezza impianti, protezione dell'ambiente di lavoro e tutela ecologica dell'ambiente esterno.
"Questo workshop dedicato alla green economy - spiega Marella Caramazza, direttore generale della fondazione Istud - è nato anche dall'esigenza di fare un bilancio sulle varie esperienze di produzione e utilizzo delle energie rinnovabili presenti in Italia. Gli esempi non mancano, la provincia italiana è ricca di esperienze molto interessanti, alcune veramente ragguardevoli, sullo sfruttamento delle energie rinnovabili. Ma la sensazione è che si tratti di un fiorire di iniziative spontanee, fatte da alcune nicchie più attente e volenterose, ma che manchi una spinta dal sistema Paese". L'Istud ha annunciato durante il workshop la fondazione dell'Osservatorio energia, un luogo di confronto che si svilupperà anche al di fuori degli incontri pubblici per produrre idee sul tema dell'innovazione al servizio di un'economia sostenibile.

Green Economy

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
27/03/2020

Il potenziale non sfruttato dei rifiuti organici nel fornire energia pulita

Secondo un nuovo rapporto dell'IEA, le risorse mondiali di biogas e biometano potrebbero coprire il 20% della domanda globale di gas, riducendo contemporaneamente le emissioni di gas serra.     Secondo il nuovo rapporto dell'Agenzia ...

23/03/2020

Ecco perché la Lombardia è sotto attacco, lo smog favorisce la diffusione del coronavirus

Uno studio della Società di medicina ambientale (Sima), condotto insieme con le università di Bari e di Bologna potrebbe offrire anche una spiegazione ambientale all’epidemia del Covid-19 nel Nord. L’inquinamento dell’aria ne ...

18/03/2020

Scioglimento dei ghiacci: dal 1990 peggiorato di 6 volte

La Groenlandia e l'Antartide stanno perdendo ghiaccio talmente velocemente da seguire lo scenario peggiore del riscaldamento climatico previsto dall'IPCC     Il team dell'Ice Sheet Mass Balance Intercomparison Exercise (IMBIE) - composto da di ...

13/03/2020

Il carbone cala ma non abbastanza per rispettare gli accordi di Parigi

La produzione globale di energia elettrica a carbone è diminuita del 3% nel 2019, con un conseguente calo del 2% delle emissioni di CO2 nel settore energetico.     Pubblicato da Ember il Rapporto Global Electricity Review ...

12/03/2020

Il cambiamento climatico accelera sulla terraferma, in mare e nell'atmosfera

Un rapporto sul clima delle Nazioni Unite mostra che il cambiamento climatico sta avendo un effetto importante su tutti gli aspetti dell'ambiente, così come sulla salute e sul benessere della popolazione globale.   a cura di Raffaella ...

10/03/2020

Eden Project Foyle: parco ecologico e architettura neolitica

Un parco giochi ecologico nel 21° secolo, incentrato sul rapporto con la natura, per rafforzarne il senso di appartenenza. Una superficie di 100 ettari dove passerelle sugli alberi, attrazioni acquatiche e giardini botanici parlano di un futuro ...

09/03/2020

Il Green deal europeo diventa legge, verso emissioni ‘zero’ entro il 2050

Per la presidente della commissione Ue Ursula von der Leyen sarà la bussola dell’Europa per i prossimi 30 anni guidandoci nella costruzione di un nuovo modello di crescita sostenibile e di tutte le nostre azioni future. In questo modo entra nella ...

06/03/2020

Edilizia e green job: le opportunità che offre la sostenibilità

Con “green jobs” si intendono nuove opportunità lavorative in diversi settori, che richiedono l’impiego di personale qualificato ed esperto per sviluppare servizi e prodotti nel rispetto di ambiente e natura. Ecco cosa sono e quali ...