IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Associazioni e parlamentari EU chiedono di non rinnovare i dazi per i pannelli solari ‘made in China’

Associazioni e parlamentari EU chiedono di non rinnovare i dazi per i pannelli solari ‘made in China’

Inviate 2 lettere alla commissaria Ue al Commercio Cecilia Malmstroem: i dazi europei hanno contribuito al rallentamento del mercato

Nell'ultimo periodo la commissaria Ue al Commercio Cecilia Malmstroem si è vista recapitare 2 lettere con la richiesta di non rinnovare i dazi per i pannelli solari ‘made in China’.

Il 4 giugno 2013, dopo un'inchiesta durata 9 mesi, la Commissione europea ha deciso di istituire dazi anti-dumping provvisori sulle importazioni di pannelli solari, celle e wafer dalla Cina. Nell'ambito dell'indagine la Commissione aveva accertato che le società cinesi vendevano pannelli solari all'Europa a prezzi assai inferiori al valore normale di mercato, danneggiando così considerevolmente i produttori Ue.

A fine luglio 2013, Bruxelles e Pechino hanno raggiunto un'intesa amichevole, che prevedeva un prezzo minimo per i pannelli solari ‘made in China’ importati in Europa. L'accordo raggiunto permetteva ai produttori cinesi di esportare in Ue fino a 7 GW di prodotti fotovoltaici senza pagare dazi, purché il prezzo non fosse inferiore ai 56 centesimi per watt. A partire dal 6 dicembre 2013 l'Ue ha deciso di confermare l'accordo con i produttori cinesi, esentandoli dal pagamento dei nuovi dazi.

Le misure anti-dumping avranno effetti fino al 7 dicembre 2015. Scadenza cui guardano gli operatori europei del fotovoltaico.


SolarPower Europe, insieme ad altre venti associazioni europee di operatori del fotovoltaico rappresentative di 19 Paesi europei, tra cui assoRinnovabili, ha inviato la prima missiva alla commissaria Ue al Commercio Cecilia Malmstroem, chiedendo di non rinnovare i dazi anti-dumping e anti-sovvenzioni per i moduli e le celle importate dalla Cina.

Dall'introduzione dei dazi, denunciano le associazioni, le installazioni di fotovoltaico in Europa sono scese considerevolmente, assommando nel 2014 ad appena 7 GW.

Il ritorno alla normalità degli scambi con Pechino “accrescerà l'intera catena del valore del solare europeo, inclusa la produzione di impianti, componenti, materiali, inverter”. Piuttosto che frenare l'import dalla Cina, sottolineano le associazioni, l'Europa dovrebbe garantire un'elevata qualità e innovazione degli impianti solari, fissando severi standard e requisiti tecnici, ambientali e di prestazioni.


Dopo l'appello degli operatori del fotovoltaico, anche un gruppo di 14 eurodeputati ha scritto alla commissaria Ue al Commercio Cecilia Malmstroem con la stessa richiesta.

“Le installazioni sono calate drasticamente in Europa, passando dai 17 gigawatt del 2012 a meno di 7 nel 2014”, con un impatto anche sul piano occupazionale" e “i posti di lavoro in questi anni sono scesi da 165mila a 120mila”.

“Riteniamo che i dazi europei sui prodotti solari cinesi abbiano contribuito a questo rallentamento”, si legge nella lettera. “Un ritorno ai prezzi di mercato aiuterebbe anche i consumatori ad acquistare prodotti di qualità al miglior prezzo possibile”.

TEMA TECNICO:

Solare fotovoltaico

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
12/11/2018

La rinascita di Chernobyl: da nucleare, ad energia solare

A più di 30 anni dal disastro nucleare della centrale di Chernobyl, un impianto fotovoltaico da 1MW ha iniziato a produrre energia pulita che soddisfa il fabbisogno energetico di 2 mila abitazioni. Una rinascita per tutta la zona della vecchia ...

08/11/2018

Lo scenario per il fotovoltaico italiano da oggi al 2030

Dal convegno organizzato da Althesys a Rimini e dedicato alle prospettive del fotovoltaico in Italia è emerso che è necessario aumentare gli sforzi per assicurare il rispetto dei target fissati dalla UE. Si deve intervenire sugli impianti ...

31/10/2018

Il fotovoltaico apre la strada verso l’autoconsumo

Nel 2017 l’autoconsumo è stato pari a 4.889 GWh, ovvero il 20,1% della produzione complessiva degli impianti fotovoltaici, in crescita dell’1,9% rispetto al 2016. Un settore dalle grandi potenzialità ma che presenta ancora troppi ...

05/10/2018

- 17% per fotovoltaico, eolico e idroelettrico nei primi 8 mesi del 2018

Anie Rinnovabili ha pubblicato l'Osservatorio FER di agosto che mostra ancora un calo, -17%, delle installazioni nei primi 8 mesi dell'anno rispetto al 2017.      Nel periodo gennaio-agosto 2018 le nuove installazioni di fotovoltaico, ...

03/10/2018

La Cina sperimenta per la prima volta finestre fotovoltaiche e isolanti

I ricercatori della South China University of Technology hanno sviluppato un prototipo di finestra fotovoltaica in grado di svolgere due funzioni differenti e molto importanti: produrre energia ed isolare termicamente.   a cura di Tommaso ...

28/09/2018

Blockchain al servizio della digital energy

Il settore energetico è protagonista di una vera e propria trasformazione digitale, verso un modello di produzione decentralizzata e distribuita di energia elettrica, in cui gli acquisti e le vendite di energia elettrica saranno certificati ...

28/09/2018

Le osservazioni di Anie Rinnovabili sullo schema di Decreto FER

ANIE Rinnovabili, che ha analizzato la bozza di Decreto ministeriale di incentivazione alle FER, esprime molta soddisfazione per la programmazione su base triennale e la possibilità di installazione di moduli fotovoltaici a seguito della bonifica da ...

24/09/2018

Detrazione del 50% per sistemi di accumulo collegati al fotovoltaico

L'Agenzia delle Entrate rispondendo all'interpello di un contribuente ha chiarito che l'acquisto di un sistema di accumulo collegato al fotovoltaico, sia contestuale che successivo all'installazione dell'impianto solare, dà diritto alla detrazione del ...