IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > +2% per le rinnovabili nel primo trimestre 2018

+2% per le rinnovabili nel primo trimestre 2018

Pubblicata l'analisi trimestrale Enea per il periodo gennaio-marzo 2018: crescono i consumi di energia e le rinnovabili grazie all'ottima performance dell'idroelettrico. Emissioni CO2 stabili

 

Consumi energetici nel primo trimestre 2018 rispetto all'anno precedente

 

Enea ha pubblicato il consueto Rapporto trimestrale del sistema energetico italiano che si riferisce al periodo gennaio-marzo 2018. Rispetto allo stesso trimestre del 2017 i consumi di energia sono aumentati del 3%, con il settore civile che registra la crescita più significativa, del +4,5%; in ambito industriale l’aumento è del 2%, in linea con la produzione industriale; invariato il dato dei trasporti nonostante l’aumento degli indicatori di traffico, questo vuol dire che migliora l'efficienza dei veicoli.

 

Le rinnovabili segnano un +2%, grazie al settore idroelettrico in forte ripresa, +11%.

 

Francesco Gracceva esperto ENEA che ha coordinato l’Analisi, sottolinea che la crescita dei consumi finali più che doppia rispetto alla crescita economica del periodo è stata sostenuta dal settore civile ed è legata alle temperature più rigide di quest’inverno rispetto all’anno precedente

 

Per quanto riguarda le fonti energetiche primarie scende del 5% l’uso dei combustibili solidi, cresce dell’1% il ricorso al gas naturale, utilizzato soprattutto nel riscaldamento.

Nel primo trimestre del 2018 è aumentato del 2,5% il prezzo del gasolio rispetto allo stesso periodo del 2017, rendendolo il più alto fra i paesi dell’Unione europea. Dopo il forte aumento nel periodo di riferimento del prezzo del gas ci si aspetta una diminuzione nel trimestre in corso.

Ci si aspetta una diminuzione del prezzo dell’elettricità. “Secondo una nostra stima preliminare – commenta Gracceva - il costo medio dell’elettricità sostenuto dalle imprese con consumi elevati calerebbe del 5% a metà 2018, con un conseguente miglioramento in termini di competitività. Le riforme degli oneri di sistema avrebbero invece effetti marginali sulle imprese con consumi medio-bassi. A fronte di ciò, nei primi sei mesi dell’anno si stima un leggero incremento del prezzo dell’elettricità per le utenze domestiche (+0,7% rispetto al semestre precedente), prevalentemente a causa dell’aumento della componente ‘oneri di sistema’ in bolletta per gli sgravi concessi agli energivori”.

 

L’indice ENEA ISPRED, che misura il sistema energetico nazionale sulla base di sicurezza energetica, prezzi ed emissioni di anidride carbonica, segna una diminuzione del 7%, soprattutto a causa del peggioramento della componente decarbonizzazione (-14%).

 

Se si nota che le emissioni di COsono praticamente uguali rispetto allo stesso periodo 2017, nonostante la crescita significativa dei consumi energetici, d’altra parte non diminuiscono come richiesto per il raggiungimento degli obiettivi climatici al 2030. “Infatti, a una significativa diminuzione delle emissioni nella generazione elettrica negli ultimi due trimestri corrisponde un aumento delle emissioni nel civile e nell’industria e a un dato invariato nei trasporti. Anche per le fonti rinnovabili sembra consolidarsi una traiettoria sostanzialmente stazionaria, non in linea con gli obiettivi di crescita della quota di FER sui consumi finali di energia entro il 2030”, conclude Gracceva.

 

Praticamente stabili rispetto al primo trimestre del 2017 la componente ISPRED relativa alla sicurezza energetica e quella relativa ai prezzi.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
11/02/2019

Nel 2017 il 18,3% dei consumi in Italia coperti da rinnovabili

Nel 2017 gli 787.000 impianti a fonti rinnovabili presenti in Italia hanno coperto il 35% della produzione lorda di energia. Il Rapporto del GSE.     Cresce il ruolo delle rinnovabili in Italia, nel 2017 infatti il 18.3% dei consumi energetici ...

08/02/2019

Gli ultimi 4 anni sono stati i pi caldi di sempre

Il Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres ha chiesto un'azione urgente per il clima, mentre l'agenzia meteorologica dell'ONU conferma il record di riscaldamento globale     Dopo l'allarme lanciato dal rapporto ...

07/02/2019

La crescita di fotovoltaico ed eolico in Europa

Agora Energiewende e Sandbag hanno presentato la valutazione annuale del sistema elettrico dell'UE per il 2018: lo scorso anno l'elettricità rinnovabile ha ridotto del 5% le emissioni di CO2 nel settore energetico dell'Unione, con la progressiva ...

06/02/2019

Le citt diventano intelligenti e sostenibili

Presentati al Klimahause di gennaio gli interventi realizzati a Bolzano e Innsbruck nell’ambito del progetto Sinfonia: edifici riqualificati, fonti rinnovabili, migliorie alla rete di teleriscaldamento     I risultati del progetto europeo ...

06/02/2019

Presentata in Commissione UE la proposta per il Piano nazionale integrato Energia e Clima

Una nota del Ministero dell'Ambiente fa sapere che la proposta di Piano Nazionale Energia e Clima è stata presentata in Commissione UE: al 2030 rinnovabili al 30% e riduzione dei consumi energetici del 43%.     Il Piano stabilisce le ...

05/02/2019

A che punto la tecnologia digitale nella filiera dell'energia?

A Milano il 14 febbraio la presentazione del Digital Energy Report per fare il punto su potenziale delle tecnologie digitali, con particolare attenzione a smart city e smart community     L'Energy&Strategy Group del Politecnico di ...

31/01/2019

6 grafici per spiegare le azioni climatiche da intraprendere entro il 2020

Il think tank World Resources Institute (WRI) ha preparato un documento che aiuta a capire come rispettare l'obiettivo di limitare l'aumento della temperatura globale a 1,5°     I paesi firmatari dell'accordo di Parigi si sono ...

29/01/2019

Per lefficienza energetica dei data center europei servono meno risorse ma utilizzate meglio

La quantità di energia utilizzata dai data center nel mondo è sempre più oggetto di attenzione. Tuttavia, è possibile tagliare la spesa energetica in modo rapido e funzionale senza dover aumentare gli investimenti   Di ...