IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Edilizia scolastica a energia quasi zero in legno lamellare

Edilizia scolastica a energia quasi zero in legno lamellare

ROCKWOOL

Ad Ancona realizzato un edificio multipiano in legno lamellare per l’ampliamento dell’Istituto scolastico Collodi. Il contributo di Rockwool

 


Lo scorso 15 ottobre è stata inaugurata ad Ancona, in anticipo rispetto ai termini di consegna previsti, in soli 100 giorni, la nuova scuola primaria F. Socciarelli, ampliamento dell'esistente istituto Collodi. L'edificio realizzato in legno lamellare dalla Subissati in collaborazione con la Consultec soc. coop, si sviluppa su tre piani fuori terra, caratterizzati da un’architettura in cui i tre volumi hanno delle parti aggettanti e planimetricamente disomogenee, sottolineate anche dai diversi colori, che caratterizzano l’edificio anche con giochi di luci ed ombre.
Il sistema costruttivo utilizzato è un telaio in legno lamellare di tipo ''Post and Beam'' o, più semplicemente, sistema a pilastri e travi, con solai di piano a diaframma rigido realizzati con pannelli in legno lamellare.

L’uso di questo sistema assicura una vita nominale di 100 anni al nuovo edificio e la Classe d'uso IV per un periodo di riferimento pari a 200 anni.

Considerando che il patrimonio esistente di edilizia scolastica è vetusto e necessita di interventi di ristrutturazione in chiave antisismica, energetica ed acustica, il progetto della Scuola Collodi rappresenta un riferimento per tutti gli edifici scolastici per i quali si intendano coniugare sicurezza, funzionalità ed estetica.

Il progetto

Il progetto nasce come ampliamento del preesistente Istituto Collodi e l'annessione della scuola Socciarelli, attraverso la realizzazione di un unico plesso in cui da una parte rimanesse ben chiara la specifica identità dei due poli scolastici e dall’altra vecchio e nuovo potessero coesistere con equilibrio. Il tutto si è sviluppato attraverso una facciata articolata in cui la parete centrale è sopravanzata da due corpi di fabbrica che la inglobano.
Rispetto alla struttura originale, sono state attuate operazioni di addizione e sottrazione sul volume dell'edificio, per conferirgli una grande plasticità sottolineata sulla facciata da un attento gioco di luci ed ombre, da un sapiente uso del colore e dall'utilizzo di materiali di rivestimento dalle performance elevate.
Il legno è stato scelto sia per le sue caratteristiche di sostenibilità ambientale, sia perché ha consentito di ridurre i tempi tecnici di esecuzione dei lavori e quindi anche i disagi dovuti al cantiere.
In facciata l’uso del colore e di materiali di rivestimento dalle perfomance elevate, completano la contestualizzazione del nuovo manufatto in situ.

Una scuola NZEB

L’edificio scolastico é in classe energetica A4-Energia quasi Zero, grazie a una progettazione integrata che ha considerato l’aspetto architettonico, la scelta di tecnologie impiantistiche all’avanguardia e gli involucri fortemente isolati.


 

In particolare per assicurare efficienza energetica e assoluto comfort del microclima interno sono stati installati un impianto solare fotovoltaico, un impianto a pompa di calore, un sistema di riscaldamento e raffrescamento a pavimento a bassa inerzia, un impianto di ventilazione meccanica e un sistema di illuminazione a led.

Il posizionamento di un totem nel giardino, a fianco della scala esterna di ingresso all’edificio, mostra in tempo reale i consumi del nuovo edificio, e soprattutto come questi risulteranno poco elevati a garanzia della bontà dell’intervento proposto.

 

Nelle aule sono assicurati comfort e vivibilità grazie all'illuminazione naturale, un grande isolamento acustico è garantito da particolari accorgimenti tecnici ed una qualità dell'aria ottimale è assicurata da impianti di ventilazione meccanica controllata ad alta efficienza.

 

ROCKWOOL per l'isolamento dell'involucro dell'edificio

I progettisti hanno scelto di utilizzare la soluzione di rivestimento per facciate ventilate ROCKWOOL REDAir® in grado di assicurare alti valori di isolamento termico e acustico dell'involucro, e di adattarsi in modo funzionale con i diversi volumi della facciata sia sul piano prestazionale che estetico.

 


La lana di roccia ROCKWOOL, cuore isolante della soluzione REDAir, si caratterizza perché è in grado di contenere la dispersione termica, diminuire i consumi e ottimizzare il comfort abitativo ottimale sia in inverno che in estate e garantisce ottimi parametri di isolamento acustico. Assicura inoltre la traspirabilità della facciata, la protezione dell'edificio dal fuoco e un'elevata durabilità ed ecosostenibilità.


In particolare in questo caso la soluzione REDAir prevedeva l'utilizzo del pannello isolante in lana di roccia Fixrock 033 VS di spessore 60 mm. Il materiale coibente è stato abbinato al pannello di rivestimento ROCKPANEL Colours Bright RAL 095 50 50, trattato con l'applicazione di extra ProtectPlus, e al pannello ROCKPANEL Woods Marble Oak. Il tutto ha consentito di ottenere una facciata caratterizzata da una finitura estetica di forte impatto visivo, con l'alternanza di un verde acceso abbinato alle tonalità più neutre del grigio.

 

Scheda progetto

Impresa esecutrice: SUBISSATI srl www.subissati.it

Stazione Appaltante: Comune di Ancona-AVV. Valeria Mancinelli (Sindaco)

R.U.P.: ING. LUCIANO LUCCHETTI
D.L.: ING. RICCARDO BORGOGNONI, collaboratore GEOM. LUCIANO STEFANELLI
R.U.P.: ING. LUCIANO LUCCHETTI
Progettisti: Consultec soc. coop. e Ufficio Tecnico Subissati srl
Architettura: Arch. Matteo Sarti, collaboratore Arch. Simone Antinori
Impianti: Ing. Gianluca Serpilli
Sicurezza: Ing. Omero Bassotti
Strutture: Ing. Andrea Montagna (Ufficio Tecnico Subissati)

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
14/10/2019

Un nuovo edificio colorato e sostenibile

Milano cresce e si trasforma con interventi di design e ad alta efficienza energetica, che sempre più spesso interessano le periferie. Da un progetto di riqualificazione efficiente nasce il nuovo Superstudio Maxi, spazio aperto alla creatività, ...

11/10/2019

Architettura e riciclo: arriva l’onda di New Wave per una scuola in Messico

Lo studio di progettazione UMA ha deciso di recuperare e riciclare i rifiuti in plastica per creare l’originale facciata di una scuola d'arte in Messico   la redazione      L’emergenza rifiuti è uno dei temi ...

09/10/2019

La città foresta a Cancun

Stefano Boeri, architetto italiano che ha preso parte al Climate Action Summit di New York, da anni impegnato verso lo studio di modelli di riforestazione urbana, presenta il suo progetto di Smart Forest City in Messico, un’idea di città ...

07/10/2019

La prima concert hall ad energia solare in Repubblica Ceca

Design contemporaneo, acustica curata nei minimi dettagli, 1.300 posti, sistema di raccolta dell’acqua piovana e alimentazione ad energia solare. È la concert hall della città di Ostrava, un nuovo spazio per una delle principali orchestre ...

01/10/2019

Emergenza climatica e biodiversità: la sfida degli architetti italiani

Otto studi di architettura italiani hanno lanciato una sfida dal nome Italian Architects Declare Climate and Biodiversity Emergency per far fronte all’emergenza climatica e tutelare la biodiversità. I fondatori del progetto sono Piuarch Studio, ...

26/09/2019

Il nuovo landmark di Aosta firmato Mario Cucinella

In corso ad Aosta i lavori di realizzazione della nuova università Valdostana. Il progetto è di Mario Cucinella Architects, che ha previsto la costruzione di tre nuovi edifici e il recupero dei principali corpi di fabbrica esistenti. Un progetto ...

25/09/2019

X_PUR: design e paesaggio naturale si riuniscono in un unico progetto

Vivere in città ma immersi nella natura, rafforzando la relazione tra uomo e ambiente. Una relazione forte, originale e necessaria. Tutto questo è X_PUR, nuovo concetto di città proposta dallo studio di architettura ...

18/09/2019

Tetti verdi: Turf house islandesi possibili patrimonio dell’Unesco

L’Islanda, come la maggioranza dei paesi nordici, ha sviluppato nel corso dei secoli edifici peculiari caratterizzati dalla presenza di manto erboso in copertura: le cosiddette Turf house con tetto verde, letteralmente case di torba.   A ...