IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > UpTown: presentato in anteprima un appartamento dello Smart District

UpTown: presentato in anteprima un appartamento dello Smart District

Si è di recente tenuta la presentazione dell’appartamento progettato dall’interior designer Andrea Castrignano, ubicato nell’edificio in linea ospitato dalla zona sud dello Smart District UpTown. Questo evento ha segnato l’apertura delle consegne degli appartamenti di tutto il lotto e la presentazione del progetto del nuovo lotto denominato East UpTown.

 

A cura di Fabiana Murgia

 

UpTown

 

Indice:

Castrignano ha progettato l’appartamento in stretta collaborazione con i proprietari, soddisfacendo ogni richiesta attraverso un’attenzione puntuale alle esigenze e sottolineando l’importanza del saper ascoltare, mediare e interpretare i desideri della committenza per affrontare al meglio le sfide dell’abitare contemporaneo.

 

Ha infatti dichiarato: “Ho cercato di interpretare e soddisfare le esigenze dei focalizzandomi soprattutto su dettagli esclusivi e sull’uso del colore che per me resta la primaria fonte di ispirazione. La casa ha un mood romantico, ottenuto sia attraverso l’uso di tonalità chiare e molto rilassanti, sia mediante l’applicazione di carte da parati a tema floreale.”

 

Gli spazi dell’appartamento sono accomunati dall’utilizzo della tonalità sabbia e dall’adozione di una particolare sfumatura di blu; movimentati dalla presenza di wallpaper dal tema floreale sui toni del blu, per il bagno e la camera da letto, e con sfondo chiaro per lo spazio dedicato allo studio.

 

Per la cucina si è pensato, invece, a un rivestimento in fibra di vetro che occupa una parete ritraendo l’enigmatica Monna Lisa.

 

 Interno del nuovo appartamento

 

Non manca lo studio dettagliato dell’illuminazione che prevede faretti in stile minimal per la cucina, il disimpegno, il bagno en suite e la cabina armadio, lasciando spazio a un’illuminazione diffusa.

 

L’impiego di chandelier in vetro e cristallo e applique dal fascino retrò ha permesso di conferire una parvenza estetica di qualità all’illuminazione, donando un tocco di eleganza agli spazi abitati.

 

La continuità tra gli spazi è segnata dall’installazione di una porta scorrevole in vetro che introduce al corridoio dalla zona giorno, mantenendo la luminosità nella zona notte.

 

La scelta dei rivestimenti ha prediletto l’utilizzo di legno, pietra e materiali naturali, riconoscibili nella bellezza del parquet in noce posato a spina di pesce o nel raffinato rivestimento in grès calacatta destinato al bagno e all’isola della cucina.

Il progetto della Smart City UpTown

UpTown rappresenta il primo Smart District per la metropoli meneghina e il primo quartiere residenziale a impatto zero in Italia; un progetto ambizioso che prevede la progettazione di un’area connessa di 900 mila metri quadri, dotata di residenze e servizi quali scuole, un centro commerciale e un grandissimo parco.

 

 Render UpTown School

 

UpTown si sviluppa nella zona di Cascina Merlata e si distribuisce in sei lotti, il primo dei quali, denominato South UpTown, accoglie attualmente 140 appartamenti consegnati di recente.

 

La consegna degli appartamenti che troveranno spazio nel secondo lotto, East UpTown, è prevista tra circa un anno e mezzo, ma ha già totalizzato oltre l’80% di prevendite in seguito alla presentazione del progetto.

 

Le previsioni progettuali parlano di un totale di 2.500-2.700 abitazioni che potranno essere fruite entro il 2026, data fondamentale per Milano che si troverà ad accogliere i Giochi Olimpici invernali.

 

Promotrice del progetto è EuroMilano, una società di consulenza e sviluppo immobiliare che si sta occupando della riqualificazione di quest’area urbana inutilizzata.

 

Oltre alle residenze UpTown darà spazio allo sviluppo di un UpTown Park di 250 mila metri quadri di superficie e 10 km di piste ciclabili, un UpTown Mall di 65 mila metri quadri con ipermercato, negozi, cinema multisala, bar e ristoranti e un UpTown School di 25 mila metri quadri comprendente 2 asili nido, scuola materna, elementari e medie con programmi all’avanguardia, oltre ad infrastrutture sportive.

Il progetto East UpTown

Per il nuovo lotto sono previste tre torri, due che si alzeranno per 13 piani e una che supererà la coppia totalizzando 24 piani, e due edifici in linea da dieci piani; un progetto che porta la firma di Alessandro Scandurra e Umberto Zanetti. 

 

 Render residenze UpTown

 

Il cantiere del lotto East UpTown è stato avviato a settembre 2018 e verrà ultimato entro giugno 2020. 

 

Il progetto è caratterizzato dalla stretta relazione tra spazio verde e spazio costruito, la cui conformazione strutturale consente di generare una sequenza articolata di ambienti collettivi e comuni che circondano i complessi ricavati nel verde.

 

Il Parco di Cascina Merlata, movimentato dai percorsi pedonali, penetra all’interno degli spazi edificati cingendo le aree private. 

 

L’ingresso agli edifici è segnato dalla presenza di una grande hall e di alcune funzioni collettive ad uso condominiale come sale ricreative comuni con locali cucina, locali lavanderia, locali per ricovero di carrozzine, locale palestra e area wellness. 

 

Lo sviluppo degli edifici in linea permette di mostrare il prospetto longitudinale principale sul lato ovest del lotto, rapportandosi in maniera chiara con il parco e generando una disposizione interna che vede gli ambienti delle zone giorno affacciarsi sul parco mentre le zone notte si dispongono prevalentemente sul lato est aggiudicandosi una visuale meno pregiata, ma soleggiata nelle ore mattutine. 

 

La presenza di balconi profondi sul fronte ovest movimenta la facciata generando forti ombreggiature, a differenza del fronte est che risulta essere più compatto e ritmato dalle fenditure delle aperture a tutta altezza delle finestre. 

 

La tipologia a torre coincide con l’estrusione di una pianta poligonale ruotata richiamando alla mente l’immagine delle piccole torri milanesi. 

 

Lo sviluppo della vegetazione non si ferma solo al parco, ma interessa anche le ampie terrazze degli edifici nelle quali sono installati cavi per rampicanti ed elementi vetrati fissi e scorrevoli per la regolazione del microclima esterno. 

Tecnologia e sostenibilità

La sostenibilità dello Smart District UpTown si rispecchia nella volontà di prediligere una mobilità green tramite la dotazione di servizi di car e bike-sharing a disposizione degli abitanti e l’installazione di colonnine per la ricarica di auto elettriche.

 

 UpTown Park

 

Per quanto riguarda l’impronta tecnologica degli appartamenti sarà possibile godere del raffrescamento generato con la geotermia e del teleriscaldamento per la produzione di calore recuperando quello prodotto dal trattamento dei rifiuti. 

 

Grazie all’impiego di tecnologie avanzate e alla collaborazione con partner di eccellenza tutti gli elettrodomestici saranno connessi ad internet e potranno essere gestiti da remoto, mentre per l’illuminazione è prevista l’installazione di pannelli fotovoltaici e lampade a LED.

 

La gestione dell’appartamento potrà avvenire in tutta sicurezza garantendo il controllo dei consumi.


 

16/10/2017 

UpTown sarà uno smart district verde, ecosostenibile, caratterizzato da spazi di aggregazione e di socializzazione, domotica e servizi pubblici facili da fruire.

 

uptown, posata la prima pietra del primo smart district di milano

 

Sono partiti i lavori per la realizzazione di UpTown, il primo smart district di Milano firmato EuroMilano e realizzato nell'ambito del progetto di recupero di Cascina Merlata, nella zona nord ovest del capoluogo meneghino, con attenzione al costruire ecosostenibile, agli spazi verdi e al benessere dei cittadini.

 

Un progetto di recupero importante di un'area, che va dalla Fiera di Milano a Arexpo, considerata come periferica e che EuroMilano intende trasformare, proponendo un nuovo modello di sviluppo per il mercato immobiliare e per la città intera.

 

Il cantiere sta già suscitando interesse e partecipazione, tanto è vero che al suo avvio le vendite delle abitazioni hanno superato il 60% di quanto è in fase di realizzazione.

 

Il progetto prevede la realizzazione di 137 appartamenti in residenza libera, curati dagli studi di architettura Scandurra e Zanetti Design e Architettura, selezionati da EuroMilano tramite concorso e realizzati con la nuova tecnologia Bim – Building Information Modeling.

 

Per rispondere alle esigenze dei cittadini e dell'odierna edilizia, saranno centrali gli spazi verdi fruibili dai cittadini, l'attenzione all'ambiente con soluzioni ecosostenibili, l'uso di tecnologie connesse, spazi di aggregazione e di socializzazione, domotica, servizi pubblici semplici da fruire, che permetteranno agli abitanti del quartiere di raggiungere facilmente il centro città, pur garantendo la totale tranquillità.

 

La peculiarità del progetto è che sa integrare le più innovative tecnologie domotiche e di smart building all'attenzione assoluta alla qualità della vita dei residenti.

 

Le abitazioni saranno in classe energetica A+ e potranno essere personalizzate a seconda del proprio gusto. Massima attenzione, come dicevamo, al benessere dei cittadini, tutti gli edifici infatti saranno dotati di una serie di spazi per la socializzazione e il comfort, che necessiteranno di bassi costi di gestione, dalla palestra al building trainer, dal nido alle aree di coworking, dalla lavanderia alla cucina.

 

EuroMilano proporrà giornate di "cantiere aperto" per dare la possibilità ai futuri residenti di vedere lo stato di avanzamento lavori: prima di Natale 2017 per visitare la piattaforma del piano terreno, a giugno 2018 per la visita in elevazione, a Natale 2018 per la copertura, a marzo/giugno 2019 per la consegna degli appartamenti.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
18/10/2019

Manovra: due miliardi subito dalle tasse sull’ambiente, e arriva la plastic tax

La Manovra vale 11 eco-miliardi in tre anni. Dialettica con dl Clima anche su inquinamento. La Legge di Bilancio dovrebbe riflettere il Dpb che per il Green new deal del governo punta a un coinvolgimento di tutti i ministri sulla sostenibilità. ...

18/10/2019

Risparmio del 70% sui consumi grazie alla riqualificazione efficiente

Il Sindaco Sala ha partecipato all’inaugurazione di un condominio riqualificato a Milano, che rappresenta un ottimo esempio di cosa si possa fare dalla collaborazione tra istituzioni, aziende e cittadini. Un intervento congiunto di sostituzione della ...

17/10/2019

Innovativo progetto di bioedilizia in calce e canapa

In via di realizzazione a Eslöv, in Svezia un centro yoga realizzato in bioedilizia: grazie a una tecnologia italiana che utilizza biocompositi in calce e canapa, l’edificio potrà assorbire più CO2 di quanta ne verrà ...

16/10/2019

Nuove celle fotovoltaiche dagli scarti della vinificazione

Siglata una partnership tra l'Università Ca’ Foscari Venezia e l'azienda produttrice di prosecco Serena Wines 1881 per lo sviluppo di innovative celle fotovoltaiche dalla feccia della vinificazione      Al via ...

16/10/2019

Salento, Cucinella firma il nuovo ospedale

Il nuovo nosocomio per l’Asl di Lecce vuole coniugare l’eccellenza sanitaria con un’architettura sostenibile e umana. Sarà un edificio unitario in grado di superare il vecchio modello dell’ospedale organizzato per padiglioni. Si ...

15/10/2019

BioSolar Leaf: il sistema di pannelli con micro-alghe per pulire l’aria

BioSolar Leaf è una soluzione innovativa sviluppata dalla startup britannica Arborea in collaborazione con l'Imperial College di Londra. Si tratta di un sistema di coltivazione che sfrutta la crescita di micro-alghe all’interno di pannelli ...

14/10/2019

Un nuovo edificio colorato e sostenibile

Milano cresce e si trasforma con interventi di design e ad alta efficienza energetica, che sempre più spesso interessano le periferie. Da un progetto di riqualificazione efficiente nasce il nuovo Superstudio Maxi, spazio aperto alla creatività, ...

11/10/2019

Architettura e riciclo: arriva l’onda di New Wave per una scuola in Messico

Lo studio di progettazione UMA ha deciso di recuperare e riciclare i rifiuti in plastica per creare l’originale facciata di una scuola d'arte in Messico   la redazione      L’emergenza rifiuti è uno dei temi ...