IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Lucca: parte il progetto REBIR

Lucca: parte il progetto REBIR

E' partito il progetto “Rebir – risparmio energetico, bioedilizia, riuso” che vede coinvolti, oltre alla Provincia di Lucca, la Camera di commercio, l'Istituto nazionale di bioarchitettura, l'Environment Park di Torino e la Sevas società elettrica Valle del Serchio.

Si è tenuta, questa mattina, la prima riunione a Palazzo Ducale che è servita per impostare le attività dei prossimi mesi. Il progetto – presentato alla Regione Toscana dal Servizio ambiente dell'amministrazione provinciale, in risposta al bando per il cofinanziamento di programmi di attivazione di Agenda 21 locali – si pone l'obiettivo di dare un impulso alla sensibilizzazione verso la bioedilizia, all'utilizzo, quindi, di materiali non nocivi ed ecologici e, al tempo stesso, ridurre al minimo l'impatto sull'ambiente nonché limitare l'utilizzo di consumo delle risorse non rinnovabili. “Agenda 21” è un programma delle Nazioni Unite dedicato allo sviluppo sostenibile: consiste in una pianificazione completa delle azioni da intraprendere, a livello mondiale, nazionale e locale dalle organizzazioni delle Nazioni Unite, dai governi e dalle amministrazioni in ogni area in cui la presenza umana ha impatti sull'ambiente.

“Rebir”, sarà avviato innanzi tutto su un progetto per un edificio campione, attraverso il quale quindi, vuole sviluppare in modo concreto il tema della bioarchitettura e della bioedilizia attravero il monitoraggio di un edificio campione e, inoltre, sarà predisposta una specifica sezione sul sito di Agenda 21, dove saranno disponibili tutti i materiali prodotto durante l'evolversi del progetto. Al termine verrà organizzato un seminario di presentazione dei risultati. Il progetto ha un costo totale di 106mila euro, cofinanziato per il 70 per cento dalla Regione Toscana e per il 30 per cento dalla Provincia di Lucca: le attività che riguardano questa iniziativa avranno una durata di 18 mesi.

“Il progetto – spiega l'assessore provinciale all'Ambiente, Maura Cavallaro – si colloca nell'ambito del processo di Agenda 21, intrapreso nel 1998 dalla Provincia di Lucca, con l'adesione alla Carta di Aalborg e proseguito con la stesura del Piano di azione. “Rebir” implica che l'abitare sia costruito in maniera sostenibile. E' su questo concetto che entrano in gioco diversi attori con relazione piramidali: alla base sta il “cittadino”, il quale, mediante comportamenti sostenibili, partecipa attivamente alla trasformazione del territorio (raccolta differenziata, acquisti verdi, consumi energetici). Poi vi sono i progettisti, che devono mettere in grado i cittadini di utilizzare nel migliore dei modi i mezzi a disposizione (edifici, impianti, materiali). In cima alla piramide vi è l'ente pubblico che deve attuare azioni di sensibilizzazione verso entrambi, per poter realizzare quella sostenibilità ambientale conclamata nei piani e programmi politici”.

L'iscrizione al gruppo di lavoro Forum Ag21 è aperta e per l'adesione si può contattare l'ufficio: Provincia di Lucca – Dipartimento Ambiente e Sviluppo – U.O.C. Sviluppo sostenibile, Agenda 21, Comunicazione – Cortile Carrara – Tel: 0583/417391 – 417300 – mail: info.agenda21@provincia.lucca.it

progetto rebir lucca

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
11/12/2018

In pochi paesi politiche ambientali adeguate agli obiettivi dellAccordo di Parigi

Presentato a Katowice in occasione della COP24 il Rapporto Germanwatch sulle performance climatiche di 56 paesi. In pochi hanno attuato politiche coerenti con gli obiettivi fissati a Parigi, l'Italia 23esima perde posti     E' stato ...

10/12/2018

Ledificio per uffici pi sostenibile al mondo? Il Bullitt Center di Seattle

Realizzato quattro anni fa, il Bullitt Center di Seattle può vantare diverse tecnologie che l’hanno reso uno degli edifici più sostenibili al mondo. Certificato Living Building Challenge, per i prossimi 250 anni eviterà bollette ...

10/12/2018

Nel 2018 emissioni di CO2 in crescita dello 0,5%

Allarme IEA: Le emissioni di carbonio delle economie avanzate aumenteranno nel 2018 di circa lo 0,5% per la prima volta in cinque anni, invertendo la tendenza al ribasso     Secondo l'Agenzia Internazionale per l'Energia, sulla base degli ...

07/12/2018

Una foresta urbana a Treviso

A Treviso, di fronte al fiume Sile, dove un tempo sorgeva una struttura industriale in abbandono, lo studio Stefano Boeri Architetti ha realizzato un piccolo “bosco urbano” a misura della città   a cura di Claudia ...

06/12/2018

Al MIT si lavora ad una batteria che mangia la CO2

I ricercatori del Massachussets Institute of Tecnology stanno sviluppando una batteria al litio creata dal biossido di carbonio prodotto dalle centrali elettriche. Un modo innovativo con cui ridurre i gas serra nell’atmosfera.   a cura di Tommaso ...

06/12/2018

COP24: una corretta azione per il clima potrebbe salvare un milione di vite

In occasione della COP24 in corso a Katowice in Polonia fino al 14 dicembre, l'OMS ha presentato un Rapporto che sottolinea che un'azione coraggiosa sul clima potrebbe salvare un milione di vite, creando ricchezza per i paesi. Ogni anno ...

05/12/2018

A ottobre crescono idrico ed eolico

Segno + a ottobre per la domanda di energia in Italia. +25,1% la produzione idrica e +17,4% per quella eolica. In calo la produzione fotovoltaica       Terna, società che gestisce la rete elettrica nazionale, ha pubblicato il ...

30/11/2018

La strategia europea verso le emissioni zero al 2050

Adottata dalla Commissione europea una visione strategica di lungo termine per un'economia prospera, moderna e a impatto climatico zero entro il 2050 – Un pianeta pulito per tutti. Per Legambiente lo sforzo non è sufficiente     La ...