IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Oggi la firma a New York dell'accordo per salvare il clima!

Oggi la firma a New York dell'accordo per salvare il clima!

I governi si impegnano ufficialmente a limitare l'aumento della temperatura entro 1.5° e dovrebbero annunciare i singoli programmi

 

Il Palazzo delle Nazioni Unite a New York ospita oggi, in occasione della Giornata Mondiale della Terra, la firma del testo dell'Accordo di Parigi, approvato lo scorso dicembre e sottoscritto da 195 paesi, che dovrebbe dare finalmente il via ai processi da parte di tutte le Nazioni, che assicurino il raggiungimento dell'obiettivo di contenere l’aumento della temperatura media globale al di sotto di 1.5°C, così da contrastare le emissioni di gas serra e assicurare una transizione verso le tecnologie rinnovabili e un mondo indipendente dalle fossili.

 

I rappresentanti dei vari paesi dovrebbero ora presentare i propri programmi per la ratifica dell'accordo e il mantenimento dell'impegno a mantenere il surriscaldamento al di sotto di 1,5°. Perché il testo entri in vigore infatti è necessario che almeno 55 paesi, che devono coprire almeno il 55% delle emissioni globali, ratifichino, approvino o accettino l’Accordo nei rispettivi parlamenti. 

 

Il ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti e il premier Matteo Renzi sono a Ney York alla cerimonia di firma dell’accordo sul Clima di Parigi che verrà sottoscritto per l’Italia del primo ministro. 

 

Il WWF, per quanto soddisfatto che si sia arrivati alla firma dell'accordo, evidenzia che questa costituisce solo un primo passo di un percorso complesso e che sia necessario avviare sin da ora azioni molto ambiziose per la riduzione delle emissioni, investendo in efficienza energetica e uso di energie rinnovabili, che permettano di "rimanere sotto la soglia di rischio estremo per i sistemi naturali della Terra e per le comunità umane più vulnerabili del pianeta".

 

Secondo il WWF è necessario che le Nazioni offrano molte più certezze sui finanziamenti per il clima in modo che vi siano risorse sufficienti per la transizione verso un'economia a zero carbonio, nonché per fronteggiare gli impatti ormai inevitabili dei cambiamenti climatici con efficaci politiche di adattamento.

 

Kyoto Club in una nota invita il Presidente del Consiglio ad attivare velocemente "gli investimenti italiani quantificati alla COP21 in 4 miliardi di dollari per i prossimi 5 anni – del Green Climate Fund: rispetto a Francia, Germania e Regno Unito, siamo in ritardo e questo, oltre che rallentare il nostro impegno nell’attuazione dell’Accordo di Parigi, penalizza le eccellenze italiane della sostenibilità”.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
24/05/2019

Addio plastica monouso: dal 2021 considerata fuori legge

La plastica monouso verrà definitivamente bandita dal 2021. Lo ha stabilito una direttiva ratificata dal Consiglio dell'UE lo scorso 21 maggio, segnando la svolta tanto attesa in seguito alle proposte avanzate dalla Commissione per affrontare il ...

22/05/2019

Risparmio energetico e riqualificazione degli edifici

Il risparmio energetico comprende sia gli interventi che consentono di ridurre il consumo di energia per svolgere le nostre attività, sia quelli che permettono di produrre energia a minor impatto ambientale e dispendio ...

21/05/2019

Ad aprile cala la produzione elettrica, ancora in crescita l'eolico

Ad aprile cala dello 0,6% la domanda di elettricità in Italia, l'eolico ancora positivo segna un +20,8%.  Il fotovoltaico copre il 9,1% della domanda ma cala la produzione     Pubblicato da Terna - società che gestisce ...

20/05/2019

Ambiente e lotta a cambiamenti climatici, mappa programmi per prossime Europee

C’è un po’ di verde in tutti i partiti che corrono per le elezioni Ue. Il nostro Paese sembra indietro se si guarda al Piano clima e energia. Servono scelte di fronte agli impegni decisi dalla Cop21 a Parigi. E un po’ tutti se la ...

17/05/2019

Produzione di energia pulita in crescita in Italia

Il GSE, società impegnata nella promozione dello sviluppo sostenibile, ha reso pubblico il rapporto relativo all’attività di consumo energetico in Italia nel corso del 2018, dal quale si evince che il 18,1% del fabbisogno energetico ...

17/05/2019

Record idrogeno green grazie al solare a concentrazione

I ricercatori dell'EPFL hanno creato un dispositivo intelligente in grado di produrre grandi quantità di idrogeno pulito. Installato un impianto pilota nel campus dell'EPFL.       Produrre idrogeno pulito in grandi qualtità ...

16/05/2019

Ricavare idrogeno e metano dalle acque reflue dei frantoi

In occasione dell’evento InnovAgorà, tenutosi presso il Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano, ENEA ha presentato la tecnologia che permette di ricavare energia pulita dalle acque residue dei frantoi.   A cura di Fabiana ...

13/05/2019

Energia, l’Italia ha un ruolo strategico nella ricerca

Nella transizione energetica che vive il sistema elettrico l’Italia ha un ruolo strategico. Lo ha affermato il sottosegretario Davide Crippa in visita da CESI e RSE   a cura di Ivan Celeste   Da sinistra Matteo Codazzi - CESI, Davide ...