IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Traverse ferroviarie in gomma: la sfida sostenibile di Greenrail™

Traverse ferroviarie in gomma: la sfida sostenibile di Greenrail™

La realizzazione di traverse ferroviarie in gomma può sembrare una sfida fuori dal comune, eppure è realtà grazie a Giovanni Maria De Lisi e alla start up Greenrail™ da lui fondata nel 2012. Il progetto delle traverse sostenibili è frutto di una tecnologia che combina una miscela di gomma derivante da pneumatici fuori uso e plastica da rifiuto urbano, con la possibilità di integrare diverse soluzioni quali sistemi FV. L’inaugurazione della prima tratta è avvenuta per la linea Reggio Emilia – Sassuolo.

 

A cura di Fabiana Murgia

 

Giovanni Maria De Lisi

Giovanni Maria de Lisi, CEO di Greenrail™ (foto di greenrailgroup)

 

Indice:


Greenrail™ ha percorso parecchia strada e nel corso degli anni è stata interessata da una crescita significativa nel numero di professionisti attivi nel progetto e nelle collaborazioni con i partner sostenitori della missione aziendale, tra cui Politecnico e Fondazione Politecnico di Milano che collaborano costantemente attraverso i propri centri di ricerca, affermando la propria immagine sul mercato internazionale.

 

La start up, infatti, si impegna costantemente nella progettazione e nella realizzazione di traverse di ogni tipo, conformandole contemporaneamente alle normative internazionali e alle specifiche esigenze locali.

 

Questo sistema altamente sostenibile si distingue dalle tradizionali traverse in calcestruzzo per la durata in opera di gran lunga maggiore; un aspetto che genera una notevole riduzione dei costi legati all’impiego di materie prime e al consumo di energia nella produzione industriale.

 

La capacita della traversa Greenrail™ di integrare diversi sistemi e dispositivi, tra i quali sistemi fotovoltaici per la produzione di energia solare e dispositivi per la trasmissione di dati di diagnostica e sicurezza, rende questa soluzione la scelta migliore da tutti i punti di vista.

 

Caratteristiche delle traverse ferroviarie Greenrail™

La composizione della traversa Greenrail™ si distingue in una parte esterna, rivestita da una cover a base di pneumatici fuori uso e plastica riciclata, e una struttura interna in calcestruzzo armato precompresso, con la garanzia di un’elevata resistenza meccanica alle sollecitazioni e alle vibrazioni che agiscono tipicamente sulle traverse ferroviarie.

 

 Traversa ferroviaria in gomma

 

Tale struttura interna in calcestruzzo permette, inoltre, di realizzare tratte ferroviarie ad alta velocità.

 

Greenrail™ utilizza il sistema di attacco rotaia a “W” premontato in fabbrica, velocizzando il montaggio e offrendo la possibilità di impiegare i comuni sistemi meccanizzati per il rinnovamento e la posa dei binari.

 

Questi sono solo alcuni dei vantaggi del sistema che, impiegando la gomma a rivestimento della struttura interna, riduce drasticamente la polverizzazione del ballast e incrementa la resistenza allo spostamento laterale dei binari.

 

Si riscontra, poi, un significativo isolamento elettrico, nonché una migliore resistenza al fenomeno di gelo/disgelo e una funzione di protezione della struttura interna che viene preservata dall’aggressione di fenomeni atmosferici, sabbia ecc.

 

Non è da trascurare il fattore isolamento acustico ottenuto grazie alla riduzione delle vibrazioni e delle rumorosità generate solitamente dal traffico ferroviario.

 

Il contributo al riutilizzo di rifiuti plastici e di pneumatici fuori uso, garantito da questo sistema, è un aspetto fondamentale per ostacolare l’allarmante fenomeno di sovra-inquinamento che sta interessando la nostra epoca.

 

Realizzare 1670 traverse, ossia un chilometro di linea ferroviaria, con la tecnologia brevettata Greenrail™ vuol dire riciclare fino a 35 tonnellate di plastica e pneumatici fuori uso, prendendo parte al processo circolare su cui si fonda la Green economy.

 

Le soluzioni integrate: Greenrail Solar™ nella tratta Reggio Emilia – Sassuolo

Greenrail™ presenta una particolare struttura adatta all’integrazione di varie tipologie di sistemi, tant’è che la ricerca si trova impegnata in diversi progetti finalizzati all’implementazione di alcune soluzioni per accentuare l’aspetto sostenibile della traversa.

 

 Linea Reggio Emilia - Sassuolo

 

Tra questi progetti troviamo Greenrail Solar™, il sistema che integra un modulo fotovoltaico trasformando le linee ferroviarie in veri e propri campi fotovoltaici per la produzione di energia sostenibile.

 

Il primo successo di Greenrail Solar™ in Italia è stato dimostrato con l’inaugurazione della tratta ferroviaria Reggio Emilia – Sassuolo.

 

Si tratta della prima linea smart che utilizza il sistema integrato con pannelli fotovoltaici a sostegno dello sviluppo infrastrutturale sostenibile finalizzato al risparmio energetico, in abbinamento ai sistemi “LinkBox” e “Piezo”.

 

Grazie all’impiego delle traverse Greenrail Solar™ la linea ferroviaria riesce a produrre sino a 35 MWh/anno di energia per ogni km di linea, mentre il sistema “LinkBox” permette di effettuare una diagnostica real-time per la manutenzione predittiva e la garanzia di sicurezza e telecomunicazioni con la collaborazione del sistema “Piezo” che integra sistemi piezoelettrici finalizzati, anch’essi, alla diagnostica.

 

La tratta Reggio Emilia – Sassuolo ha avuto un ruolo sperimentale e i risultati dei test condotti hanno generato entusiasmo nei rappresentanti delle istituzioni che hanno partecipato all’inaugurazione.

 

L’Assessore ai trasporti reti infrastrutture materiali e immateriali, programmazione territoriale e agenda digitale Raffaele Donini si è espresso in merito: “La Regione Emilia Romagna che ha investito moltissimo sulle ferrovie in termini di sicurezza ed innovazione è orgogliosa di essere la prima regione che sta sperimentando questa nuova tecnologia. E’ motivo di orgoglio ma anche di responsabilità, per questo siamo sicuri di voler continuare ad investire nella cura della strada ferrata in termini di sostenibilità ed efficienza perché, quando si hanno dei buoni progetti con delle idee valide come quelle di Greenrail, i fondi per l’upgrade si trovano sempre.”

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
13/09/2019

A Klimahouse Lombardia 2019 la nuova palestra scolastica nZEB

In occasione di Klimahouse Lombardia 2019, fiera annuale dedicata all’educazione e allo sviluppo sostenibile e sensibile ai temi di riqualificazione del patrimonio scolastico, sarà possibile visitare il cantiere della nuova palestra della Scuola ...

12/09/2019

Boeri lancia ForestaMi, la foresta urbana da 3 milioni di alberi per Milano

Stefano Boeri lancia un nuovo progetto di riforestazione urbana per Milano. ForestaMi prevede la piantumazione di centomila alberi solo quest’anno, per raggiungere una quota di oltre tre milioni di piante entro il 2030. Si parte da parchi e scali ...

12/09/2019

Un nuovo materiale lascia passare la luce e trattiene il calore solare

In un lavoro pubblicato sulla rivista ACS Nano, un team di ricerca del MIT ha confermato di aver prodotto un materiale leggero, con struttura in silice, capace di trattenere il calore solare. Si tratta di un tipo di aerogel in grado di far passare il 95% ...

11/09/2019

Nuovo Governo: lo sviluppo sostenibile parte integrante della Legge di Bilancio

Il discorso del premier Giuseppe Conte sulla fiducia, stop a nuove trivelle e al via con il ‘green new deal’. Tanti i temi ambientali da portare avanti, dall’economia circolare all’inserimento dei principi ecologici nella ...

10/09/2019

Città, un decalogo green contro il climate change

Per ridurre gli effetti del climate change le città devono essere parti attive. Da qui nasce la dichiarazione per l’adattamento ai cambiamenti climatici   a cura di Andrea Ballocchi     Indice degli argomenti: Il ...

09/09/2019

I buoni progetti europei

Al via BUILD UPON2, il secondo capitolo del progetto di World Green Building Council e dei suoi partner tra cui anche Green Building Council Italia, finanziato dall’Unione Europea  e mirato a riqualificare gli edifici entro il ...

06/09/2019

Efficienza energetica e innovazione: Cover App lancia il davanzale coibentato

La necessità di rendere gli edifici sempre più efficienti dal punto di vista energetico ha spinto alla creazione di soluzioni innovative e ingegnose nell’ambito dell’edilizia sostenibile. Ne è un esempio l’idea ...

05/09/2019

Pannelli isolanti dai rifiuti e riciclo dei pannolini

Il progetto Recepit, nato dalla collaborazione tra la divisione ricerca di AzzeroCO2, Modoolab, e il Cnr, rende possibile il recupero della componente cellulosica dei prodotti assorbenti che, non essendo biodegradabili, ogni anno in Italia arrivano a 170mila ...