Nuovo skyline per Lodi con Torre Zucchetti

A cura di:

L’ormai ex Pirellino rinasce più eco-friendly che mai

La nuova Torre Zucchetti a Lodi

In occasione della tanto attesa inaugurazione, si torna a parlare di Torre Zucchetti, la nuova futuristica impresa di Marco Visconti.

Realizzato con la collaborazione di MAP Carpenteria e Ediltecno Restauri, il progetto tutto green punta alla certificazione LEED, con alti standard di risparmio energetico e idrico, riduzione di emissioni CO2 e il miglioramento della qualità ecologica degli interni.

L’edificio ospiterà parte degli uffici Zucchetti, software house italiana che si occupa di soluzioni per imprese e professionisti. Partita da Lodi, città che le ha dato i natali, l’azienda in poco più di dieci anni si è distinta nel settore, con ricavi (solo in Italia) oltre i 386 milioni nel 2016, più di 135.000 clienti complessivi e una strategia che mira all’espansione.

Nelle intenzioni, riuscite, di Zucchetti, la realizzazione di un edificio che rispecchi lo spirito avveniristico dell’azienda, dando nuova vita all’anonimo edificio degli anni ’70, il cosiddetto Pirellino, diventato un vero punto di riferimento per la città.

La famiglia Zucchetti nel giorno dell'inaugurazione

“Fare le cose vecchie in modo nuovo: questo è uno dei principi che ci guidano nella realizzazione dei nostri software e che ci ha ispirato nella realizzazione di quest’opera”, ha commentato il Presidente Alessandro Zucchetti. “Questa torre rappresenta l’essenza stessa della nostra azienda, con un edificio futuristico, ‘green’ e funzionale che rivaluta ciò che esisteva già in precedenza, senza distruggere il passato”.

Una gabbia frangisole in tubi curvi di acciaio avvolge la facciata, per assecondare il tracciato solare e l’illuminazione dell’edificio: 60 metri di “onde cerebrali” che ricordano, all’esterno, ciò che all’interno si processa. Estetica quindi, benessere degli inquilini ma anche e soprattutto sostenibilità.

Isolamento termico, ventilazione naturale attivata grazie a un camino solare, pieno sfruttamento delle energie rinnovabili; impianto fotovoltaico, installazioni di verde dentro e fuori all’edificio, una pompa di calore che utilizza acque sotterranee a 13gradi per il controllo delle temperature e perfino materiali a km (quasi) zero: tutte le materie prime provengono infatti da aree non più lontane di 350km.

La gabbia frangisole

All’ambizioso progetto non manca uno spirito di sana competizione: “Ho chiamato l’architetto Visconti e gli ho esposto la mia idea di realizzare un’opera di architettura contemporanea che possa competere con la sede della Banca Popolare di Lodi progettata da Renzo Piano”. Il fondatore del Gruppo non vuole e forse non teme rivali.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Architettura sostenibile, Solare fotovoltaico, Solare termico, Sostenibilità e Ambiente

Le ultime notizie sull’argomento

Vademecum Ecobonus 110%

Vademecum Ecobonus 110%

Da ITALIA SOLARE un vademecum per chiarire le condizioni di accesso al superbonus 110% nella realizzazione ...