Advertisement

Possibilità di liquidare il Conto energia fotovoltaico per le famiglie

Anie Rinnovabili chiede al MISE la possibilità per i proprietari di piccoli impianti fotovoltaici di liquidare anticipatamente gli incentivi

In Italia circa 180 mila famiglie sono proprietarie di piccoli e piccolissimi impianti fotovoltaici di potenza fino a 3 kW. Parte da questo dato la richiesta di Anie Rinnovabili al Ministero dello Sviluppo Economico. L’associazione che rappresenta in Confindustria le fonti rinnovabili, chiede infatti al MISE di liquidare in anticipo, su richiesta volontaria della famiglia proprietaria dell’impianto, il conto energia fotovoltaico.

In questo modo ne avrebbero vantaggio sia le famiglie che il sistema.

Risolvere volontariamente la convenzione con il GSE significa che ai proprietari di piccoli impianti vedrebbero liquidati gli incentivi che altrimenti percepirebbero nel corso del periodo residuo della convenzione di incentivazione. in questo modo si rendono disponibili nuove risorse economiche e nessun vincolo con il GSE, che possono migliorare e incrementare la produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile.
A partire dai nuovi investimenti sugli impianti esistenti attraverso il revamping, il repowering nel caso la famiglia volesse dotarsi di sistemi efficienti quali ad esempio le pompe di calore, o attraverso l’installazione di sistemi di accumulo che assicurano ai aumentare l’autoconsumo in loco e liberare risorse di rete in termini di potenza.

Anie Rinnovabili sottolinea che anche il sistema ne trarrebbe vantaggio, “in quanto i 180 mila piccoli impianti rappresentano circa il 35% del totale fotovoltaico installato ed il 3% del monte incentivi del fotovoltaico, ma la gestione di un singolo piccolo impianto costa come quella di un impianto di grande taglia. “Liberare” i piccoli impianti significa quindi ridurre i costi gestionali che gravano sulla bolletta energetica del sistema”.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Solare fotovoltaico

Le ultime notizie sull’argomento