Quali detrazioni prevede il Bonus Verde

Come sappiamo la Legge di Bilancio ha introdotto per il 2018 la nuova detrazione nota come Bonus Verde, vediamo come funziona, chi ne ha diritto e per quali interventi

Legge di Bilancio: cos'è il bonus verde e chi ne ha diritto

Un articolo pubblicato su Fisco Oggi, la rivista telematica dell’Agenzia delle Entrate, ci aiuta a comprendere nel dettaglio il nuovo Bonus Verde, introdotto dalla Legge di Bilancio 2018 e valido fino al 31 dicembre di quest’anno. Si tratta di un interessante aiuto per chi voglia abbellire il proprio giardino o terrazzo e che aiuterà anche l’ambiente, contribuendo a combattere lo smog cittadino.

La nuova agevolazione prevede una detrazione pari al 36%, entro un limite di 5.000 euro per unità immobiliare, delle spese sostenute per la sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, impianti di irrigazione e realizzazione pozzi e per la realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili.

La detrazione spetta anche per le spese sostenute per interventi effettuati sulle parti comuni esterne degli edifici condominiali, fino ad un importo massimo complessivo di 5.000 euro per unità immobiliare ad uso abitativo. In questo caso hanno diritto alla detrazione i singoli condomini nel limite della quota ad essi imputabile.

Tra le spese ammissibili vi sono anche quelle di progettazione e manutenzione connesse all’esecuzione degli interventi.

La detrazione può arrivare ad un massimo di 1.800 euro, da ripartire in 10 rate annuali di uguale importo nell’anno di sostenimento delle spese e in quelli successivi.

Il bonus verrà riconosciuto a condizione che i pagamenti siano tracciabili, quindi per esempio se effettuati con bonifico bancario o postale.

Fisco Oggi spiega che rientrano nel bonus Verde alune disposizioni specificamente previste per la detrazione delle spese relative agli interventi di recupero del patrimonio edilizio. In particolare nel caso in cui gli interventi siano realizzati su unità immobiliari residenziali adibite all’esercizio dell’attività commerciale, la detrazione spettante è ridotta del 50%; inoltre la detrazione è cumulabile con le agevolazioni previste sugli immobili oggetto di vincolo da parte del Codice dei beni culturali e del paesaggio, ridotte nella misura del 50%. Infine nel caso di vendita di un’abitazione su cui siano stati realizzati gli interventi sul verde, la detrazione non utilizzata in tutto o in parte è trasferita, per i rimanenti periodi di imposta, all’acquirente. In caso di decesso dell’avente diritto, la fruizione del beneficio fiscale si trasmette, per intero, esclusivamente all’erede che conserva la detenzione materiale e diretta del bene.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Detrazione fiscale 50% - 65%

Le ultime notizie sull’argomento