REPowerEU: il solare termico dovrà “almeno triplicare” entro il 2030

Il Piano REPowerEU e la Strategia dell’Unione Europea per l’Energia Solare definiscono il percorso per la trasformazione energetica: il settore del solare termico dovrà “almeno triplicareentro il 2030, superando i 110 GWth di capacità installata

REPowerEU: il solare termico dovrà "almeno triplicare" entro il 2030

Il settore europeo del solare termico ha accolto con favore il Piano REPowerEU – che prevede prima di tutto l’aumento dell’obiettivo per le energie rinnovabili al 45% – e la strategia dell’UE per l’energia solare, iniziative che però richiedono di accelerare in maniera rapida la diffusione delle energie rinnovabili, in particolare delle tecnologie solari – fotovoltaico e termico.

Costas Travasaros, Presidente di Solar Heat Europe ha sottolineato che l’associazione condivide il Piano e si impegnerà per una sua attuazione rapida.

Per rispettare la UE Solar Energy Strategy, che svolge un ruolo centrale per il successo del Green Deal europeo, contribuendo a ridurre la dipendenza dell’UE dalle importazioni di combustibili fossili e ad abbassare i prezzi dell’energia, sarà necessario triplicare entro il 2030 le installazioni di solare termico, superando i 110 GWth di capacità installata. “Si tratta di un obiettivo che rappresenta un contributo essenziale alla decarbonizzazione della domanda di calore dell’UE”, ha dichiarato Travasaros. “Abbiamo la capacità produttiva in Europa per moltiplicare l’attuale produzione di solare termico. Sostituiremo le importazioni di combustibili fossili con prodotti europei e posti di lavoro europei”.

La sfida principale sarà quella di implementare rapidamente le soluzioni disponibili in grado di fornire calore rinnovabile agli edifici e alle industrie dell’UE, integrando le diverse tecnologie attualmente disponibili “attraverso politiche e regolamenti di sostegno che garantiscano condizioni di parità per tutte le tecnologie solari, senza favorirne nessuna in particolare. In questo contesto le autorità nazionali e locali possono promuovere la soluzione più efficiente per ogni situazione”.

Un esempio è la proposta dell’Unione Europea di rendere obbligatori i pannelli solari sui tetti degli edifici pubblici e commerciali a partire dal 2026 e negli edifici residenziali entro il 2029.
Le misure proposte nell’ambito dell’iniziativa Solar Rooftop faciliteranno la rapida diffusione dell’energia solare eliminando le attuali barriere. “L’energia termica rifornisce già oltre 10 milioni di famiglie e con l’iniziativa Solar Rooftop possiamo aumentare la produzione di calore solare per le famiglie di 9 TWh fino al 2025, aggiungendo altri 60 GWh di accumulo di energia termica all’obiettivo proposto per il solare fotovoltaico”, ha dichiarato Pedro Dias, Segretario Generale di Solar Heat Europe.

Nel pacchetto REPowerEU, la Commissione europea ha incluso proposte di modifica di diverse direttive, in particolare per raggiungere l’obiettivo del 45% di fonti energetiche rinnovabili in Europa entro il 2030. “Da tempo sosteniamo questa maggiore ambizione”, ha sottolineato Pedro Dias. “Ora è essenziale che il Parlamento europeo e il Consiglio europeo accolgano questa rinnovata ambizione rivedendo l’obiettivo vincolante per il calore rinnovabile e quello per la decarbonizzazione dell’industria nella Renewable Energy Directive”.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia



Tema Tecnico

Solare termico

Le ultime notizie sull’argomento