Shenzhen Terraces: l’hub sostenibile che integra paesaggio e tempo libero

Un complesso di edifici ad uso misto nel cuore del quartiere universitario di Shenzhen, concepito per portare vitalità e innovazione. Un progetto sviluppato su piastre orizzontali sovrapposte, in contrasto con i grattacieli circostanti. E’ Shenzhen Terraces , con ampi spazi d’ombra, mentre la la forma arrotondata dei contorni favorisce la ventilazione naturale

A cura di:

Shenzhen Terraces: l’hub sostenibile dello studio di architettura MVRDV

Indice degli argomenti:

Lo studio di architettura MVRDV ha avviato il progetto Shenzhen Terraces, un complesso ad uso misto che si sviluppa per 95.000 mq nel cuore del quartiere universitario di Shenzhen, nel distretto di Longgang.

Shenzhen Terraces, immerso in una varietà di spazi verdi e concepito come un hub sostenibile, mira a portare vitalità e innovazione nel quartiere attraverso una perfetta integrazione fra paesaggio, tempo libero, commercio e cultura.

“In città come Shenzhen, è essenziale pensare attentamente a come lo spazio pubblico e il paesaggio naturale possono essere integrati. Spazi freschi, riparati dal forte caldo, creano una fuga dagli interni climatizzati, afferma Winy Maas, fondatore di MVRDV.

Le terrazze: estetica ed ecologica

In contrasto con le alte torri circostanti, le terrazze di Shenzhen si presentano come una serie di piastre orizzontali sovrapposte che svolgono una funzione ecologica oltre che estetica: oltre a fornire zone d’ombra, molto apprezzate nel clima subtropicale di Shenzhen, la forma arrotondata dei contorni favorisce il flusso del vento e la ventilazione naturale.

Shenzhen Terraces con le sue terrazze sviluppate in orizzontale
Le terrazze, oltre a proteggere i visitatori dal sole e offrire posti a sedere per godersi il panorama, creano ampi spazi per la biodiversità locale.

Progettati con un focus rivolto alla sostenibilità, gli spazi verdi all’aperto si mescolano con un’ampia varietà di attività, tra cui un teatro, una biblioteca, un museo, un centro conferenze e spazi commerciali, per rendere il sito un centro di incontro, apprendimento, svago, cultura e relax.

Shenzhen Terraces, l'anfiteatro

In alcune zone del complesso, le sporgenze delle terrazze si inclinano verso il basso e creano anfiteatri all’aperto, offrendo la possibilità alle persone di vivere il quartiere come se fosse un “parco tridimensionale, così come lo definisce Winy Maas.

“Le terrazze di Shenzhen possono essere viste come un parco tridimensionale che consente agli studenti di andare a lezione all’aperto nella stagione calda invece di essere costretti a rimanere negli edifici. In questo progetto non stiamo lavorando contro il clima, ma con il clima. Le terrazze naturalmente ventilate, protette dal sole grazie a tetti inclinati con forme arrotondate, diventeranno presto fantastici luoghi di ritrovo dove le persone potranno incontrarsi e studiare”.

Strutture a ponte collegano gli edifici del Shenzhen Terraces

Gli edifici sul lato occidentale sono pensati per funzionare da collante fra gli spazi educativi e commerciali. Qui trovano posto un Centro dedicato alle attività giovanile, un Centro per l’imprenditoria giovanile e un parco dei libri all’aperto. Tutte le strutture dei vari plessi sono collegate attraverso piccole strutture a ponte che uniscono le diverse aree in un percorso continuo, collegando le terrazze di Shenzhen con gli spazi circostanti.

Il paesaggio esterno si fonde con l’edificio

Nel loro concetto di design, gli architetti di MVRDV hanno attribuito molta importanza al paesaggio esterno quanto agli spazi interni, al punto che i due sembrano fondersi perfettamente in un unico ambiente. La lussureggiante vegetazione e i giochi d’acqua forniscono l’habitat ideale per la fauna selvatica urbana e hanno la funzione di ridurre la temperatura e rinfrescare l’aria.

Shenzhen Terraces: i giochi d'acqua all'esterno

In collaborazione con i progettisti di Openfabric, gli architetti hanno lavorato per creare un paesaggio diversificato che include piccole aree di vegetazione subtropicale, collinette erbose dove esporre opere d’arte, piscine riflettenti, zone per l’arrampicata e il ping pong.

Anche i tetti diventano parte del paesaggio, utilizzati non solo per i pannelli fotovoltaici e la raccolta dell’acqua piovana, ma anche per ospitare ampi prati verdi accessibili.

Tetti fotovoltaici per gli edifici del Shenzhen Terraces

Img by www.mvrdv.com

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia



Tema Tecnico

Architettura sostenibile

Le ultime notizie sull’argomento