Advertisement



Fotovoltaico: nel 2020 +18% a livello mondiale

SolarPower Europe ha pubblicato il nuovo Global Market Outlook: nonostante il grave impatto della pandemia COVID-19, nel 2020 c’è stato un nuovo record annuale di installazioni, pari a 138,2 GW, una crescita del 18% sul 2019. Appropriate misure di stimolo possono garantire un futuro brillante per il fotovoltaico nel periodo 2021-2025. 

A cura di:

Solar Power Europe: Ottime previsioni di crescita per il fotovoltaico

L’Associazione SolarPower Europe ha pubblicato il nuovo Global Market Outlook, che analizza le installazioni fotovoltaiche nel 2020 e stima la possibile crescita per il periodo 2021-2025. L’analisi di mercato ha mostrato che nel 2020, nonostante l’impatto della pandemia COVID-19, il settore a livello globale ha registrato una crescita a due cifre (+18%) e un nuovo record annuale di 138,2 GW di solare installato.

Installazioni di fotovoltaico in Europa dal 2000 al 2020

A livello globale la capacità solare installata ha superato i 773 GW, una crescita del 22%. Confrontando il decennio appena trascorso con quello precedente, la capacità globale di fotovoltaico è cresciuta di un sorprendente 1.860% – dai 41,5 GW nel 2010.

Installazioni di fotovoltaico a livello globale 2000-2020

Una crescita eccezionale che ha aiutato il fotovoltaico a mantenere la propria leadership rispetto alle altre tecnologie di generazione di energia: la quota annuale del fotovoltaico è stata pari al 39% (in calo rispetto al 48% del 2019). Si segnala l’ottima performance dell’eolico che ha collegato alla rete nuovi 114 GW, grazie soprattutto alla Cina.

Produzione di energia nel 2020 per tecnologia
Produzione di energia nel 2020 per tecnologia

Nucleare e carbone non appaiono nel grafico perché la capacità dismessa supera le nuove installazioni. Nel 2020, l’83% della nuova capacità installata appartiene alle tecnologie rinnovabili, rispetto al 59% del 2016.

La percentuale di generazione di energia solare è aumentata dello 0,5% lo scorso anno e ha generato il 3,1% della produzione globale di energia. Purtroppo quasi il 70% proviene ancora dai combustibili fossili e dal nucleare, si evidenzia dunque la necessità di accelerare rapidamente la diffusione delle rinnovabili.

La buona notizia, si legge nel Rapporto, è che i costi del fotovoltaico stanno diventando sempre più competitivi con quelli di gas, carbone e nucleare, che lo scorso anno sono aumentati. Una conferma arriva anche dal nuovo record al ribasso (a 1,32 centesimi) in una gara d’appalto in Portogallo per la realizzazione di centrali fotovoltaiche.

I principali mercati 

I primi 5 mercati solari nel 2020 sono stati la Cina con 48,2 GW di nuove installazioni, gli Stati Uniti con 19,2 GW, il Vietnam che con 11,6 GW ha quasi doppiato il dato del 2019 (6,4GW), il Giappone con 8,2 GW e l’Australia con 5,1 GW.

Anche nel 2020 la Cina ha confermato la propria leadership con 48,2 GW di nuove installazioni (+60% rispetto all’anno precedente), compensando le perdite dell’India e portando la domanda di solare nella regione Asia-Pacifico ad una quota globale del 62%.

Gli Stati Uniti hanno segnato una crescita significativa che ha portato l’area delle Americhe a un aumento della quota di mercato del 19%, mentre l’Europa ha rallentato con una riduzione del 17% della propria quota di mercato.

Nel 2020, 18 paesi hanno aggiunto più di 1 GW di solare, rispetto ai 17 del 2019 e agli 11 del 2018.

Installazioni fv: i primi 10 paesi nel 2020

L’Europa ha aumentato di poco la capacità totale installata: 23,7 GW rispetto ai 22,9 GW di nuova capacità nel 2019, un risultato tutto sommato positivo considerando che alcuni paesi sono stati particolarmente colpiti dall’emergenza sanitaria. Il 70% dei paesi del Vecchio Continente ha registrato un aumento rispetto allo scorso anno. Oltre alla Germania, bene anche i Paesi Bassi, la Polonia e la Francia. Le uniche eccezioni negative tra i mercati europei sono state la Spagna e l’Ucraina.

L’impatto dell’emergenza coronavirus  e le previsioni per il 2021

Nella prima metà del 2021, il settore solare è stato caratterizzato da un aumento dei costi per i produttori di wafer, celle e moduli, dovuto principalmente all’aumento dei prezzi del silicio (più che raddoppiati) a causa di una carenza dei materiali.

Nonostante i vari aumenti di prezzo lungo la catena del valore solare e il continuo impatto negativo di COVID-19 e delle sue varianti, SolarPower Europe prevede che il solare anche nel 2021 toccherà un nuovo record. Lo scenario medio stima un aumento della nuova capacità installata del 18% a 163,2 GW.

Fotovoltaico: previsioni di crescita tra il 2021-2025

 

Grazie ai vaccini la speranza è che l’emergenza COVID sia sotto controllo e se i governi sosterranno la ripartenza post-panemia, mettendo l’energia rinnovabile al centro delle politiche di stimolo, si prevede che il solare crescerà significativamente nei prossimi quattro anni, con una domanda annuale che nello scenario medio potrebbe aumentare del 25% a 203 GW nel 2022, 225 GW nel 2023, 239 GW nel 2024 e 266 GW nel 2025, superando 1 TW nel 2022 e, in condizioni ottimali, si potrebbe arrivare ai 2,147 TW entro la fine del 2025.

Previsioni di crescita del fotovoltaico dal 2021 al 2025

Aristotelis Chantavas, Presidente di SolarPower Europe, ha sottolineato che “nonostante il COVID lo scorso anno ha segnato un nuovo record per il fotovoltaico. Questo è un momento favorevole per investire nelle tecnologie del futuro, che ci garantiranno il raggiungimento degli obiettivi energetici e climatici. Oggi il fotovoltaico fornisce energia a basso costo e affidabile a milioni di famiglie e aziende in tutto il mondo, ed è imperativo mantenere questo slancio mentre il mondo si sta lentamente riprendendo dall’epidemia di COVID-19, assicurando che il solare sia riconosciuto nei pacchetti di crescita”.

Walburga Hemetsberger, CEO di SolarPower Europe, ha dichiarato: “Il solare ci ha sorpreso ancora una volta superando tutte le aspettative. L’anno scorso, anche gli analisti di mercato più ottimisti prevedevano un declino del mercato, eppure il solare ha dimostrato la sua resilienza e la sua inarrestabile traiettoria di crescita crescendo del 18%”.

Michael Schmela, Head of Market Intelligence di SolarPower Europe, ha sottolineato che nonostante i dati di crescita sorprendenti del fovovoltaico,  “il 70% dell’energia globale proviene ancora da fonti fossili, abbiamo bisogno di molta più ambizione da parte dei responsabili politici per consentire all’industria di accelerare la diffusione, per realizzare il potenziale completo del solare e soddisfare gli obiettivi dell’Accordo di Parigi”.


Articolo aggiornato

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia



Tema Tecnico

Solare fotovoltaico

Le ultime notizie sull’argomento