A Milano la Lighthouse Tower farà rivivere il tessuto urbano della città

6.320 metri quadrati di spazi verdi pubblici. La Torre Faro, che ospiterà i nuovi uffici della multiutility A2A, è un progetto pensato per rivitalizzare il tessuto urbano, che crea un nuovo quartiere, a misura di pedone, capace di ridurre al minimo l’impronta sull’intera area.

A cura di:

A Milano la Lighthouse Tower farà rivivere il tessuto urbano della città

Indice degli argomenti:

Progettata dallo studio internazionale di architettura e interior design Antonio Citterio Patricia Viel, ACPV, la Lighthouse Tower o Torre faro ospiterà la nuova sede milanesedella multiutility italiana A2A.

La torre punta a rivitalizzare il tessuto urbano della città, con 6.320 mq di nuovi spazi verdi e con l’obiettivo di reinventare gli spazi degli uffici aziendali, adattandoli alle diverse esigenze delle persone che ci lavorano.Torre faro collegherà il centro storico e la periferia di Milano, rilanciando un asse nord-sud che va dal centro città fino al quartiere degli affari.
Antonio Citterio, architetto e co-fondatore di ACPV afferma: “Il progetto della sede di A2A crea un nuovo villaggio verticale per l’operatività dell’azienda. È progettato per far divertire le persone a lavorare in compagnia dei loro colleghi e per incoraggiare interazioni professionali e personali spontanee”.

Un nuovo quartiere a misura di pedone

Gli architetti di ACPV hanno creato un nuovo quartiere urbano a misura di pedone in cui le imprese locali possono crescere, assicurando l’accessibilità a tutti, al fine di ridurre al minimo l’impronta ecologica della torre sull’intera area. La nuova sede di A2A si trova in un’area di Milano che sta vivendo una profonda trasformazione e dovrebbe essere completata entro il 2024.

Torre faro: un progetto di riqualificazione urbana per un quartiere a misura di pedone

La nuova torre ridefinirà il ruolo della zona in armonia con il vicino quartiere d’affari, favorendo il trasferimento delle principali attività del settore in questa parte della città.

Il progetto di riqualificazione urbana, va oltre la sede di A2A e si estende dalla vicina piazza Trento alla stazione della metropolitana più vicina attraverso via Crema. L’ampliamento delle aree pedonali, la realizzazione di due nuove piazze e ulteriori aree verdi e piste ciclabili, trasformeranno l’area in un quartiere diversificato, multigenerazionale e attraente.

Torre faro: un progetto di riqualificazione urbana che prevede la realizzazione di piste ciclabili

Claudio Raviolo, responsabile del progetto e partner di ACPV afferma: “La nuova torre e la ristrutturazione degli edifici esistenti dell’azienda trasformano i volumi architettonici per consentire un passaggio senza soluzione di continuità dal centro di Milano allo scalo ferroviario dismesso di Porta Romana e al quartiere degli affari che sta prendendo forma”. 

La struttura della Torre Faro

La nuova torre, alta 144 metri, può ospitare fino a 1.500 persone, offre diversi spazi, aperti e flessibili, e un cortile ricco di verde condiviso con il vicino museo dell’energia, situato all’interno di edifici già esistenti, rivitalizzati dal progetto.
Verticalmente, la torre è divisa in due gruppi di piani per uffici, con un ampio androne al primo piano, uno sky garden al centro e un belvedere in alto.

A Milano la Lighthouse Tower farà rivivere il tessuto urbano della città

L’architettura dell’edificio risponde alle diverse esigenze professionali dei lavoratori, integrando spazi flessibili, lounge di co-working e sale riunioni, spazi che possono essere riconfigurati per molteplici usi.

A Milano la Lighthouse Tower farà rivivere il tessuto urbano della città

img by www.citterio-viel.com

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia



Tema Tecnico

Architettura sostenibile

Le ultime notizie sull’argomento