Un laboratorio riqualificato NZEB

TeicosLab è il primo edificio di Milano a uso laboratorio riqualificato come Nzeb e classificato in categoria A4+

TeicosLab a Milano, un laboratorio riqualificato NZEB

E’ stato inaugurato nei giorni scorsi a Milano TeicosLab, la nuova sede operativa di Teicos Group, impresa di costruzioni specializzata in interventi di riqualificazione energetica e di recupero del patrimonio esistente e impegnata nel progetto Sharing Cities per la riqualificazione energetica degli edifici di tre città europee.

La struttura, originariamente un laboratorio in classe energetica G, sorge all’interno di un’area industriale ex Pirelli nella zona in forte sviluppo dello scalo ferroviario di Rogoredo, è ora un edificio NZEB, cioè a ‘energia quasi zero’.

Si tratta del primo esempio di laboratorio riqualificato e classificato in categoria A4+, Nzeb, con emissione dei gas serra annui (CO2 eq) pari a 5,66 Kg/m2; potenzialmente compensabile con la piantumazione di soli 11 alberi, mentre prima dell’intervento di riqualificazione sarebbero stati necessari 2.514 alberi.   

TeicosLab si sviluppa su una superficie di 300 m2, e unisce un’architettura moderna alla massima attenzione a efficienza e sostenibilità, attraverso  la scelta di soluzioni che minimizzano le dispersioni e massimizzano l’uso delle rinnovabili, attraverso per esempio l’uso dei pannelli solari in copertura.

Il verde è un elemento che caratterizza il progetto, lungo il parapetto e in tutti gli spazi si trovano infatti piante in idrocoltura dalle ottime caratteristiche ambientali, come l’assorbimento delle onde elettromagnetiche.

Le piante personalizzano il progetto TeicosLab

Per evitare dispersioni e ottimizzare i consumi sono stati installati un impianto di climatizzazione a pompa di calore a sistema VRVun impianto di ventilazione meccanica in grado di recuperare calore dall’aria estratta dagli ambienti di lavoro per cederla all’aria di rinnovo.

Tutte le scelte fatte da Teicos Group che ha naturalmente guidato i lavori, sono state fatte con attenzione all’innovazione nel rispetto dei materiali tecnologici e tradizionali. Obiettivo dell’impresa di costruzioni è che l’edificio diventi un vero e proprio laboratorio creativo, dove accanto a una parte espositiva si possano vivere momenti di incontro per favorire lo scambio di idee tra progettisti.

E così è garantita la miglior illuminazione naturale grazie al bianco predominante che riflette la luce solare e volutamente vi è un contrasto tra l’uso di materiali ‘poveri’, come il legno compensato degli arredi, e moderni come l’acciaio verniciato delle strutture dei soppalchi, mentre per il pavimento è stato utilizzato il cemento lisciato.

Interno del laboratorio TeicosLab a Milano

Schema progetto TeicosLab laboratorio riqualificato NZEB

Scheda progetto: 

Progettista Margherita Lusvardi
Impiantista Michele Bonizzoni

Impresa esecutrice Teicos UE, di TeicosGroup

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Architettura sostenibile

Le ultime notizie sull’argomento