IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Anche la Cina avrà il suo Bosco Verticale

Anche la Cina avrà il suo Bosco Verticale

Realizzate da Stefano Boeri le due torri assicureranno la riduzione ogni anno di 25 tonnellate di emissioni di CO2 e produrranno circa 60 kg di ossigeno al giorno

 

 

Stefano Boeri Architetti firma il primo Bosco Verticale realizzato in Asia, sul modello del famossissimo progetto di Milano, divenuto un vero e proprio simbolo della riquialificazione della zona di porta Nuova e che ha vinto nel 2015 Best Tall Building Awards per l'Europa.

 

I lavori del Nanjiing Vertical Forest dovrebbero terminare nel 2018, si tratta del terzo prototipo, dopo Milano e Losanna, che Stefano Boeri Architetti sta realizzando di un progetto sulla demineralizzazione e forestazione urbana.  

 

Il Nanjing Vertical Forest, promosso dal Nanjing Yang Zi State-owned National Investment Group Co.ltd, prevede la realizzazione di due torri che sorgeranno nel Distretto Nanjing Pukou, zona che sta vivendo un importante processo di crescita e modernizzazione.

 

Le due torri, come nel caso del “fratello maggiore “ di Milano, sono caratterizzate dall'alternarsi di balconi e vasche verdi, in grado di creare un’interfaccia attiva con l’ambiente che circonda gli edifici e un microclima che migliora l’ecosistema urbano.

Le facciate viventi ospiteranno 600 alberi di grandi dimensioni, 500 alberi di taglio medio, per un totale di 1100 alberi di 23 specie autoctone e più di  2500 arbusti e piante a caduta, su una superficie totale di 6.000 mq.

 

 

Si tratta di una vera foresta verticale in grado di recuperare e produrre energia e che aiuterà a rigenerare la biodiversità locale, riducendo le emissioni di CO2 di circa 25 tonnellate ogni anno e prodcendo circa 60 kg di ossigeno al giorno.
 
La prima torre, alta 200 metri e coronata in cima da una lanterna verde, sarà adibita ad uffici - dall'ottavo al trentacinquesimo piano - e ospiterà un museo, una green architecture school e un rooftop club privato.

La seconda torre di 108 metri comprenderà un hotel della catena Hyatt con 247 camere di diverso taglio (da 35 mq a 150 mq) e una piscina all'ultimo piano. Il basamento, alto 20 metri, ospiterà funzioni commerciali, ricreative ed educative, tra cui negozi multi-brand, un food market, ristoranti, conference hall e spazi per mostre.

 


Scheda Progetto

Progetto: Nanjing Vertical Forest
Luogo: Nanjing, Cina
Dati: A1 torre 56.211.1 mq
A2 torre 23.233.8 mq
Basamento: 36.137.7 mq
Anno: 2016-2018
Programma: uffici e hotel (torri), centro commerciale (basamento)

Credits:
Stefano Boeri Architetti

Partner: Stefano Boeri, Yibo Xu
Project Leader: Pietro Chiodi
Design Leader: Carolina Boccella, Bao Yinxin
Design Team: Giulia Chiatante, Agostino Bucci, Mario Tang Shilong
Plantation Consultant: Laura Gatti, SLG 
Structural Consultant: Luca Buzzoni, ARUP (Italia) 
Investor: Nanjing Yang Zi State-owned Investment Group CO. Ltd
Local Design Institution: Nanjing Yangzi River Urban Architectural Design, Co. Ltd.
Local Nursery: Nanjing ZhongShan Nursery, Co. Ltd

 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
12/12/2017

Efficienza energetica e sostenibilit di una Casa di riposo

Una nuova Casa di riposo realizzata in provicia di Bergamo unisce una progettazione attenta a sostenibilità ed efficienza a massima attenzione ai bisogni di comfort e privacy degli ospiti     In tutta Europa e nel nostro Paese in ...

07/12/2017

aVOID, mini casa mobile dotata di ogni comfort

La mini-casa firmata dal giovane architetto Leonardo Di Chiara, in 9mq soddisfa ogni comfort, sposando uno stile di vita più sostenibile     Prototipo di “casa mobile” ispirata alla tipologia americana di tiny house, casa ...

30/11/2017

Koi Caf ad Hanoi: il progetto green di Farming Architects

Lo studio Farming Architects ha ricreato un ecosistema all’interno di un locale: un ambiente raffinato circondato da uno stagno per le carpe Koi, una cascata al coperto e un orto sul tetto.       Quanti di voi sognano di poter ...

22/11/2017

Una casa passiva a 1800 mt che non necessita di riscaldamento

Casa UD è un'abitazione passiva che grazie all'uso di soluzioni costruttive 100% naturali non utilizza combustibili fossili e non necessita di impianti di riscaldamento né di condizionamento    
Lo studio Tiziana Monterisi ...

21/11/2017

A Genova il modulo abitativo sperimentale ed energeticamente autonomo

Biosphera 2.0, il modulo abitativo sperimentale ed energeticamente autosufficiente ospitato a Genova in occasione del Festival della Scienza     Un interessante fuori programma per Biosphera 2.0, modulo abitativo passivo che dal 2016 è ...

16/11/2017

Campus di Humanitas University immerso nel verde

Inaugurato il nuovo Campus Humanitas che comprende 3 edifici su uno spazio di 25 mila metri quadrati. Tanto verde, grandi vetrate per un'illuminazione efficiente, massimo comfort    
Inaugurato a Milano, in occasione ...

15/11/2017

La casa del futuro efficiente, smart e alimentata da rinnovabili

La Casa del futuro, progetto italiano finalista al Solar Decathlon Middle East 2018, è un’abitazione green, smart e interamente alimentata dall’energia solare     L’Università Sapienza di Roma ha presentato alla ...

13/11/2017

Presente e futuro degli edifici PASSIVHAUS

A Bologna il 25 novembre la 5a Conferenza nazionale Passivhaus, evento dedicato alle costruzioni verdi durante il quale sarà presentata la prima pubblicazione in Italia completamente dedicata al settore  
L’Opificio Golinelli di ...