IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > CDM: salgono al 65% gli incentivi ecobonus

CDM: salgono al 65% gli incentivi ecobonus

Il Consiglio dei ministri di oggi  ha approvato un decreto che recepisce la direttiva 2010/31/UE e prevede la proroga della detrazione fiscale per gli interventi di efficienza energetica in scadenza il prossimo 30 giugno, aumentando dal 55% al 65% lo sgravio, concentrando la misura sugli interventi strutturali sull’involucro edilizio. Il bonus varrà per i privati cittadini per 6 mesi, fino a dicembre 2013 e per un anno (30 giugno 2014) per i condomini. In questo caso gli interventi dovranno coinvolgere la riqualificazione di almeno il 25% della superficie dell’involucro.

La detrazione dell’imposta lorda sarà ripartita in 10 quote annuali di pari importo.

 

E’ stato inoltre confermato il bonus edilizia al 50%, che comprende anche gli interventi per la riqualificazione antisismica nelle aree a rischio, l’esecuzione di opere per la messa in sicurezza statica delle parti strutturali degli edifici e per gli arredi fissi (per un massimo di 10 mila euro) come cucine, armadi a muro, bagni.

 

In particolare il decreto, si legge in una nota della Presidenza del Consiglio ha l’obiettivo di:

  • promuovere il miglioramento della prestazione energetica degli edifici;
  • favorire lo sviluppo, la valorizzazione e l’integrazione delle fonti rinnovabili negli edifici;
  • sostenere la diversificazione energetica;
  • promuovere la competitività dell’industria nazionale attraverso lo sviluppo tecnologico;
  • conseguire gli obiettivi nazionali in materia energetica e ambientale.

Ieri il Presidente dell’Ance Paolo Buzzetti in una nota aveva sottolineato l'importanza della proroga degli ecobonus per ridare ossigeno al settore dell'edilizia: "l'ecobonus deve rappresentare un ulteriore passo verso la definitiva stabilizzazione di incentivi utili per gli obiettivi di riqualificazione energetica del patrimonio edilizio. Inoltre sarebbe auspicabile “modulare gli incentivi sulla base del risparmio energetico effettivamente ottenuto: si può fare molto di più per ridurre energia, ma ci vogliono interventi concreti e non solo piccoli aggiustamenti”. Secondo Buzzetti, “sarebbe utile estendere il bonus anche agli interventi di demolizione e ricostruzione così da stimolare la riqualificazione urbana di aree degradate e ad alto impatto inquinante”.

 

Il presidente di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza commenta così la proroga sugli ecobonus: "Interessante la proroga degli ecobonus fiscali per l’efficienza energetica in edilizia, varata oggi dal Consiglio dei Ministri, e che prevede l’innalzamento della soglia della detrazione dal 55% al 65%. Ci auguriamo che l'innalzamento non sia a detrimento degli ambiti di applicazione. Il sistema di agevolazione fiscale negli anni ha infatti permesso di raggiungere buoni risultati creando tra l’altro nuovi posti di lavoro, ma bisogna fare ancora molto in questa direzione pensando a misure che abbiano una durata di medio termine e non di soli sei mesi”. "Bisogna pensare - continua Vittorio Cogliati Dezza -a misure di media e lunga durata che permettano una rigenerazione del patrimonio edilizio, che si è ormai troppo invecchiato, anche a vantaggio  della riqualificazione dell'industria edile italiana, di cui l’Italia ha fortemente bisogno in questa fase di grave crisi economica”.

 

Il Presidente di ANIE Confindustria, Claudio Andrea Gemme, ha espresso un forte apprezzamento per la decisione del Governo: "Una boccata d’ossigeno per le nostre imprese. Diversi i settori presenti nella nostra Federazione, dall’impiantistica elettrica in generale (impianto elettrico, cablaggio) a quella specialistica (impianti di illuminazione, di sicurezza, di automazione integrata, impianti fotovoltaici) che ci aspettiamo risentiranno positivamente della proroga sulla detrazione per le ristrutturazioni. Ma le misure approvate oggi devono necessariamente essere un primo e non unico passo – continua Gemme – per far crescere la nostra economia, stimolare gli investimenti, riattivare la domanda interna. Importante il segnale sull’eco-bonus, innalzato al 65%, che risponde anche alla richiesta di maggiore attenzione, più volte segnalata da ANIE, sul tema dell’efficienza energetica. E’ pur vero, purtroppo, che sono ancora molte, forse troppe, le tecnologie determinanti per ottimizzare concretamente le prestazioni energetiche degli edifici e attualmente non previste dalla detrazione del 65%”.
 

 


 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
14/12/2017

Efficienza energetica: con Blumatica Energy tutto pi semplice!

Per la realizzazione dell'APE, documento necessario ad attestare le caratteristiche energetiche del proprio immobile, sono necessari strumenti completi e professionali, quale il software Blumatica Energy     L’Attestato di ...

11/12/2017

Una banca dati per monitorare le politiche di efficienza energetica

IEA ha realizzato un database utilizzando una serie di indicatori per misurare l'efficienza energetica nei vari paesi nei settori residenziale, trasporti, servizi e industria manifatturiera    Per monitorare l'efficacia delle politiche di ...

07/12/2017

Bando in Toscana per l'efficienza energetica degli immobili

C'è tempo fino al 28 febbraio 2018 per partecipare al bando per i progetti di efficientamento energetico degli immobili delle imprese     Nell'ambito del Programma operativo regionale FESR 2014/2020, la Toscana ha pubblicato il nuovo ...

06/12/2017

Nella SEN priorit a efficienza energetica

Daniela Petrone, Vice Presidente ANIT, ci propone un'interessante analisi della SEN, considerando obiettivi e priorità di azione mirati al 2030, con particolare riguardo ai temi dell'efficienza energetica     La Strategia Energetica ...

01/12/2017

Condominio PI, risparmio dalla riqualificazione degli edifici esistenti

Convenienza economica e risparmio garantito grazie al sistema di Riqualificazione Energetica dei condomini esistenti promosso da RETE IRENEe Legambiente        RETE IRENE propone, in collaborazione con Legambiente Lombardia, la ...

01/12/2017

Pi occupazione e meno emissioni con ledilizia green

130.000 posti di lavoro, meno emissioni di CO2, risparmi in bolletta e benessere abitativo. Avete ancora dei dubbi se investire nell'edilizia green?
I dati recentemente presentati nel primo “Studio sull’innovazione energetica negli ...

30/11/2017

Target pi alti per rinnovabili ed efficienza energetica in UE

La Commissione Itre ha approvato due provvedimenti che alzano il target europeo per energie rinnovabili ed efficienza energetica, con obiettivi vincolanti. Sancito l'autoconsumo come diritto     Il 28 novembre la Commissione Itre, industria, ...

07/11/2017

Costruire edifici con componenti riutilizzabili

Un progetto di ricerca dell'Università del Lussemburgo per ottimizzare l'efficienza energetica nel settore delle costruzioni    
L'Istituto di Ingegneria Civile e Ambiente (INCEEN) dell'Università di Lussemburgo ha firmato un ...