IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Approfondimenti > Il raffrescamento estivo: le soluzioni per la casa

Il raffrescamento estivo: le soluzioni per la casa

Una corretta progettazione di un edificio, unita al giusto sistema impiantistico, garantiscono il comfort termico durante tutto l’anno. Quali soluzioni sono disponibili per il raffrescamento estivo? Come scegliere quella adeguata per la propria casa?

A cura di: Arch. Gaia Mussi

Raffrescamento e comfort interno

 

Indice degli argomenti:

Il livello di comfort dipende da differenti fattori ambientali, che incidono sul benessere percepito dall’uomo. L’obiettivo di garantire il massimo comfort termico si traduce nella necessità di intervenire, anche attraverso apposite soluzioni impiantistiche, per fare sì che le persone non percepiscano né caldo, né freddo.

 

La principale difficoltà risiede nel fatto che ogni persona può avere percezioni differenti dagli altri, in uno stesso ambiente. Mentre è complicato controllare e prevedere i parametri soggettivi, è possibile regolarne altri oggettivi e misurabili che, in quanto tali, possono essere mantenuti all’interno di range considerati ideali. Tra questi ci sono sicuramente la temperatura e l’umidità, che nel loro insieme determinano il “benessere termoigrometrico”. Dove non arrivano una corretta progettazione e i sistemi passivi, subentra il sistema impiantistico, fondamentale per garantire le condizioni termoigrometriche ottimali per la permanenza delle persone negli edifici.

Come scegliere l’impianto di raffrescamento per la propria casa

Il caldo estivo può essere un problema tanto quanto il freddo invernale, soprattutto in alcune regioni, dove le alte temperature si accompagnano ad un elevato tasso di umidità.

 

Per scegliere l’impianto giusto per raffrescare la propria casa è opportuno fare alcune considerazioni. Innanzi tutto è sempre importante prestare attenzione al tema dell’efficienza energetica, in quanto ridurre i consumi diminuisce l’impatto ambientale dell’edificio in funzione, ma permette anche un risparmio economico in bolletta.

 

come scegliere l’impianto di raffrescamento

 

Di altrettanto interesse è informarsi sulle emissioni a carico dell’impianto, un tema oggi molto importante per la salvaguardia dell’ambiente. Poi, possono fare la differenza alcune caratteristiche come la silenziosità dell’impianto di climatizzazione, aspetto molto curato rispetto al passato, quando molti sistemi di climatizzazione erano accompagnati da motori rumorosi. Inoltre, ci sono soluzioni sempre più innovative che permettono di regolare a distanza l’impianto, gestire da remoto i periodi e gli orari di accensione, nonché controllare i consumi. Ultimo, ma non per importanza, l’impatto estetico sull’abitazione di alcune tipologie di impianto, che non deve essere sottovalutato.

La pompa di calore aria-aria

I sistemi a pompa di calore, con tecnologia inverter, sono tra i più efficienti e spesso vengono scelti per garantire ottime prestazioni in termini sia energetici, che di sostenibilità. Le pompe di calore aria-aria trasformano l’energia termica naturalmente presente nell’aria esterna per riscaldare o raffreddare l’ambiente interno. Sono composte, quindi, da un’unità esterna ed una interna. Esistono anche pompe di calore ad acqua, che sfruttano l’energia termica dell’acqua di falda, o geotermiche.  

 

Se si opta per questa soluzione, è fondamentale rivolgersi a un tecnico che calcoli il fabbisogno energetico per la climatizzazione estiva della casa, condizionato dalle dimensioni degli ambienti, tipologia della costruzione, dall’isolamento termico, dall’orientamento e dal tipo di infissi. Infine, per un risparmio maggiore è sempre bene scegliere modelli in classe A+. 

Il climatizzatore senza l’unità esterna

In alcuni edifici predisporre l’unità esterna del sistema appena descritto può essere problematico, come ad esempio avviene in alcuni condomini o in edifici storici. Per ovviare a questo problema, sono stati prodotti dei climatizzatori fissi, senza la seconda unità, che però hanno delle tubature che comunicano direttamente con l’esterno. Si praticano due fori nel muro e dall’esterno, al posto della classica pompa di calore, si vedono solo due fori di circa 15 cm. Uno è necessario per pescare l’aria dall’esterno e l’altro per espellerla dall’interno.

 

E' il caso del sistema in pompa di calore Innova 2.0 senza unità esterna e profondo solo 16 cm. È in classe energetica A+. 

Condizionatore Innova senza unità esterna


Il soffitto perfetto per l’estate: raffrescamento a pannelli radianti

Nelle nuove costruzioni è ormai ampiamente diffusa la tecnologia a pannelli radianti per il riscaldamento. In realtà, con lo stesso principio è possibile garantire anche il raffrescamento estivo, per cui è tendenzialmente più efficiente la soluzione a soffitto. Come in inverno, anche in estate questa soluzione garantisce una distribuzione uniforme della temperatura all’interno della stanza e permette un notevole risparmio di energia, grazie alle temperature a cui scorre l’acqua nel sistema. In estate, nei tubi dei pannelli viene fatta scorrere acqua fredda (intorno ai 15°), che assorbe il calore dall’aria nell’ambiente. Tra gli svantaggi di questa soluzione ci sono i tempi richiesti per portare alla temperatura desiderata le stanze, in quanto sono più lunghi rispetto a quelli necessari ad altre tecnologie.

 

SISTEMA RADIANTE A SOFFITTO sistema b!klimax Tradizionale RDZ

Il sistema b!klimax Tradizionale di RDZ è formato da pannelli radianti leggeri, maneggevoli e facili da installare che assicurano massima libertà di rivestimento, ottime prestazioni e assenza di ponti termici. Si possono installare a soffitto o a parete .

 

Energia solare e raffrescamento: il solar cooling

Con solar cooling si intende il raffrescamento di un ambiente attraverso l’energia che produce un impianto solare termico, a cui viene abbinato un impianto frigorifero. L’energia termica prodotta dall’impianto permette, attraverso la macchina frigorifera, di produrre acqua fredda che viene utilizzata per il raffrescamento. Attualmente sono molto più diffusi gli impianti industriali, in quanto sono ancora in sviluppo le soluzioni domestiche di potenza inferiore.

Consiglia questo approfondimento ai tuoi amici

Commenta questo approfondimento

Le ultime notizie sull’argomento
01/06/2020

Comunità energetiche: al via progetto europeo eNeuron

All’ENEA il coordinamento del progetto che ha l'obiettivo di sviluppare strumenti innovativi per la migliore gestione delle ‘comunità energetiche’, favorendo la transizione verso un sistema low-carbon.       L'Enea ...

30/05/2020

Dalla cucina alle camere: come risparmiare sul gas in casa

Sprechi, tariffe esose, fasce orarie, regolazione, misurazione: gestire l’uso del gas in casa comporta alcune difficoltà che possono tradursi in un costo esageratamente alto della bolletta. Come risparmiare? Scopriamo le principali tecniche per ...

29/05/2020

UE: rinnovabili per una ripresa economica sostenibile

La presidente della commissione Ue Ursula von der Leyen ha presentato il programma biennale da 750 miliardi di euro che guarda alle energie rinnovabili per garantire la crescita sostenibile e l'occupazione della "Next Generation EU"   la ...

28/05/2020

Coronavirus: crollo degli investimenti energetici

Lo shock economico mondiale causato dalla pandemia di Covid-19 sta avendo effetti drammatici a livello globale sugli investimenti in tutti gli ambiti del settore energetico: dalla fornitura di carburante e di energia all'efficienza, con gravi implicazioni per ...

26/05/2020

Le osservazioni di Italia Solare e Legambiente per far partire le Comunità energetiche

ITALIA SOLARE e Legambiente hanno risposto al documento di consultazione sulle comunità energetiche inviando ad ARERA le proprie osservazioni in 7 punti     ITALIA SOLARE e Legambiente hanno inviato ad Arera un documento in 7 punti con ...

25/05/2020

Le rinnovabili ad aprile coprono il 47% della domanda elettrica

I dati pubblicati da Terna confermano il calo della domanda di elettricità ad aprile; forte crescita per le rinnovabili che hanno coperto il 47% della domanda, contro il 36% del 2019. +26,9% per il fotovoltaico, in calo l'eolico     Gli ...

22/05/2020

Efficienza energetica e condomini: la guida ENEA

I condomini in Italia sono milioni e promuovere gli interventi di efficienza energetica su questi edifici permetterebbe di ridurre le emissioni, migliorare le prestazioni del comparto edile e aumentare il benessere di molte persone.   a cura di Arch. Gaia ...

21/05/2020

Accendono i colori della natura e valgono oltre 150 miliardi all’anno, il lavoro delle operose api

Dalle api dipende il 35% della produzione agricola mondiale per un valore economico stimato di 22 miliardi soltanto per l’Europa. Ieri è stata la Giornata mondiale a loro dedicata, istituita dalle Nazioni Unite. Operose come pochi altri esseri ...