IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Approfondimenti > Il raffrescamento estivo: le soluzioni per la casa

Il raffrescamento estivo: le soluzioni per la casa

Una corretta progettazione di un edificio, unita al giusto sistema impiantistico, garantiscono il comfort termico durante tutto l’anno. Quali soluzioni sono disponibili per il raffrescamento estivo? Come scegliere quella adeguata per la propria casa?

A cura di: Arch. Gaia Mussi

Raffrescamento e comfort interno

 

Indice degli argomenti:

Il livello di comfort dipende da differenti fattori ambientali, che incidono sul benessere percepito dall’uomo. L’obiettivo di garantire il massimo comfort termico si traduce nella necessità di intervenire, anche attraverso apposite soluzioni impiantistiche, per fare sì che le persone non percepiscano né caldo, né freddo.

 

La principale difficoltà risiede nel fatto che ogni persona può avere percezioni differenti dagli altri, in uno stesso ambiente. Mentre è complicato controllare e prevedere i parametri soggettivi, è possibile regolarne altri oggettivi e misurabili che, in quanto tali, possono essere mantenuti all’interno di range considerati ideali. Tra questi ci sono sicuramente la temperatura e l’umidità, che nel loro insieme determinano il “benessere termoigrometrico”. Dove non arrivano una corretta progettazione e i sistemi passivi, subentra il sistema impiantistico, fondamentale per garantire le condizioni termoigrometriche ottimali per la permanenza delle persone negli edifici.

Come scegliere l’impianto di raffrescamento per la propria casa

Il caldo estivo può essere un problema tanto quanto il freddo invernale, soprattutto in alcune regioni, dove le alte temperature si accompagnano ad un elevato tasso di umidità.

 

Per scegliere l’impianto giusto per raffrescare la propria casa è opportuno fare alcune considerazioni. Innanzi tutto è sempre importante prestare attenzione al tema dell’efficienza energetica, in quanto ridurre i consumi diminuisce l’impatto ambientale dell’edificio in funzione, ma permette anche un risparmio economico in bolletta.

 

come scegliere l’impianto di raffrescamento

 

Di altrettanto interesse è informarsi sulle emissioni a carico dell’impianto, un tema oggi molto importante per la salvaguardia dell’ambiente. Poi, possono fare la differenza alcune caratteristiche come la silenziosità dell’impianto di climatizzazione, aspetto molto curato rispetto al passato, quando molti sistemi di climatizzazione erano accompagnati da motori rumorosi. Inoltre, ci sono soluzioni sempre più innovative che permettono di regolare a distanza l’impianto, gestire da remoto i periodi e gli orari di accensione, nonché controllare i consumi. Ultimo, ma non per importanza, l’impatto estetico sull’abitazione di alcune tipologie di impianto, che non deve essere sottovalutato.

La pompa di calore aria-aria

I sistemi a pompa di calore, con tecnologia inverter, sono tra i più efficienti e spesso vengono scelti per garantire ottime prestazioni in termini sia energetici, che di sostenibilità. Le pompe di calore aria-aria trasformano l’energia termica naturalmente presente nell’aria esterna per riscaldare o raffreddare l’ambiente interno. Sono composte, quindi, da un’unità esterna ed una interna. Esistono anche pompe di calore ad acqua, che sfruttano l’energia termica dell’acqua di falda, o geotermiche.  

 

Se si opta per questa soluzione, è fondamentale rivolgersi a un tecnico che calcoli il fabbisogno energetico per la climatizzazione estiva della casa, condizionato dalle dimensioni degli ambienti, tipologia della costruzione, dall’isolamento termico, dall’orientamento e dal tipo di infissi. Infine, per un risparmio maggiore è sempre bene scegliere modelli in classe A+. 

Il climatizzatore senza l’unità esterna

In alcuni edifici predisporre l’unità esterna del sistema appena descritto può essere problematico, come ad esempio avviene in alcuni condomini o in edifici storici. Per ovviare a questo problema, sono stati prodotti dei climatizzatori fissi, senza la seconda unità, che però hanno delle tubature che comunicano direttamente con l’esterno. Si praticano due fori nel muro e dall’esterno, al posto della classica pompa di calore, si vedono solo due fori di circa 15 cm. Uno è necessario per pescare l’aria dall’esterno e l’altro per espellerla dall’interno.

 

E' il caso del sistema in pompa di calore Innova 2.0 senza unità esterna e profondo solo 16 cm. È in classe energetica A+. 

Condizionatore Innova senza unità esterna


Il soffitto perfetto per l’estate: raffrescamento a pannelli radianti

Nelle nuove costruzioni è ormai ampiamente diffusa la tecnologia a pannelli radianti per il riscaldamento. In realtà, con lo stesso principio è possibile garantire anche il raffrescamento estivo, per cui è tendenzialmente più efficiente la soluzione a soffitto. Come in inverno, anche in estate questa soluzione garantisce una distribuzione uniforme della temperatura all’interno della stanza e permette un notevole risparmio di energia, grazie alle temperature a cui scorre l’acqua nel sistema. In estate, nei tubi dei pannelli viene fatta scorrere acqua fredda (intorno ai 15°), che assorbe il calore dall’aria nell’ambiente. Tra gli svantaggi di questa soluzione ci sono i tempi richiesti per portare alla temperatura desiderata le stanze, in quanto sono più lunghi rispetto a quelli necessari ad altre tecnologie.

 

SISTEMA RADIANTE A SOFFITTO sistema b!klimax Tradizionale RDZ

Il sistema b!klimax Tradizionale di RDZ è formato da pannelli radianti leggeri, maneggevoli e facili da installare che assicurano massima libertà di rivestimento, ottime prestazioni e assenza di ponti termici. Si possono installare a soffitto o a parete .

 

Energia solare e raffrescamento: il solar cooling

Con solar cooling si intende il raffrescamento di un ambiente attraverso l’energia che produce un impianto solare termico, a cui viene abbinato un impianto frigorifero. L’energia termica prodotta dall’impianto permette, attraverso la macchina frigorifera, di produrre acqua fredda che viene utilizzata per il raffrescamento. Attualmente sono molto più diffusi gli impianti industriali, in quanto sono ancora in sviluppo le soluzioni domestiche di potenza inferiore.

Consiglia questo approfondimento ai tuoi amici

Commenta questo approfondimento

Le ultime notizie sull’argomento
16/09/2019

LUMI Expo 2019: la tecnologia al servizio dell'uomo

LUMI è l’evento espositivo dedicato alle tecnologie per gli ambienti costruiti che garantiscono il benessere e la sicurezza delle persone, organizzato con lo scopo di interpretare e comprendere le possibilità di sviluppo all’interno ...

13/09/2019

A Klimahouse Lombardia 2019 la nuova palestra scolastica nZEB

In occasione di Klimahouse Lombardia 2019, fiera annuale dedicata all’educazione e allo sviluppo sostenibile e sensibile ai temi di riqualificazione del patrimonio scolastico, sarà possibile visitare il cantiere della nuova palestra della Scuola ...

12/09/2019

Boeri lancia ForestaMi, la foresta urbana da 3 milioni di alberi per Milano

Stefano Boeri lancia un nuovo progetto di riforestazione urbana per Milano. ForestaMi prevede la piantumazione di centomila alberi solo quest’anno, per raggiungere una quota di oltre tre milioni di piante entro il 2030. Si parte da parchi e scali ...

12/09/2019

Un nuovo materiale lascia passare la luce e trattiene il calore solare

In un lavoro pubblicato sulla rivista ACS Nano, un team di ricerca del MIT ha confermato di aver prodotto un materiale leggero, con struttura in silice, capace di trattenere il calore solare. Si tratta di un tipo di aerogel in grado di far passare il 95% ...

11/09/2019

Nuovo Governo: lo sviluppo sostenibile parte integrante della Legge di Bilancio

Il discorso del premier Giuseppe Conte sulla fiducia, stop a nuove trivelle e al via con il ‘green new deal’. Tanti i temi ambientali da portare avanti, dall’economia circolare all’inserimento dei principi ecologici nella ...

10/09/2019

Città, un decalogo green contro il climate change

Per ridurre gli effetti del climate change le città devono essere parti attive. Da qui nasce la dichiarazione per l’adattamento ai cambiamenti climatici   a cura di Andrea Ballocchi     Indice degli argomenti: Il ...

09/09/2019

I buoni progetti europei

Al via BUILD UPON2, il secondo capitolo del progetto di World Green Building Council e dei suoi partner tra cui anche Green Building Council Italia, finanziato dall’Unione Europea  e mirato a riqualificare gli edifici entro il ...

06/09/2019

Efficienza energetica e innovazione: Cover App lancia il davanzale coibentato

La necessità di rendere gli edifici sempre più efficienti dal punto di vista energetico ha spinto alla creazione di soluzioni innovative e ingegnose nell’ambito dell’edilizia sostenibile. Ne è un esempio l’idea ...