Advertisement
IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Approfondimenti > Internet of Things: un nuovo modo di pensare la casa

Internet of Things: un nuovo modo di pensare la casa

Smart metering, smart car, smart building, smart home: il mercato italiano IoT beneficia della crescita delle soluzioni collegate alla casa connessa

A cura di: Ivan Celeste

La casa al centro dell’Internet of Things

 

Indice:

È dalla casa e dalle applicazioni per lo più a essa connesse che trae forza l’Internet of Things, il cui mercato in Italia ha raggiunto i 5 miliardi di euro e un tasso di crescita del 35% nel confronto col già positivo 2017 (3,7 miliardi e +32% rispetto al 2016).

 

Crescita mercato italiano IOT 2018

 

La prima voce sono ancora una volta gli smart meter (1,4 miliardi di euro) che al contesto domestico sono legati. Aggiungiamoci che il segmento con il tasso più forte di crescita è quello della smart home (+52%) e che dietro ai contatori intelligenti e alle smart car, c’è il segmento dello smart building e abbiamo definito un quadro quanto mai “domestico-centrico” dell’Internet delle Cose.

 

I dati sono quelli presentati dall’Osservatorio Internet of Things della School of Management Politecnico di Milano, che hanno confermato come l’IoT si stia dimostrando ancora una volta un ambito molto dinamico. 

 

Evoluzione ambiti applicativi IOT in Italia nel 2018

Smart Metering, una crescita a norma di legge

Le soluzioni di Smart Metering e Smart Asset Management per le utility confermano ancora una volta di essere il principale segmento dell’IoT, con il 28% del mercato e un valore di 1,4 miliardi di euro (+45%).

 

Angela Tumino direttore dell’Osservatorio Internet of Things ha fatto il punto sui trend evolutivi delle applicazioni IoT ed è partita proprio dagli smart metering «l’ambito che, da quando misuriamo il mercato, ha il peso specifico più elevato, trainato dalla normativa». Così si contano 9,5 milioni di contatori intelligenti installati di cui 4 milioni solo nel 2018. Per quanto riguarda il comparto elettrico, se ne contano 7 milioni di cui 5,2 milioni l’anno scorso, confermando anche in questo caso una forte accelerazione dei contatori di seconda generazione grazie allo stimolo normativo. «Anche nel settore idrico stanno nascendo progettualità interessanti, a testimonianza che l’Internet of Things possa recare benefici anche in questo ambito, soprattutto nel monitoraggio di tutta la rete idrica», sottolinea Tumino. 

Si torna a parlare bene della smart home

Dai contatori si sale… in casa. Ed ecco che la smart home torna a far parlare – bene – di sé: infatti, «è il comparto che, all’interno del mercato IoT italiano, ha mostrato la performance migliore in termini di tasso di crescita, con un +52% e che mostra il profilo più interessante in termini di prospettiva», prosegue il direttore dell’Osservatorio Internet of Things. Certo, il mercato nazionale della casa intelligente ha un peso specifico ancora limitato (380 milioni di euro) e lo si nota ancor più se si paragona la spesa pro capite (6 euro) a quella USA, dove si superano i 40 euro, o nel Regno Unito con 12 euro.

 

A trainare il comparto della casa connessa sono gli assistenti vocali che hanno beneficiato di una estesa campagna pubblicitaria, ma che sono pronti ad assumere un ruolo ben più interessante rispetto ai semplici servizi cui oggi pensiamo. «Sono proprio i consumatori a mostrarsi più attenti nello sviluppo degli smart home speaker – afferma il direttore dell’Osservatorio IoT – Nelle voci di acquisto in futuro si dicono interessati a contare su questi prodotti, ma con una funzione di interazione e controllo degli oggetti connessi all’interno della abitazione».

 

La casa smart diventa più wireless con tutti i vantaggi che comporta in termini di soluzioni ancora più open e integrabili con tecnologie di vari operatori. Dall’ambito domestico alla possibilità di collegarsi all’esterno è un passo ulteriore, già attuato negli Stati Uniti dove, per esempio, è possibile già fare la spesa su Amazon o con Google express.

 

Dalla sala contatori all’appartamento, si torna in box. Dove in questo caso troviamo le smart car, il secondo comparto più sviluppato del mercato italiano IoT, con un valore poco superiore al miliardo, un tasso di crescita superiore alla media (+37%) e una quota di mercato del 21%, con 14 milioni di veicoli connessi, un terzo del parco auto circolante in Italia.

 

Dalla casa all’edificio, si arriva allo smart building, il cui comparto di applicazioni raggiunge i 600 milioni di euro, e cresce del 15%, grazie soprattutto alla videosorveglianza e alle soluzioni di efficienza energetica. 

Internet of things: le soluzioni esterne alla casa

Fuori dal contesto-casa ci sono diversi ambiti, tutti in crescita. Si parte dalla logistica (465 milioni, +29%), in cui le soluzioni IoT trovano impiego per gestire le flotte aziendali e per antifurti satellitari. Seguono le applicazioni per la smart city (395 milioni) che registra un buon tasso di crescita (+24%) ed evidenzia applicazioni consolidate come la sicurezza, il trasporto pubblico, l’illuminazione e nuovi progetti di raccolta rifiuti, gestione dei parcheggi e monitoraggio dei parametri ambientali.

 

A quota 270 milioni ci sono le applicazioni di smart asset management in contesti diversi dalle utility, e la smart factory (250 milioni, +40%). La fabbrica intelligente conferma di aver beneficiato degli incentivi previsti dal Piano Nazionale Industria 4.0.  

 

Infine, si segnala una new entry: l’agricoltura smart (100 milioni di euro, 2% del mercato), che potrebbe offrire piacevoli sorprese. Nel corso della presentazione c’è chi, infatti, ha fatto notare come gli imprenditori agricoli si mostrino più recettivi all’innovazione rispetto a quelli industriali.   

Consiglia questo approfondimento ai tuoi amici

Commenta questo approfondimento

Le ultime notizie sull’argomento
10/04/2020

Superare l'emergenza Coronavirus ripartendo dal green

Il ministro dell’Ambiente Sergio Costa intervenendo alla Camera ha parlato dell'opportunità del green per far ripartire l'Italia post emergenza COVID-19: “Una nuova normalità spinta dal green e un'occasione che non possiamo ...

09/04/2020

Grandi elettrodomestici e risparmio energetico nel rispetto dell’ambiente

Scegliere oggi grandi elettrodomestici di classe A o superiore è il modo migliore per abbattere i consumi di acqua ed energia, ottenendo comunque risultati eccellenti.     Indice degli argomenti: Leggere l’etichetta ...

09/04/2020

Inquinamento atmosferico e maggiore mortalità COVID-19 negli USA

Una ricerca statunitense, i cui risultati sono stati pubblicati sul New York Times, collega il tasso di mortalità di Covid-19 all'esposizione all'inquinamento in certe zone del paese. Uno studio che potrebbe aiutare a spiegare anche gli impressionanti ...

06/04/2020

Come rilanciare l'edilizia, il piano di Fillea – Legambiente post COVID-19

Fillea CGIL – Legambiente hanno presentato alcune proposte per il rilancio del settore dell'edilizia post coronavirus: ristrutturazioni energetiche a 1,2 milioni di condomini garantirebbero 430mila posti di lavoro, investimenti, risparmi in bolletta per ...

02/04/2020

Energia e Intelligenza Artificiale: perché è un’unione perfetta

Il mondo dell’energia può solo trarre beneficio dall’impiego della Intelligenza Artificiale: dalla produzione all’accumulo, ecco le ultime ricerche e le più interessanti applicazioni   a cura di Andrea ...

01/04/2020

Il settore dell'energia colpito dal Covid-19, è un fattore chiave per la ripresa

La nuova pandemia di coronavirus ha creato una crisi economica e sanitaria globale senza precedenti. Il settore dell'energia, che rappresenta un fattore chiave della vita moderna, è colpito in modo particolare ma è anche fondamentale ...

30/03/2020

Il clima migliorerà (purtroppo) a causa del coronavirus, nel 2020 emissioni sotto anche del 7%

L’Ispra conferma per il 2019 il disaccoppiamento tra l’andamento delle emissioni (che si riducono) e l’andamento del Pil (che cresce), e spiega che il calo delle emissioni è dovuto soprattutto alle restrizioni alla mobilità ...

27/03/2020

Il potenziale non sfruttato dei rifiuti organici nel fornire energia pulita

Secondo un nuovo rapporto dell'IEA, le risorse mondiali di biogas e biometano potrebbero coprire il 20% della domanda globale di gas, riducendo contemporaneamente le emissioni di gas serra.     Secondo il nuovo rapporto dell'Agenzia ...