La facciata bioattiva che purifica quanto una foresta di 4 ettari

Le superfici esterne del Rio Hotel di San Paolo sono state realizzate con lastre Laminam che, grazie al trattamento Ambience, hanno reso la facciata bioattiva e in grado di purificare ogni anno l’equivalente di una foresta di 4 ettari

La facciata bioattiva che purifica quanto una foresta di 4 ettari

Il complesso del Rio Hotel | Barra Funda Complex firmato dall’architetto Lilian Wexler a San Paolo in Brasile, si caratterizza per avere la più ampia facciata bioattiva dell’America Latina grazie alle lastre Laminam scelte per la superficie esterna e trattate con Ambience.

Un edificio elegante e di design ad uso misto, con una torre che ospita un hotel, che è capace anche di rispettare l’ambiente e migliorare l’aria: la facciata infatti è in grado di purificare in un anno tanta aria quanto una foresta di 4 ettari.

In particolare sono state utilizzate 3.600 mq di superfici Laminam a cui sono stati applicati i trattamenti bioattivi Ambience dalle caratteristiche tecniche particolarmente innovative. Le lastre scelte, nelle tinte Calce Antracite e Calce Grigio (nel formato 1620×3240 cm e nello spessore Laminam 5+), hanno perfettamente risposto alle esigenze della proprietà e del progettista, che ricercava un materiale di grandi dimensioni, duraturo, di facile manutenzione e coerente con il progetto architettonico. A tutte queste caratteristiche si aggiunge inoltre la capacità di contrastare l’inquinamento, migliorando l’efficienza energetica.

La facciata bioattiva di laminam che purifica quanto una foresta di 4 ettari
Le superfici delle torri ricordano muri intonacati o cementi e creano un bel movimento in facciata

Caratteristiche molto apprezzate dall’Ing. Paulo Giafarov di DGG Stones, Consulente tecnico per facciate che si è occupato del progetto e ha sottolineato: “Abbiamo apprezzato l’elevata resistenza alla flessione, il basso assorbimento dell’acqua e la buona resistenza all’esposizione al fuoco, ma ancora di più la facilità di pulizia e manutenzione. I moduli della facciata sono stati assemblati in fabbrica, trasportati in cantiere e, grazie al grande formato e alla leggerezza, installati facilmente e in tempi ridotti”.

Trattamento bioattivo Ambience 

Grazie a specifici trattamenti, frutto di ricerca e tecnologia, Ambience attiva sulla lastra su cui è applicato, quando colpita da luce solare all’esterno o artificiale all’interno, un processo simile alla fotosintesi clorofilliana. Le lastre Laminam trattate con Ambience, proprio come fanno le piante, trasformano le sostanze inquinanti che si trovano nell’aria e nell’acqua in elementi non nocivi, aiutando a limitare l’inquinamento ambientale, la depurazione dell’aria e l’autopulizia delle superfici. Immaginandone l’applicazione su larga scala è chiaro che si tratta di un potenziale dal grande interesse come aiuto per combattere l’inquinamento ambientale, migliorando il comfort dei cittadini.

 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia



Tema Tecnico

Architettura sostenibile

Le ultime notizie sull’argomento