IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Altro che accordi di Parigi, possibile aumento di temperatura di 3,2°C

Altro che accordi di Parigi, possibile aumento di temperatura di 3,2°C

UN Report: necessario ridurre le emissioni globali del 7,6% ogni anno per il prossimo decennio per raggiungere l'obiettivo di Parigi di 1,5°C. Le tecnologie e le conoscenze politiche esistono per ridurre le emissioni, ma le trasformazioni devono iniziare subito

 

la redazione

 

Allarme Unep: possibile aumento di temperatura di 3,2°C

 

L'Unep - Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente - ha pubblicato il Rapporto annuale "Emission Gap Report" che segnala una situazione drammatica sul divario tra gli obiettivi climatici fissati a livello globale dalla COP21 di Parigi e i progressi fatti. A meno che le emissioni globali di gas serra non diminuiscano del 7,6% ogni anno tra il 2020 e il 2030, l'obiettivo limitare l'aumento della temperatura entro 1,5° non potrà essere raggiunto. Per raggiungere l'obiettivo del 2% dovranno diminuire del 2,7% all'anno.

 

Dopo il Bollettino pubblicato nei giorn scorsi dal WTO - Organizzazione Metereologica Mondiale che segnalava che  i livelli di gas serra hanno toccato un nuovo record nel 2018, il nuovo rapporto Unep rileva che le emissioni di gas serra sono aumentate dell'1,5% all'anno nell'ultimo decennio. Le emissioni nel 2018, comprese quelle derivanti dallo sfruttamento del territorio, come la deforestazione, hanno raggiunto un nuovo massimo di 55,3 gigatonnellate di CO2 equivalente. 

 

Nel Rapporto si legge che anche se tutti gli attuali impegni incondizionati previsti dall'accordo di Parigi venissero attuati, senza cambiare radicalmente rotta ci sarebbe un aumento delle temperature di 3,2°C, con impatti climatici ancora più devastanti. 

I paesi sviluppati, i maggiori responsabili delle emissioni, devono assumere un ruolo guida

Le nazioni del G20 rappresentano il 78% di tutte le emissioni, ma 15 membri del G20 non si sono impegnati a rispettare un calendario verso un'economia a 0 emissioni di carbonio.

Devono aumentare di almeno 5 volte i livelli di ambizione dei contributi nazionali (NDC, Nationally Determined Contributions) per avviare le grandi trasformazioni delle economie per raggiungere l'obiettivo dell'1,5%.

 

Nel breve termine, i paesi sviluppati dovranno ridurre le loro emissioni più rapidamente dei paesi in via di sviluppo, che risentono in modo sproporzionato dei cambiamenti climatici, questi ultimi però possono imparare dagli sforzi compiuti con successo dai primi e adottare tecnologie più pulite a un ritmo più rapido.

 

Il rapporto sostiene che i cambiamenti climatici possono ancora essere limitati a 1,5°C, sono disponibili soluzioni per rendere possibile il raggiungimento degli obiettivi di Parigi, ma non vengono impiegate in modo sufficientemente rapido o su scala sufficientemente ampia.

"Per dieci anni, il rapporto Emissions Gap Report ha lanciato l'allarme - e per dieci anni, il mondo ha solo aumentato le sue emissioni", ha detto il Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres. Ma adesso non c'è più tempo: se non verranno adottate azioni drastiche per invertire le emissioni continueranno ad aumetare le ondate di calore, le tempeste e l'inquinamento.

 

Ci si aspetta che i paesi aumentino significativamente i loro impegni sul clima in previsione della Conferenza delle Nazioni Unite COP26, che si terrà a Glasgow nel dicembre 2020.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
10/12/2019

Piccole innovazioni sostenibili che trasformano l'abitare

Tutti noi possiamo e dobbiamo fare scelte più consapevoli e sostenibili nel nostro quotidiano, che limitino la nostra impronta ecologia. Alcune proposte per gli arredi indoor e outdoor che ci possono aiutare   la redazione

09/12/2019

La transizione energetica oltre il PNIEC

Il limite di emissioni di CO2 che l’Italia non può superare per rispettare l’aumento della temperatura globale entro 1,5° è di 3,8 miliardi di tonnellate. Lo Studio firmato Eurac Research. L’opportunità economica ...

06/12/2019

Le risorse delle Regioni per l'efficienza energetica degli edifici

I bandi e gli incentivi promossi dalle Regioni per efficienza ed energie rinnovabili: dalle smart grids in Puglia all’efficientamento energetico degli edifici in Liguria, Emilia Romagna e Lombardia, dal Piano Green in Piemonte ai tetti verdi di ...

05/12/2019

Solo un paese su 5 ha una strategia sanitaria per affrontare il cambiamento climatico

Proteggere la salute delle persone dai pericoli del cambiamento climatico, come per esempio lo stress da calore, tempeste e tsunami non è mai stato più importante, ma secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità la maggior parte dei ...

03/12/2019

COP25: le strategie per limitare il riscaldamento di 1,5°

In un momento in cui si intensificano gli allarmi per i livelli di emissioni in atmosfera senza precedenti, eventi metereologici estremi, surriscaldamento con conseguente aumento della siccità, la COP 25 di Madrid rappresenta un’occasione ...

03/12/2019

Nanotecnologie: il futuro sostenibile dell’energy storage passa da qui

Un report realizzato da scienziati internazionali sottolinea l’importanza dei nanomateriali per fare energy storage e provvedere a un futuro energetico più sostenibile   a cura di Andrea Ballocchi     Indice degli ...

02/12/2019

Diagnosi energetica: da obbligo a volano dell’efficienza energetica

Il 5 dicembre scade l’obbligo di diagnosi energetica per le grandi imprese e le energivore. È una misura per fare efficienza energetica, valida per tutte le aziende   a cura di Vittorio Gabrielli       Indice degli ...

02/12/2019

Nasce l'Europa sostenibile di Lady von der Leyen

Per il vicepresidente Ue Timmermans l'Europa sarà verde e l'Italia deve svegliarsi; poi promette un dichiarazione di intenti per la Cop di Madrid e ricorda che 3.000 miliardi al 2050 non sono risorse esagerate per le politiche ...