IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > I pericoli legati al cambiamento climatico in un nuovo rapporto delle Nazioni Unite

I pericoli legati al cambiamento climatico in un nuovo rapporto delle Nazioni Unite

Il Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres lancia un altro forte campanello d'allarme sul riscaldamento globale legato al crescente numero di disastri naturali e pericoli dovuti al cambiamento climatico

 

I pericoli legati al cambiamento climatico in un nuovo rapporto delle Nazioni Unite

 

In occasione della presentazione del Rapporto sullo stato del clima globale da parte dell'Organizzazione Meteorologica Mondiale (OMM), il Segretario Generale dell'ONU António Guterres ha ribadito che la crescita continua di disastri legati al cambiamento climatico evidenzia che questo si sta muovendo più velocemente dei nostri sforzi per affrontarlo ed è necessario trovare rapidamente soluzioni sostenibili.

 

Per questo motivo Guterres ha invitato i capi di Stato a partecipare al Climate Action Summit previsto per il 23 settembre e a presentare un piano preciso per il clima che necessariamente dovrà prevedere un impegno a rafforzare gli obiettivi nazionali contenuti nell'accordo di Parigi entro il 2020 (che chiede di limitare l'aumento della temperatura ben al di sotto dei 2°), con l'obiettivo di "ridurre le emissioni di gas serra del 45% nel prossimo decennio e arrivare a zero emissioni nette a livello globale entro il 2050".

 

Il Segretario Generale delle Nazioni Unite ha poi sottolineato i potenziali benefici di soluzioni climatiche sostenibili evidenziando che "un numero crescente di governi, città e imprese già capiscono che le soluzioni climatiche possono rafforzare le nostre economie, migliorare la qualità dell'aria e la salute pubblica e proteggere l'ambiente".

 

Le iniziative potrebbero coinvolgere una serie di settori, "come l'energia, l'agricoltura sostenibile, le foreste e gli oceani e la resilienza agli impatti climatici", ha detto Guterres, sostenendo che le tecnologie rinnovabili "stanno già fornendo energia ad un costo inferiore rispetto all'economia basata sui combustibili fossili".

 

Nonostante questi progressi, è necessario adottare misure molto più radicali, ha continuato Guterres, ponendo fine alle sovvenzioni per i combustibili fossili e l'agricoltura ad alta emissione, e passando a energie rinnovabili, veicoli elettrici e pratiche climate-smart.

"Ciò significa prezzi del carbonio che riflettono il costo reale delle emissioni, considerando anche il rischio climatico e quelli per la salute legati all'inquinamento atmosferico; significa anche accelerare la chiusura delle centrali a carbone".

 

La Presidente dell'Assemblea Generale, Maria Fernanda Espinosa, commentando i dati emersi dal Rapporto ha espresso molta preoccupazione per l'aumento delle emissioni di CO2 passate dall'1,6% nel 2017, a superare il 2,7% nel corso del 2018.

L'accordo di Parigi a rischio?

"Il tempo rimanente per raggiungere gli impegni previsti dall'accordo di Parigi si sta rapidamente esaurendo", ha dichiarato Petteri Taalas, il segretario generale dell'OMM, ricordando le concentrazioni record di gas serra dello scorso anno, che hanno spinto le temperature globali verso livelli sempre più pericolosi, con prove evidenti come l'aumento del livello del mare e la perdita di ghiaccio marino sia nelle regioni polari settentrionali che meridionali.

 

Secondo il WMO, i livelli di anidride carbonica erano pari a 357 parti per milione (ppm) nel 1994, e hanno raggiunto i 405,5 ppm nel 2017.

 

Guterres ha ricordato che stiamo assistendo, sempre più spesso, all'impatto drammatico di condizioni meteorologiche estreme, l'ultimo in termini temporali il ciclone tropicale Idai che ha causato più 400 morti  in Mozambico, Zimbabwe e Malawi.

L'anno scorso si sono verificati 14 eventi meteorologici in cui la devastazione è costata più di un miliardo di dollari.Il numero medio di persone esposte alle ondate di calore è aumentato di circa 125 milioni dall'inizio del secolo, con conseguenze mortali. 

Come sta andando il 2019

Fino ad oggi per l'anno in corso si registra caldo record in Europa, freddo insolito in Nord America e forti ondate di caldo in Australia. L'estensione del ghiaccio nell'Artico e in Antartide è ancora una volta ben al di sotto della media.

Da ora fino a maggio, l'OMM prevede anche temperature della superficie del mare superiori alla media, con conseguente aumento delle temperature terrestri, in particolare alle latitudini tropicali.

"Tutti noi possiamo ridurre la nostra impronta di carbonio ogni giorno: in termini di cibo che consumiamo, vestiti che usiamo, trasporti che scegliamo e rifiuti che produciamo", ha detto la signora Espinosa.

"È chiaro che dobbiamo modificare i nostri modelli di consumo. Questo non è solo un mondo di penuria, ma anche di consumo eccessivo. Un grande paradosso è che ogni anno si sprecano 1.300 milioni di tonnellate di cibo, mentre quasi 2000 milioni di persone soffrono la fame o la malnutrizione.

 

Scarica il Rapporto in inglese "WMO Statement on the State of the Global Climate in 2018".

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
16/09/2019

LUMI Expo 2019: la tecnologia al servizio dell'uomo

LUMI è l’evento espositivo dedicato alle tecnologie per gli ambienti costruiti che garantiscono il benessere e la sicurezza delle persone, organizzato con lo scopo di interpretare e comprendere le possibilità di sviluppo all’interno ...

13/09/2019

A Klimahouse Lombardia 2019 la nuova palestra scolastica nZEB

In occasione di Klimahouse Lombardia 2019, fiera annuale dedicata all’educazione e allo sviluppo sostenibile e sensibile ai temi di riqualificazione del patrimonio scolastico, sarà possibile visitare il cantiere della nuova palestra della Scuola ...

12/09/2019

Boeri lancia ForestaMi, la foresta urbana da 3 milioni di alberi per Milano

Stefano Boeri lancia un nuovo progetto di riforestazione urbana per Milano. ForestaMi prevede la piantumazione di centomila alberi solo quest’anno, per raggiungere una quota di oltre tre milioni di piante entro il 2030. Si parte da parchi e scali ...

12/09/2019

Un nuovo materiale lascia passare la luce e trattiene il calore solare

In un lavoro pubblicato sulla rivista ACS Nano, un team di ricerca del MIT ha confermato di aver prodotto un materiale leggero, con struttura in silice, capace di trattenere il calore solare. Si tratta di un tipo di aerogel in grado di far passare il 95% ...

11/09/2019

Nuovo Governo: lo sviluppo sostenibile parte integrante della Legge di Bilancio

Il discorso del premier Giuseppe Conte sulla fiducia, stop a nuove trivelle e al via con il ‘green new deal’. Tanti i temi ambientali da portare avanti, dall’economia circolare all’inserimento dei principi ecologici nella ...

10/09/2019

Citt, un decalogo green contro il climate change

Per ridurre gli effetti del climate change le città devono essere parti attive. Da qui nasce la dichiarazione per l’adattamento ai cambiamenti climatici   a cura di Andrea Ballocchi     Indice degli argomenti: Il ...

09/09/2019

I buoni progetti europei

Al via BUILD UPON2, il secondo capitolo del progetto di World Green Building Council e dei suoi partner tra cui anche Green Building Council Italia, finanziato dall’Unione Europea  e mirato a riqualificare gli edifici entro il ...

06/09/2019

Efficienza energetica e innovazione: Cover App lancia il davanzale coibentato

La necessità di rendere gli edifici sempre più efficienti dal punto di vista energetico ha spinto alla creazione di soluzioni innovative e ingegnose nell’ambito dell’edilizia sostenibile. Ne è un esempio l’idea ...