IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Polo d’eccellenza made in Italy a Nairobi

Polo d’eccellenza made in Italy a Nairobi

In via di realizzazione a Nairobi un centro ospedaliero d’avanguardia realizzato in una zona green nel rispetto dell’ambiente

 

 

E’ stato presentato nei giorni scorso l’East African Kidney Institute Centre of Excellence (EAKI), un nuovo centro ospedaliero, specializzato in particolare in nefrologia e urologia, che sarà realizzato a Nairobi, in Kenya, da Politecnica, tra le più importanti società di progettazione integrata a capitale italiano, in collaborazione con il Governo del Kenya.

Politecnica prevede la realizzazione in tempi molto stretti della nuova struttura grazie alle capacità organizzative, gestionali e di conoscenza delle metodiche d’avanguardia.

 

Il progetto "excellence in healthcare" è destinato a diventare un punto di riferimento nel continente africano e un polo di eccellenza per quanto riguarda la ricerca sulle Scienze biomediche, coprirà un bacino di utenza più vasto di quello keniota che, in particolare, interesserà le aree dell’Etiopia, Somalia e Tanzania, cui saranno riservati spazi ed aree ospedaliere dedicate e realizzate secondo standard sanitari approvati e riconosciuti a livello internazionale.

 

Il progetto rientra nel programma di finanziamento attuato dall’African Development Bank nei confronti del Governo Kenyota, che ha l’obiettivo di aiutare il mercato del lavoro locale, in questo caso destinato ai professionisti qualificati nelle specialità biomediche di nefrologia e urologia all'interno dell'East Africa’s Centre of Excellence (EAC).

 

 

 

L’ospedale, che secondo il Ministero della Sanità del Kenya prevede un investimento di circa 16 milioni di euro, si svilupperà su una superficie complessiva di 15.000 m2, e verrà realizzato in una zona verde, nelle immediate vicinanze del Kenyatta National Hospital e del Polo Universitario nazionale.

 

L’edificio si svilupperà su 5 piani e caratterizzerà tutta l’area grazie a una progettazione contemporanea ma contemporaneamente attenta al rispetto dell’ambiente circostante, agli aspetti bioclimatici, alle problematiche di approvvigionamento idrico ed ai valori urbani.

 

Il progetto verrà realizzato completamente in ambiente BIM (Building Information Modeling), da un team multidisciplinare internazionale che ha analizzato ogni dettaglio a seconda delle specifiche esigenze del contesto ambientale, culturale e sanitario, in modo da assicurare per i futuri pazienti massima qualità di fruizione e di gestione.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
12/11/2018

La rinascita di Chernobyl: da nucleare, ad energia solare

A più di 30 anni dal disastro nucleare della centrale di Chernobyl, un impianto fotovoltaico da 1MW ha iniziato a produrre energia pulita che soddisfa il fabbisogno energetico di 2 mila abitazioni. Una rinascita per tutta la zona della vecchia ...

09/11/2018

Progetto di riqualificazione di un condominio con criteri di sostenibilità certificata

Da un iniziale problema di ammaloramento della facciata di un edificio con il distacco di alcune piastrelle, alla diagnosi energetica, alla riqualificazione efficiente dell’immobile, nel rispetto del progetto originario. L’intervento di ...

30/10/2018

La metamorfosi dell’Hotel des Postes: da palazzo storico ad edificio zero emissioni

Trasformare un vecchio edificio storico, punto di riferimento della città, in un’icona moderna dell’ecologia, senza rinunciare ai suoi preziosi elementi architettonici. Così l’Hotel des Postes cambia la sua pelle.   a ...

25/10/2018

Biosphera Equilibrium, rigenerare mente e corpo nel rispetto dell'ambiente

Un’abitazione energeticamente autosufficiente, flessibile, mobile, in grado di adattarsi ai diversi contesti climatici e di assicurare il miglior benessere psico fisico, nel rispetto dell’ambiente.     Questa è in due parole ...

18/10/2018

Costruzioni ipogee: i vantaggi di vivere in una casa interrata

“Vivere sottoterra” può non sembrare molto allettante, anche se in realtà le costruzioni ipogee offrono diversi vantaggi in termini di comfort interno e di tutela ambientale. Oggi, con la diffusione delle costruzioni ipogee, vi sono ...

12/10/2018

Progetto italiano di casa green realizzata con una stampante 3D

3D Crane è il nome del nuovo sistema di stampa tridimensionale realizzato dall’azienda WASP di Massa Lombarda. Il nuovo modello è stato utilizzato per Gaia, la casa realizzata con terra cruda e scarti di lavorazione del riso.   a ...

08/10/2018

Come realizzare una casa sostenibile in soli 22 metri quadri

L’edilizia utilizza il 40% delle risorse naturali del pianeta e rappresenta oltre un terzo delle emissioni di gas serra. Per fronteggiare la situazione, Yale University con il supporto dell’UN Environment e dell’UN Habitat ha realizzato un ...

18/09/2018

A New York appartamenti futuristici firmati Zaha Hadid

Il progetto 520 West 28th Street è il palazzo futuristico firmato dall’architetto Zaha Hadid. Un edificio sbalorditivo, alto 11 piani, che sorge nelle vicinanze dell’affascinante High Line Park di  New York.   a cura di Tommaso ...