IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Progetto di “Rigenerazione Urbana” dell’Area ex Expo Milano 2015

Progetto di “Rigenerazione Urbana” dell’Area ex Expo Milano 2015

Il Bando, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana e dell’Unione Europea, per la rigenerazione dell’area Expo sarà aperto fino al 28 febbraio 2018. 

 

 

 

Arexpo S.p.A. ha indetto una procedura ristretta, ai sensi dell’art. 61 del D.lgs. n. 50/2016, per l’affidamento della ideazione, dello sviluppo e della gestione di un progetto di “Rigenerazione Urbana” dell’Area ex Expo Milano 2015 a supporto della medesima Arexpo S.p.A.


Obiettivo del bando è la selezione dell’operatore tecnico, economico e finanziario che supporterà la Società Arexpo nella redazione del Masterplan per la realizzazione, nell’ex area che ha ospitato l’Expo 2015, del "Parco della Scienza, del Sapere e dell’innovazione", che si svilupperà su un’area di oltre un milione di metri quadri.
Il progetto, che manterrà la superficie a parco di 440mila metri quadri, rappresenta un’opportunità per imprese innovative, università e istituti di ricerca di livello mondiale e prevede la realizzazione delle sedi dello Human Technopole e il Campus delle facoltà scientifiche dell’Università degli Studi di Milano.
La partnership per la rigenerazione dell’Area si svilupperà attraverso un contratto misto di appalto e concessione.

 

La gara, in particolare, si articola in due fasi. Nella prima saranno effettuate le attività di advisory tecnica, economica e finanziaria, a supporto di Arexpo, per la definizione del Masterplan per la trasformazione territoriale dell’intera Area, e per la definizione del Piano economico e finanziario (Business Plan) dello sviluppo complessivo della stessa Area.
Nella seconda fase, invece, verranno svolte le attività di attuazione del Masterplan e del Piano Industriale finalizzate allo sviluppo dell’Area, che comprenderà dunque anche le attività di progettazione, costruzione delle opere e gestione degli spazi.
Questa seconda fase si svilupperà attraverso un contratto di concessione della durata massima di 50 anni, a fronte del pagamento di un canone ad Arexpo, della parte dell’area non riservata allo sviluppo diretto da parte di Arexpo. Il contratto prevedrà un diritto di superficie in favore del concessionario per una estensione di Superficie Lorda di Pavimento non inferiore a 250.000 mq.

La gara che verrà aggiudicata a favore dell’offerta economicamente più vantaggiosa, ai sensi dell’art. 95 del D.lgs. n. 50/2016, è rivolta ad operatori, nazionali ed internazionali, presumibilmente in forma aggregata, con esperienze pregresse nella realizzazione di progetti analoghi e, comunque, caratterizzati da alti livelli di complessità, innovazione e qualità urbanistica e architettonica.

 

Termine per presentare le domande di partecipazione 28 febbraio 2017, entro il 6 febbraio 2017 potranno essere presentate ad Arexpo le richieste di chiarimenti relativamente ai contenuti del bando di gara.
La procedura della gara prevede che, dopo la presentazione delle richieste di invito, siano ammessi, in trenta giorni, gli operatori che siano in possesso dei requisiti richiesti, che entro i successivi 90 giorni  dovranno presentare la loro proposta progettuale ed economica. Questo percorso dovrebbe esaurirsi entro l’estate 2017, mentre la selezione finale e la stipula del contratto con l’operatore del affiancherà Arexpo nel progetto del Parco della Scienza avverrà entro la fine dell’anno.

 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
28/02/2020

Nuovo campus tecnologico di Shenzhen, che sembra una catena montuosa

Situato nella baia di Qianhaia in Cina, il nuovo campus tecnologico del colosso tecnologico cinese occuperà 133 ettari. Il suo profilo ondulato, i pannelli fotovoltaici e i numerosi spazi verdi dimostrano un connubio ...

26/02/2020

Efficienza energetica in alta quota: così rinasce il borgo antico

In una borgata in Alta Val di Susa, a più di 1600 metri d’altezza, è stato avviato un progetto di riqualificazione che vede protagonista URSA Italia. Ecco le sfide affrontate.   a cura di Andrea Ballocchi     Indice ...

25/02/2020

Efficienza energetica negli edifici storici: le strategie per ridurre i consumi

La necessità di ridurre drasticamente le emissioni inquinanti, in un’epoca che sembra dirigersi sempre più verso un incontrollato declino ambientale, deve interessare in modo considerevole quella consistente fetta di edificato storico che ...

14/02/2020

La serra bioclimatica per il risparmio energetico, un progetto di ENEA

ENEA lancia un nuovo progetto sostenibile realizzando una serra bioclimatica con orto idroponico finalizzata allo studio e alla valutazione delle nuove prestazioni energetiche della “Scuola delle Energie”, l’edificio su ...

10/02/2020

La nuova sede Unipol a Milano: una torre tonda con serra bioclimatica

Un altro grattacielo si aggiungerà presto allo skyline di Milano. Il nuovo quartier generale della Unipol, nella zona di Porta Nuova, sarà il primo della città a poter contare su una forma tonda. L'edificio punta alla certificazione LEED ...

31/01/2020

Tetto romboidale per la nuova sede Adidas in Germania

15 mila metri quadri, una forma a diamante in pianta con un caratteristico tetto a forma di rombo. È Halftime, la nuova sede tedesca del famoso marchio sportivo, presentata nel 2018 ma appena completata.    a cura di Tommaso ...

28/01/2020

Solstice on the park: il grattacielo che massimizza la luce solare

26 piani, 250 appartamenti e un tetto verde con una vista impressionante sul vicino parco e sullo skyline di Chicago. Il tutto progettato secondo il concetto del solar carving, la modellazione architettonica che migliora l’uso della luce solare. ...

24/01/2020

The Orbit, la smart city del futuro che non rinuncia all’ambiente

Immaginate di trasformare una cittadina dai connotati rurali in una città del futuro, che combina fibra ottica, veicoli autonomi e aeroporti per droni, senza perdere la connessione con l’ambiente naturale.   a cura di Tommaso ...