Progetto europeo R2 CITIES, efficienza energetica nel social housing

A Genova, Valladolid e Kartal 15 milioni di euro di investimenti per abbattere emissioni e consumi energetici

R2 Cities, è il progetto di 4 anni finanziato dal Seventh Framework Programme europeo per le attività di ricerca, con specializzazione nella riqualificazione energetica, che coinvolge le tre città di Genova, Valladolid (Spagna) e Kartal (Turchia).  Si tratta di siti che si trovano in fasce climatiche e idrogeologiche differenti, con tipologie di abitazioni, struttura della proprietà e caratteristiche culturali completamente diverse.

Considerando che circa il 60% della popolazione europea vive in città (si tratta di un dato destinato ad aumentare nei prossimi anni), che assorbono il 40% dei consumi energetici complessivi, più di un terzo delle emissioni di CO2 e con un tasso di ristrutturazioni annuo è inferiore al 2%, obiettivo del progetto è raggiungere, attraverso interventi di efficienza energetica sui 57.000 mq complessivi di edilizia residenziale pubblica dei tre siti coinvolti, livelli di consumo di 70 kWh/mq, con una riduzione del 60% dell’utilizzo di energia attuale. E nel lungo periodo, sviluppare una metodologia di progettazione, realizzazione e gestione di riqualificazioni energetiche che permetta di raggiungere livelli di consumo “quasi zero”, applicando soluzioni economicamente sostenibili e replicabili in contesti differenti.

Nell’ambito di R2 Cities, Officinae Verdi – Energy Efficiency Company nata dalla joint venture UniCredit – WWF Italia si occupa di valutare la sostenibilità economica e l’efficacia in termini di prestazione energetica degli interventi proposti, su un set di circa 30 tecnologie, di supervisionare le attività di misura e verifica delle prestazioni energetiche, di delineare modelli di business per lo sviluppo delle soluzioni individuate sul mercato.

A Genova, il quartiere coinvolto nel progetto è quello delle Lavatrici, oltre 500 abitazioni di edilizia popolare costruite tra il 1980 e il 1990 in cui vivono per lo più anziani a basso reddito. È stato l’ultimo sito ad entrare nel progetto e la fase di diagnosi energetica non è ancora stata completata. Al momento, tra le soluzioni da adottare, si stanno considerando l’isolamento del tetto e delle pareti, la sostituzione degli infissi e dei balconi dotati di “vetri a effetto serra”, che causano aumento del calore.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Efficienza energetica

Le ultime notizie sull’argomento