Provocazione URSA per sensibilizzare su risparmio energetico e futuro del pianeta

Per festeggiare la riapertura della sede emiliana lanciato il bando URSA Award: best project for a better tomorrow

In soli 3 giorni dal lancio della campagna di una fantomatica azienda Arsu Systems, che proponeva di isolare gli edifici con pellicce di orso polare, oltre 685mila persone hanno condiviso e commentato la “bufala” su internet e gli animalisti erano già pronti a scendere in piazza. Ha dunque funzionato la provocazione pensata da URSA, azienda specializzata nella produzione di materiali isolanti per l’edilizia, per cercare di sensibilizzare il pubblico sui temi dell’isolamento termico e dell’attenzione all’ambiente e per costruire un mondo più vivibile.
Ursa, in partnership con ICN, associazione Italian Climate Network Onlus, nella campagna ideata e realizzata da Tribe Communication e Shaman, ha voluto mostrare, attraverso il fake lanciato in rete, come l’esistenza degli orsi polari sia messa a repentaglio non certo dall’utilizzo delle loro pellicce, ma dalla progressiva distruzione del loro habitat di cui ciascuno di noi va considerato responsabile.
Per combattere il cambiamento climatico tutti devono fare delle scelte, che abbiano per obiettivo il risparmio energetico. Un approccio che non è in contraddizione con lo sviluppo economico ma comporta un rinnovamento nel settore edile ed immobiliare, come ribadito dalla promessa di URSA “Insulation for a better tomorrow”.

Ursa ha voluto lanciare questo messaggio in un momento molto importante della propria storia: il 24 febbraio sarà infatti inaugurata la ricostruzione dello stabilimento di Bondeno (Fe) distrutto a seguito del tragico terremoto avvenuto a maggio 2012. Una ricostruzione in tempi record realizzata grazie al supporto delle istituzioni italiane e alla volontà di URSA, che ha rimesso in produzione il polistirene estruso (XPS) più tecnologicamente avanzato d’ Europa e ridato lavoro a 50 famiglie garantendo loro un futuro stabile e sereno.

URSA, per festeggiare questo momento, lancia così un messaggio chiaro, carico di ottimismo e speranza: “quando si investe sul futuro, ricostruzione e sviluppo economico sono possibili. Bisogna puntare a risparmiare energia, ridurre le emissioni di CO2 e contribuire, ciascuno in base alle sue possibilità, a fare del pianeta un ambiente migliore, per tutti”.

E proprio per inaugurare un futuro migliore e celebrare la riapertura della fabbrica di Bondeno, l’azienda ha deciso di lanciare, in collaborazione con Italian Climate Network, Politecnico di Milano e Lifegate, il bando “URSA Award: best project for a better tomorrow, per premiare i migliori progetti architettonici di riqualificazione e nuove costruzioni caratterizzati dalla massima efficienza energetica, isolamento temico, tecnologia innovativa, design e minor impatto ambientale possibile.

Infatti, si legge nel comunicato, “un’architettura più attenta all’ambiente e fondata su un efficace isolamento termico rappresenta la base per costruire un futuro migliore per tutti, incluso lo stesso pianeta”.

In particolare il bando è aperto a progetti che impieghino almeno 3 diverse famiglie di materiali per l’isolamento URSA e siano basati sui principi di ecosostenibilità, risparmio energetico e di ridotto impatto ambientale. I progetti devono essere caricati entro il 29 maggio 2015.
Scarica il bando URSA Award: best project for a better tomorrow.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Premi e Concorsi

Articoli

URSA

Ursa è un’azienda attiva nella produzione di materiali isolanti ad altissime prestazioni.   Indice: L’attività Ursa ...

Le ultime notizie sull’argomento