RiceHouse: il riso come risorsa edilizia del futuro

A cura di:

L’innovativa idea di Tiziana Monterisi ha vinto il premio speciale dell’Agenzia CasaClima nell’edizione 2018 di Klimahouse Startup Award, competizione incentrata sull’innovazione green e i giovani imprenditori del settore.

Ricehouse: il riso come risorsa edilizia sostenibile

Sviluppo sostenibile per ottenere un mondo migliore: la filosofia ecologica promossa da RiceHouse crea un sistema virtuoso dove anche le risorse secondarie trovano nuova vita.

Il progetto RiceHouse dell’architetto Tiziana Monterisi utilizza in maniera innovativa i prodotti di scarto provenienti dalla lavorazione del riso che da rifiuti si trasformano in risorse utili per realizzare materiali da costruzione sostenibili per l’architettura.

I sottoprodotti dell’agricoltura provengono dal territorio italiano: il riso, infatti, ricopre quasi la metà della superficie agricola del nostro Paese con particolari concentrazioni in Piemonte e Lombardia. RiceHouse con il suo lavoro fa sì che questi materiali non impattino negativamente sul territorio, creando così una cultura dello sviluppo ecosostenibile.

Tiziana Monterisi è attiva nel campo dell’architettura green da ben 15 anni: il progetto di RiceHouse per la sua vocazione innovativa è stato selezionato tra i migliori 10 progetti del Klimahouse Startup Award, importante manifestazione sul tema dell’edilizia eco-sostenibile a sostegno dell’imprenditoria giovanile capace di sviluppare nuovi sistemi che migliorino l’efficienza energetica degli edifici rispettando l’ambiente. Il progetto ha vinto il premio speciale dell’Agenzia CasaClima.

RiceHouse al Klimahouse startup Award ha vinto il premio dell'Agenzia CasaClima

RiceHouse ha un ruolo centrale nella filiera produttiva, occupandosi di tutte le attività di produzione, logistica e di stoccaggio delle risorse così da favorire un percorso di approvvigionamento continuo del materiale.

Dal riso all'edilizia sostenibile con Ricehouse

I materiali progettati da Tiziana Monterisi consentono interessanti migliorie nel campo del risparmio energetico. Le tipologie di prodotto presentate in fiera sono 4 tra cui un telaio in legno e paglia di riso, intonaci, malte e massetti il cui comune denominatore è quello di provenire dagli scarti di lavorazione del riso.

I prodotti presentati alla fiera KlimaHouse

Dal riso all’intonaco: RiceHouse ha ideato RH100, un intonaco caldo per isolamento termico eco friendly realizzato con calce naturale e lolla di riso. Si tratta di un prodotto studiato per ridurre la presenza di C02 negli ambienti, aumentando il comfort interno.

RH100, miscela naturale da intonaco in calce e lolla di riso

 Tra i prodotti realizzati da Tiziana Monterisi c’è RH100, miscela naturale da intonaco in calce e lolla di riso

Ma RiceHouse propone anche un massetto alleggerito per isolamento termoacustico e Risorsa, un progetto di produzione industrializzata di telai in legno e paglia precompressa nato dalla collaborazione tra Novellocase e Tiziana Monterisi.

Risorsa promuove la realizzazione di case costruite con balle di paglia di riso

Risorsa, nato dalla collaborazione tra Novellocase e RiceHouse, promuove lo sviluppo e la diffusione di case costruite con balle di paglia di riso.

 

Con il progetto Risorsa è possibile dare nuova vita agli scarti agricoli, minimizzando la produzione di materiale di scarto e riducendo l’impatto negativo che la filiera agricola ha sull’ambiente. Il risultato sono delle abitazioni in cui il comfort abitativo si sposa con le alte prestazioni energetiche dei materiali di origine naturale.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Architettura sostenibile

Le ultime notizie sull’argomento