V Conto Energia, Anter: ascoltate solo in parte le nostre richieste

ANTER, Associazione Nazionale Tutela Energie Rinnovabili e i suoi oltre 120mila associati manifestano perplessità su alcune delle misure adottate dal Governo in materia di rinnovabili ed espresse sul Quinto Conto Energia e sul Decreto FER. Il testo approvato non ha infatti tenuto conto del parere della conferenza stato regioni e delle richieste delle principali associazioni del settore.
 
"Sono state ascoltate solo in parte alcune delle nostre istanze -dichiara il Presidente Anter Antonio Rainone– come la richiesta di un premio per gli impianti realizzati all'interno dell'Unione Europea e per quelli installati su edifici che abbiano sostituito le coperture in eternit, sicuramente determinanti per contrastare l'inquinamento. Si poteva fare di più sul fronte delle tariffe e dell'entrata in vigore del decreto: uno slittamento più avanti avrebbe permesso una graduale riduzione degli incentivi al fotovoltaico e salvaguardato gli investimenti già avviati dell'intero comparto".
 
"Esprimiamo soddisfazione -continua Rainone- per l'accesso diretto alle tariffe incentivanti per i piccoli impianti fotovoltaici di potenza fino a 12 kW senza obbligo di iscrizione al registro. Una misura che andava però estesa anche agli impianti di medie dimensioni, fondamentali per rilanciare il tessuto produttivo italiano e per permettere ai cittadini italiani di modificare le abitudini di consumo ed acquisire uno stile di vita che premi il risparmio energetico".
 
"Apprezziamo infine -conclude Rainone- i 5,8 miliardi di euro stanziati per la geotermia, le biomasse e il solare a concentrazione, energie verdi che, nonostante un ottimo potenziale, erano rimaste fino ad oggi fuori dai piani energetici del Governo".

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Conto Energia

Le ultime notizie sull’argomento