Advertisement

O&M per garantire la competitività e l’efficienza degli impianti fotovoltaici

Buona gestione e mantenimento sono le parole chiave per garantire la massima efficienza di un sistema, qualunque esso sia. Di seguito analizziamo le attività dell’O&M al fine di garantire competitività ed efficienza degli impianti fotovoltaici.

A cura di:

 Attività di O&M per garantire la competitività e l’efficienza degli impianti fotovoltaici

Indice:

A maggior ragione questo vale per gli impianti fotovoltaici dove l’attività di O&M (Operation and Maintenance) assume un rilievo fondamentale per garantire elevati livelli di produttività elettrica, con risvolti importanti sia sulla redditività dell’impianto sia sul contributo delle rinnovabili al mix energetico italiano.

Tuttavia per gli investitori questo genere di attività rappresenta solo un costo più che un elemento necessario per buon funzionamento.

Quando un sistema fotovoltaico arriva a circa 7-10 anni di vita la manutenzione rappresenta un costo significativo a causa delle attività di revamping, soprattutto se non si è mai fatta attività di maintenance.

Nella realtà il conetto è rovesciato, un buon manutentore lavora per massimizzare la resa dell’impianto anticipando dove possibile le anomalie. La capacità reattiva del manutentore e le sue competenze sono quindi le qualità maggiormente apprezzate dal mercato.

Tutti i vantaggi di un’O&M di alta qualità

Un’attività di gestione e manutenzione accurata garantisce all’impianto un aumento della competitività e una diminuzione del Levelised Cost of Electricity (LCOE), ovvero il costo dell’energia prodotta nell’intero ciclo di vita dell’impianto. Ma anche la mitigazione dei rischi tecnici e l’aumento del Ritorno sull‘Investimento.

Tali assunzioni sono state avvalorate anche dal progetto Best Practice di Solar Power Europe e dal progetto di ricerca Solar Bankability project, finanziato dell‘EU, dai quali emerge con dati scientificamente come un O&M di alta qualità aiuti a mitigare i rischi e ridurre l‘LCOE.

O&M: attività necessarie per gestire al meglio un impianto

Oggi le attività di O&M possono assumere varie configurazioni, spaziando dalla semplice manutenzione periodica dell’impianto sino alla quasi completa gestione di ciò che è connesso al suo funzionamento.

Per gli impianti di minore dimensione l’O&M Contractor è la figura chiave per garantire l’efficienza e la redditività dell’impianto nel suo complesso.

Le attività di gestione e manutenzione includono:

  • L’Asset Management Tecnico che prevede una reportistica appropriata, la verifica di conformità rispetto alla normativa, la gestione delle garanzie, dell’assicurazione e dei contratti accessori. Vi è poi la manutenzione in sito con la manutenzione ordinaria, correttiva e straordinaria e la relativa verifica dei sistemi accessori.
  • L’Operation&Monitoring, ovvero la gestione e il monitoraggio, sono invece attività che includono l’analisi delle performance, la rilevazione anomalie, il supporto nelle proposte di migliorie e la pianificazione manutenzione ordinaria. È evidente che tale attività permette di gestire immediatamente qualsiasi tipo di anomalia con interventi puntuali e addirittura in alcuni casi prevenire i malfunzionamenti.
  • Le attività di revamping,spesso onerose se non viene fatta un’azione di manutenzione preventiva, prevedono invece un’analisi con strumenti ad hoc, quali la termografia, le curve IV, la power quality e elettroluminescenza; la verifica dei tempi di rientro e l’individuazione di possibili soluzioni.

Cosa chiedere a un contratto di O&M

Il mercato del solare fotovoltaico si è avviato nella fase matura della gestione degli impianti, vi sono quindi alcuni aspetti che dovrebbero essere considerati quando si stipulano contratti per le attività di O&M, quali la competenza tecnica del personale del manutentore, soprattutto per impianti in media tensione; la competenza amministrativa ed economica poiché vi sono diversi aspetti che impattano sul mantenimento degli incentivi e sulla redditività investimento.

È inoltre fondamentale che vengano effettuate le verifiche dei requisiti di sicurezza, in particolare su coperture, che spesso sono trascurati in impianti di piccole dimensioni.

Allo stesso modo si deve prestare particolare attenzione alla reportistica, con l’indicazione dei dati di irraggiamento, di produzione; la Performance Ratio e la disponibilità dell’impianto sono particolarmente importanti per valutare le prestazioni dell’impianto. Infine il contratto di O&M deve prevedere il cosiddetto Reaction Time.

Le attività di gestione e manutenzione possono sembrare un costo e un onere eccessivo, nella realtà dei fatti rappresentano un’attività fondamentale per garantire il massimo dell’efficienza e redditività del proprio impianto fotovoltaico. Prevenire è meglio che curare.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Solare fotovoltaico

Le ultime notizie sull’argomento