Bando per riqualificazione energetica delle case ERP in Liguria

Efficientamento energetico delle case popolari in Liguria grazie al progetto EnerSHIFT. Domande entro il 15 novembre

Pubblicato il Liguria il bando ENERSHIFT per la riqualificazione di edifici di edilizia pubblica

Le ESCo hanno tempo fino al 15 novembre per partecipare al bando del primo progetto pilota a livello nazionale destinato alla riqualificazione energetica degli edifici residenziali pubblici liguri di proprietà delle ARTE liguri (Aziende Regionali Territoriali per l’Edilizia della Regione) che si trovano nei tre lotti geografici di Genova, La Spezia e Imperia/Savona.

Il progetto EnerSHIFT (Social Housing Innovative Financing Tender for Energy) presentato lo scorso febbraio coinvolge 3500 famiglie e, come sottolinea l’assessore regionale all’Edilizia Marco Scajola, prevede un modello di finanziamento innovativo che vede il coinvolgimento del territorio ed i sindacati degli inquilini. Il valore complessivo dell’affidamento delle concessioni è di 20.716.986,38 euro, di questi sono 5 i milioni di euro messi a disposizione dalla Regione a valere sui fondi Por Fesr 2014-2020 destinato a interventi di efficientamento energetico.

Nel complesso sono coinvolti 67 palazzi di Edilizia residenziale pubblica, 44 a Genova, 18 a La Spezia, 3 a Savona e 2 a Imperia e gli interventi permetteranno un risparmio di almeno il 45% sui consumi energetici rispetto a quelli attuali.

Una nota della Regione sottolinea che i lavori verranno realizzati attraverso meccanismo di autofinanziamento e saranno a costo zero per gli enti pubblici, perché gli investimenti saranno sostenuti dalle ESCo e saranno ripagati con i risparmi energetici ottenuti, in una formula che prevede anche un risparmio immediato per gli inquilini sui costi delle bollette.

Il Bando pubblicato lo scorso 29 agosto prevede la Concessione di Servizi per interventi di risparmio energetico, gestione energetica degli edifici e fornitura dei vettori energetici e verrà riconosciuto un canone come corrispettivo per gli interventi di efficientamento energetico, gestione e conduzione degli impianti termici, attività di manutenzione e fornitura del vettore energetico.
Il bando è aperto alle ESCO che nell’ultimo triennio abbiano ricevuto almeno due incarichi, conclusi o in corso, per contratti EPC di riqualificazione energetica di edifici ed impiantistica, o per contratti di Servizio Energia.

L’aggiudicazione avverrà alla migliore offerta, economicamente più vantaggiosa, individuata sulla base del miglior rapporto qualità/prezzo. La valutazione prevede un punteggio di 100 punti, di cui 30 per l’offerta economica e 70 per l’offerta tecnica. Saranno valutati gli aspetti del risparmio energetico annuo, e di quello residuo una volta scaduto il contratto, la qualità degli interventi, gli sconti proposti sul canone di manutenzione, sulla fornitura del vettore energetico e sulla percentuale di risparmio economico che viene lasciata a beneficio degli inquilini.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Efficienza energetica

Le ultime notizie sull’argomento