Case in legno: Italia realtà europea dell’edilizia sostenibile

Crescono le case in legno in Italia, quarto Paese produttore europeo e con l’export con segno +. Le novità emerse dal quarto Rapporto Case ed Edifici in Legno

a cura di Andrea Ballocchi

Case in legno: Italia realtà europea dell’edilizia sostenibile

Indice degli argomenti:

Le case in legno piacciono agli italiani. Cresce, infatti, il numero di abitazioni: solo l’anno scorso sono state realizzate 3200 abitazioni in legno, che corrispondono al 7,1% delle costruzioni residenziali. Lo rileva il “Rapporto Case ed Edifici in Legno” di FederlegnoArredo. 

Case in legno: piace sostenibilità ed efficienza 

Il settore delle costruzioni in legno è in ottima salute: considerando anche gli edifici non residenziali, il comparto cresce e oggi il fatturato delle imprese costruttrici supera i 720 milioni di euro, facendo segnare un +5% rispetto al 2017.

Case in legno, in crescita il mercato in Italia

I motivi della scelta di puntare su una casa in legno sono diversi e combinano scelte di edilizia sostenibile a quelle di efficienza energetica: come segnala la stessa FederlegnoArredo, gli edifici in legno piacciono perché garantiscono un risparmio energetico, riducendo al minimo i consumi energetici dell’abitazione, rispettano i principi della sostenibilità, sono competitivi in termini di costi di costruzione e sono sicuri dal punto di vista sismico.

Nel settore, il ruolo di primattore spetta al Trentino-Alto Adige con il 21% del totale, seguito da Lombardia e Veneto, a pari merito: insieme, le tre regioni coprono più del 50% del numero di nuove abitazioni costruite. Ma si notano anche piacevoli realtà: “Nel centro Italia spicca il risultato delle Marche, che si sta dimostrando una regione sensibile alle tematiche di sostenibilità, sicurezza abitativa e risparmio energetico risultando la quarta produttrice nel panorama del comparto del legno strutturale”.

Case in legno: il ruolo dell’Italia in Europa

Un’ulteriore nota piacevole riguarda l’export: il valore del segmento, pari a circa 50 milioni di euro, è anch’esso in crescita sensibile (+28%) rispetto all’anno precedente. Il rapporto FederlegnoArredo rileva che molte delle imprese hanno incrementato le esportazioni di edifici in legno, indirizzando oltre il 10% della produzione fuori dall’Italia, con destinazione principale in Svizzera, Germania, Croazia, ma anche in Mozambico e in Algeria.

L’Italia dice la sua a livello europeo: nel confronto con gli altri Paesi dell’UE28 il nostro Paese si conferma al quarto posto dietro alla Svezia e davanti all’Austria con una quota sul totale della produzione dell’8%.

Non solo: secondo il dato Prodcom nel 2017 l’Italia cresce più della media europea (22,6% contro 5,9%), ma le costruzioni in legno piacciono sempre più: eccetto il Regno Unito che sta rallentando complessivamente i propri consumi a seguito della Brexit, tutti i Paesi registrano un trend positivo nel settore.

Caratteristiche delle case in legno

La realizzazione di case in legno risulta essere più economica e certamente più sostenibile rispetto a quella di case in cemento armato o mattoni, inoltre questo sistema costruttivo innovativo gode di estrema flessibilità progettuale. Quando si progetta un edificio dalla struttura in legno è possibile prevedere rivestimenti finali mediante l’impiego di materiali come pietra o cemento.

La struttura appare costituita da un’intelaiatura lignea e da pannelli di tamponamento a formare le pareti che possono essere assimilati ad altri materiali per garantire il corretto isolamento termo-acustico.

Realizzare costruzioni in legno genera diversi vantaggi in quanto il legno si presenta come un materiale estremamente durevole e resistente all’azione dell’umidità e del freddo.

Un altro importante aspetto è legato alla considerevole riduzione dei consumi di energia e alla garanzia di un comfort energetico elevato grazie alla particolare struttura cellulare del legno che riesce ad assorbire e rilasciare il vapore e l’umidità ambientale.

Importante considerare, poi, che le case in legno possiedono una grande resistenza al fuoco essendo costruite con un materiale caratterizzato da lentissima combustione e da una emissione minima di gas pericolosi in caso di incendio. 

La costruzione di case prefabbricate in legno risulta essere la soluzione ideale da ogni punto di vista e rispetta l’ambiente grazie alla completa biodegradabilità del legno; inoltre i tempi di costruzione sono estremamente contenuti.

Ve lo dimostriamo con un video che mostra in timelapse la realizzazione di una casa in legno KAMPA.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Sostenibilità e Ambiente

Le ultime notizie sull’argomento