Cingolani: in 5 anni 80 miliardi di euro in progetti verdi

Il ministro Cingolani ha spiegato a John Kerry quali sono i piani green dell’Italia per i prossimi 5 anni: 80 miliardi di euro in progetti volti alla decarbonizzazione

telefonata tra ministro Roberto Cingolani e John Kerry sui piani green dell'Italia
Fonte Ministero Ambiente

Il neo Ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, ha anticipato nel corso di una telefonata con l’Inviato Speciale per il Clima del Presidente degli Stati Uniti, John Kerry – che è stato a Londra, Bruxelles e Parigi per un tour europeo –  i piani del governo italiano per la rivoluzione green e la decarbonizzazione, confermando l’obiettivo della neutralità climatica al 2050.

In particolare Cingolani ha spiegato che con piano di ripresa e resilienza (PNRR) verranno stanziati 80 miliardi di euro in 5 anni in progetti verdi volti alla decarbinizzazione “con riduzioni che potranno arrivare sicuramente al 55% puntando al 60% delle emissioni al 2030 grazie al Recovery Fund, massicci investimenti in nuove tecnologie, una forte spinta all’idrogeno verde e blu, una trasformazione radicale del settore dell’acciaio in senso sostenibile, scommessa su mobilità e trasporti sostenibili, stimolo all’autoproduzione di energia nel settore agricolo e accrescimento del contributo dell’agricoltura al contrasto del cambiamento climatico, rilancio della riforestazione quale strumento nell’ottica  di  carbon capture, varo di un ambizioso programma di monitoraggio delle criticità del Paese con un sistema innovativo di osservazione integrato tramite satelliti, droni e sensori a terra”.

Cingolani ha poi auspicato una sempre più stretta collaborazione tra Italia, Europa e Stati Uniti nell’affrontare l’emergenza climatica, in un approccio “glocal” che aiuti a comprendere il “legame tra azioni e sforzi locali da un lato e benefici globali dall’altro, elevando clima e ambiente a beni comuni riconosciuti universalmente, a beneficio di tutti e soprattutto delle future generazioni, in una logica di pianeta sano e di giusta transizione”.

Secondo il ministro Cingolani è necessario adottare soluzioni condivise per la ripresa sostenibile, a partire dallo stanziamento di una percentuale di spesa verde, sul modello e possibilmente nell’ammontare di EU Next Generation

Fonte minambiente.it

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia



Tema Tecnico

Sostenibilità e Ambiente

Le ultime notizie sull’argomento