IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Il 2019 è il secondo anno più caldo di sempre

Il 2019 è il secondo anno più caldo di sempre

Secondo l'Organizzazione Meteorologica Mondiale dopo il 2016 lo scorso anno è stato il più caldo di sempre, con un aumento medio delle temperature di circa 1,1°C rispetto all'era preindustriale. Sempre più a rischio il rispetto dell'Accordo di Parigi 

 

la redazione

 

Il 2019 secondo anno più caldo di sempre

 

Nel Report pubblicato la scorsa settimana dall'Organizzazione Meteorologica Mondiale, che ha analizzato i principali set di dati internazionali, si conferma che il 2019 è stato il secondo anno più caldo di sempre dopo il 2016 - anno in cui sono state registrate temperature record a causa a causa del El Niño - con un aumento della temperatura media globale di circa 1,1°C rispetto all'era preindustriale e un aumento del riscaldamento degli oceani a un livello molto alto. Siamo dunque pericolosamente vicini al limite di 1,5°C previsto dall'Accordo di Parigi.  


"Continuando con il livello attuale di emissioni di anidride carbonica, ha sottolineato il segretario generale dell'OMM Petteri Taalasi - ci stiamo dirigendo verso un aumento della temperatura da 3 a 5 gradi Celsius entro la fine del secolo".

 

Inoltre, le temperature medie degli ultimi cinque e dieci anni, sono state le più alte mai registrate.

 

WMO; aumento delle temperature dal 1850 al 2025

 

Dagli anni '80, ogni decennio è stato più caldo del precedente: una tendenza che l'agenzia dell'ONU prevede continuerà a crescere a causa del livello record di gas serra che intrappolano il calore nell'atmosfera.

 

Il WMO ha aggiunto che il 2019 e l'ultimo decennio sono stati caratterizzati anche dalla diminuzione dei ghiacci, dal livello record di riscaldamento dei mari, dall'aumento del calore, dell'acidificazione degli oceani e da condizioni meteorologiche estreme, tutti fattori che hanno "impatti importanti" sulla salute umana e sull'ambiente naturale.

 

Purtroppo l'inizio del 2020 non fa pensare a un'inversione di tendenza: basti pensare al caldo record dell'Australia e agli incendi che stanno devastando un immenso territorio, con danni incalcolabili per le persone, la fauna selvatica, gli ecosistemi e l'ambiente.

 

"Purtroppo, ci aspettiamo di vedere situazioni estreme per tutto il 2020 e i prossimi decenni, ha concluso Petteri Taalasi, con livelli record di gas serra che intrappolano il calore nell'atmosfera".

 

Per le sue analisi il WMO utilizza set di dati basati sui dati climatologici mensili dei Global Observing Systems della United States National Oceanic and Atmospheric Administration, del Goddard Institute for Space Studies della NASA, del Met Office Hadley Centre del Regno Unito e dell'unità di ricerca climatica dell'Università dell'East Anglia nel Regno Unito, del Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio raggio e del suo Servizio per il cambiamento climatico di Copernicus, e dell'Agenzia meteorologica giapponese.

 

 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
28/02/2020

Rinnovabili: solare e ricerca, un futuro radioso per la green energy

Energy storage, fotovoltaico e investimenti in green energy in crescita, il sostegno USA allo sviluppo di combustibili puliti dimostrano l’ottimo andamento di rinnovabili e ricerca   a cura di Andrea Ballocchi      Indice ...

27/02/2020

Il Coronavirus abbatte le emissioni inquinanti in Cina

Da quando il Coronavirus ha iniziato a diffondersi nella metropoli cinese di Wuhan le conseguenze sono state critiche e la città ha dovuto porre un freno a ogni tipo di attività sociale e lavorativa. Da una parte la situazione continua ad essere ...

25/02/2020

Efficienza energetica negli edifici storici: le strategie per ridurre i consumi

La necessità di ridurre drasticamente le emissioni inquinanti, in un’epoca che sembra dirigersi sempre più verso un incontrollato declino ambientale, deve interessare in modo considerevole quella consistente fetta di edificato storico che ...

24/02/2020

Noleggio auto a lungo termine e vantaggi per l’ambiente

I vantaggi del noleggio auto a lungo termine sono tanti e interessano anche l'ambiente: le macchine a noleggio rilasciano emissioni più basse, rispetto ai veicoli tradizionali, di ossido di azoto e monossido di carbonio, perché in ...

21/02/2020

Il Green deal europeo parte lento, il freno delle regole e della riforma del Patto di Stabilità

Tra le divisioni dei governi e la necessità di verificare l’andamento dell’economia, la bozza viene rinviata alla fine dell’anno. Mentre il commissario Ue agli Affari economici Paolo Gentiloni pensa alle misure per la crescita. La ...

18/02/2020

Milleproroghe: approvato emendamento su comunità energetiche

E' stato approvato nei giorni scorsi dalle commissioni Affari costituzionali e Bilancio alla Camera l'emendamento al Decreto Milleproroghe che permetterà la condivisione di energia da fonti rinnovabili nei condomini e tra le imprese, grazie alla ...

18/02/2020

Pianta gli alberi con Treedom

Treedom è la startup italiana che permette a tutti (cittadini e aziende) di piantare un albero, incentivando la riforestazione e l’economia del Paesi in Via di Sviluppo 
a cura di Arch. Emanuele Meloni     Indice ...

14/02/2020

La serra bioclimatica per il risparmio energetico, un progetto di ENEA

ENEA lancia un nuovo progetto sostenibile realizzando una serra bioclimatica con orto idroponico finalizzata allo studio e alla valutazione delle nuove prestazioni energetiche della “Scuola delle Energie”, l’edificio su ...