IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Bellotti: 10.000 m² di energia pulita

Bellotti: 10.000 m² di energia pulita

Bellotti, azienda leader nel settore del legno, a conferma dell'impegno e dell'attenzione alla salvaguardia dell'ambiente, sta realizzando nella propria sede di Cermenate (CO) l'impianto fotovoltaico su tetto totalmente integrato più grande del Nord Italia, il secondo per estensione in tutta Italia.
Bellotti è la prima azienda del settore Legno-Arredo in Italia a realizzare un impianto di questo tipo.
Un progetto che conferma e rafforza la sensibilità dell'azienda per le tematiche della sostenibilità ambientale, ultimo passo di un percorso "verde" che passa dallo sfruttamento del 100% della materia prima (gli scarti di lavorazione vengono utilizzati per produrre energia termica pulita) fino all'ottenimento delle certificazioni FSC e PEFC, che garantiscono la Catena di Custodia del legno e quindi ne assicurano la provenienza da foreste certificate e ben gestite e la tracciabilità dei prodotti derivati.
Una superficie di 10.000 metri quadrati, 3.900 pannelli fotovoltaici, una potenza di 992.555 Wp, una produzione di 1.025.200 kWh annui di energia pulita: questi sono alcuni dei numeri che fotografano il nuovo impianto.
Sulla base di questi numeri è possibile anche stabilire quante sostanze nocive, grazie a questo impianto, Bellotti non immetterà ogni anno nell'atmosfera:
645,87 tonnellate di CO2 (anidride carbonica)
1,43 tonnellate di SO2 (anidride solforosa);
1,94 tonnellate di NOx (ossidi di azoto)
Verranno così risparmiate 225,54 tonnellate equivalenti di petrolio (Tep).
La produzione di energia elettrica mediante combustibili fossili, primo fra tutti il petrolio, comporta l'emissione di sostanze inquinati e di gas serra. Tra questi gas il più rilevante è l'anidride carbonica CO2 ritenuta la principale responsabile dell'aumento del fenomeno "effetto serra". La SO2 (anidride solforosa) e gli NOx (ossidi di azoto) sono estremamente nocivi sia per la salute umana che per il patrimonio artistico e naturale, essendo le principali responsabili del fenomeno delle "piogge acide".
Il bilancio energetico dell'ecosistema Terra è in deficit: per far fronte a questo problema è nata l'esigenza di utilizzare sistemi energetici sostenibili sotto il profilo ambientale ed economico sostenendo fonti energetiche alternative e rinnovabili. Vanno in questa direzione anche le recenti norme e leggi che promuovono il risparmio energetico negli edifici ed incentivano sempre più l'utilizzo di fonti di energia pulita rinnovabile.
Tra queste fonti la conversione fotovoltaica dell'energia solare è ritenuta una tra le sorgenti rinnovabili più efficienti e rispettose dell'ambiente: l'energia solare arriva ovunque, non costa nulla, è inesauribile ed ha un impatto estetico molto limitato.
Grazie al nuovo impianto, Bellotti darà il proprio contributo alla salvaguardia dell'ambiente anche quando la produzione si fermerà per la pausa estiva: l'energia prodotta in quel periodo che viene immessa in rete offrirà anche alla comunità locale l'opportunità di utilizzare energia pulita.
L'impianto è realizzato da Alter Eco con prodotti di alta qualità realizzati in Svizzera, come i pannelli Sun Age e gli inverter Sputnik Engineering, ed entrerà in esercizio entro la fine del 2009.
 
Per ulterioir informazioni
www.bellottispa.com

Bellotti: 10.000 m² di energia pulita
Bellotti: 10.000 m² di energia pulita
Bellotti: 10.000 m² di energia pulita
Bellotti: 10.000 m² di energia pulita
Aerea Bellotti prima dell'intervento

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
27/01/2020

La metà del Pil del Pianeta è messo in pericolo dai cambiamenti climatici

Un valore economico che, spiega il Forum economico mondiale, supera i 44mila miliardi. Il rischio maggiore è per edilizia, agricoltura e alimentare. E il regolatore delle Banche centrali mondiali parla del clima come “causa della prossima crisi finanziaria” con effetti che potrebbero essere ...

27/01/2020

Pniec, pubblicato il testo definitivo

Il Mise ha presentato il testo ufficiale del Piano Energia e Clima con le novità introdotte dal Decreto Legge sul Clima e quelle dedicate agli investimenti per il Green New Deal previsti nella Legge di Bilancio 2020. Per le associazioni green il ...

24/01/2020

The Orbit, la smart city del futuro che non rinuncia all’ambiente

Immaginate di trasformare una cittadina dai connotati rurali in una città del futuro, che combina fibra ottica, veicoli autonomi e aeroporti per droni, senza perdere la connessione con l’ambiente naturale.   a cura di Tommaso ...

23/01/2020

Il 2019 è il secondo anno più caldo di sempre

Secondo l'Organizzazione Meteorologica Mondiale dopo il 2016 lo scorso anno è stato il più caldo di sempre, con un aumento medio delle temperature di circa 1,1°C rispetto all'era preindustriale. Sempre più a rischio il rispetto ...

21/01/2020

22.774 sistemi di accumulo installati al 30 settembre 2019

Pubblicato da Anie Rinnovabili l'Osservatorio dedicato ai sistemi storage abbinati agli impianti fotovoltaici: i dati al 30 settembre 2019 parlano di 22.774 sistemi di accumulo installati per una potenza complessiva pari a 103 MW e ...

20/01/2020

Isola URSA a Klimahouse: va in scena la sostenibilità!

In occasione di Klimahouse di Bolzano, dal 22 al 25 gennaio torna per la terza edizione  “ISOLA URSA”, la struttura che quest'anno ospiterà momenti di formazione e approfondimento su sostenibilità e ambiente, dedicati in ...

17/01/2020

Mutuo casa in bioedilizia: ecco come acquistare una casa ecologica

Comprare casa puntando su abitazioni ecologiche è oggi possibile. Ecco qualche indicazione utile sul tipo di mutui casa proposti che incentivano abitazioni green   a cura di Andrea Ballocchi     Indice degli argomenti: Mutuo ...

16/01/2020

L’Europa punta tutto sul Green deal, la sfida del clima vale 1.000 miliardi

Arriva un nuovo Piano di investimenti in 10 anni. L’obiettivo è ancora più alto di quanto si pensasse: tutto per portare a zero le emissioni entro il 2050. La novità è il meccanismo per una giusta transizione con fondi per ...