Advertisement
IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Decreto Rilancio: il superbonus 110% è, quasi, legge

Decreto Rilancio: il superbonus 110% è, quasi, legge

Confermato il superbonus 110% per i lavori di riqualificazione energetica e adeguamento antisismico, installazione di impianti fotovoltaici e recupero o restauro delle facciate esterne degli edifici. Fraccaro: l’Italia riparte al 110%. C'è anche il Bonus bici. Aiuti alle imprese e ai lavoratori autonomi. Rinviata la plastic tax

 

a cura di Raffaella Capritti

 

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte presenta il Decreto Rilancio

 

Indice degli argomenti:

Ieri sera dopo una lunga attesa il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha presentato, nella formula della conferenza stampa serale cui ci ha ormai abituati, il Decreto Rilancio, che dovrebbe essere pubblicato oggi in Gazzetta Ufficiale, con le misure urgenti per la salute, l'economia, il lavoro e le politiche sociali connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19.

 

Tante le misure messe in campo dal Decreto-legge che vale 55 miliardi a tutela di famiglie, lavoratori, imprese e a sostegno della ripartenza.

Ecobonus e sismabonus al 110%

Confermato ecobonus e sismabonus al 110% delle spese sostenute tra il 1° luglio 2020 e il 31 dicembre 2021 per interventi volti ad aumentare l’efficienza energetica degli edifici (ecobonus), la riduzione del rischio sismico (sismabonus) e per l’installazione di impianti fotovoltaici e colonnine per la ricarica di veicoli elettrici

 

Il contribuente, in alternativa alla detrazione, potrà optare per un contributo sotto forma di sconto in fattura da parte del fornitore, che potrà recuperarlo sotto forma di credito di imposta cedibile ad altri soggetti, comprese banche e intermediari finanziari, ovvero per la trasformazione in un credito di imposta.

Si potrà usufruire del bonus fiscale in 5 rate di pari importo.

 

Quali sono gli interventi ammessi:

  • Isolamento termico delle superfici opache verticali e orizzontali che interessano l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell’edificio. La detrazione si calcola su una spesa massima di 60.000 euro moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che formano l’edificio. I materiali isolanti utilizzati devono rispettare i criteri ambientali minimi di cui al decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare 11 ottobre 2017
  • Interventi sulle parti comuni degli edifici e sugli edifici unifamiliari per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti a pompa di calore per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria a condensazione, anche abbinati all’installazione di impianti fotovoltaici e relativi sistemi di accumulo, o con impianti di microcogenerazione. La detrazione si calcola su un ammontare complessivo delle spese non superiore a euro 30.000 moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio ed è riconosciuta anche per le spese relative allo smaltimento e alla bonifica dell’impianto sostituito.
  • Per poter beneficiare del bons al 110% per lavori antisismici, deve essere stipulata contestualmente ai lavori una polizza assicurativa a copertura del rischio di eventi calamitosi.
  • Nell'ultima bozza si legge che il superbonus al 110% sarà legato al miglioramento della prestazione dell’edificio di almeno due classi energetiche, in alternativa, se non possibile, gli edifici dovranno conseguire la classe energetica più alta, da dimostrare mediante l’Attestato di Prestazione Energetica (APE).
  • La spesa massima per gli impianti fotovoltaici che beneficiano della misura di detrazione 110% è di in 48.000 € con un costo massimo per kW di 2.400 € che scende a 1.600 € nel caso di interventi di ristrutturazione edilizia. 

    Lo stesso limite di spesa è previsto per l’installazione di sistemi di accumulo, con un costo unitario minore di 1.000 €/kWh.

Il Sottosegretario alla Presidenza Riccardo Fraccaro che ha fortemente voluto il “superbonus”, in un lungo post su facebook, ha espresso la propria soddisfazione per l'aumento dell'aliquota ecobonus e sismabonus al 110% sottolineando che fondamentali per la ripartenza e la ripresa economica del paese sono due principi: la riduzione dell'inquinamento e sprecare meno risorse: “Dobbiamo ripartire e tornare a crescere da subito quindi, ma tutelando l’ambiente e il territorio, perché i cambiamenti climatici sono un segnale d’allarme che non possiamo più ignorare”.

Il Superbonus al 110% permetterà ai cittadini di beneficiare di una detrazione addirittura superiore alla somma spesa per lavori di riqualificazione energetica e adeguamento antisismico, installazione di impianti fotovoltaici e recupero o restauro delle facciate esterne degli edifici. “Un superbonus rivoluzionario perché consentirà di ottenere anche lo sconto in fattura, quindi senza alcun esborso economico da parte dei cittadini, e per la prima volta sarà cedibile a fornitori o a terzi, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari, per l'intero ammontare dei lavori effettuati”.

 

Non sono unanimi le reazioni positive di fronte a questa maxi-detrazione: tutte le associazioni del settore serramenti e involucro sono molto critiche e temono per la sopravvivenza del comparto, perché dall’incremento delle aliquote di detrazione sono esclusi tutti i singoli interventi comprese le sostituzioni di serramenti e schermature solari.

Bonus bici

In una nota il ministro dell'Ambiente Sergio Costa conferma che è stato approvato anche il bonus bici, grazie a 120 milioni di fondi del Ministero dell’Ambiente e alla collaborazione con il Mit. I cittadini potranno acquistare acquistare una bici, classica o a pedalata assistita, o un monopattino ottenendo un contributo fino a 500 euro e al 60% del costo. “È un sostegno a una filiera virtuosa della nostra industria: l’Italia è secondo produttore di bici al mondo ed è un sostegno alla mobilità green che sarà la più grande alleata delle nostre città nella ripresa post covid per quanto riguarda la mobilità”.

Inoltre saranno finanziate  con 40 milioni di euro le imprese virtuose nelle Zea, le zone economiche ambientali, per creare sviluppo sostenibile nei parchi nazionali.

 

Rinviata al 2021 l'entrata in vigore della tassa sullo zucchero e sulla plastica.

Salute e sicurezza

Il decreto, nel capitolo sicurezza e salute, dispone misure per oltre 3 miliardi e 200 milioni di euro nel solo 2020, per il il potenziamento e la riorganizzazione della rete ospedaliera e di quella assistenziale: aumentano i posti letto in terapia intensiva e semi-intensiva, si introduce la figura dell’infermiere di famiglia o di comunità con competenze specifiche sul COVID-19. I Pronto Soccorso saranno ristrutturati assicurando un percorso separato per i pazienti sospetti COVID-19. Per l'anno in corso viene aumentato di 1,5 miliardi di euro il Fondo per le emergenze nazionali (FEN), 1 miliardo è destinato al finanziamento degli interventi di competenza del commissario straordinario per l’emergenza sanitaria da COVID-19.

Sostegno alle imprese e all’economia

Il decreto inserisce contributi non solo alle imprese ma anche alle persone con Partita IVA, artigiani e lavoratori autonomi. Sono stati introdotti fondi e taglio delle tasse.

 

I soggetti esercenti attività d’impresa e di lavoro autonomo, titolari di partita IVA, con fatturato nell’ultimo periodo d’imposta inferiore a 5 milioni di euro hanno diritto a un contributo a fondo perduto se il fatturato e i corrispettivi di aprile 2020 sono stati inferiori ai due terzi dell’ammontare del fatturato e dei corrispettivi di aprile 2019. I soggetti la cui attività è partita dal 1° gennaio 2019 hanno in ogni caso diritto al contributo. Il contributo varia, a seconda dei ricavi e compensi, in una percentuale dal 10 al 20% e sarò erogato nella seconda metà di giugno, dall’Agenzia delle entrate attraverso accredito diretto in conto corrente bancario o postale intestato al beneficiario.

 

Sono poi state cancellate le clausole di salvaguardia con gli aumenti di Iva e accise per gli anni futuri. E' previsto un credito d'imposta del 60% sui canoni d'affitto per tre mesi, nel caso ci sia stata una perdita del fatturato di almeno il 50% nel mese di riferimento, e il congelamento degli oneri fissi sulle bollette fino a luglio.

 

Salta l'Irap a giugno per le imprese fino a 250 milioni e l'Imu a giugno per alberghi e stabilimenti.

 

Fino a ottobre bar, ristoranti e locali all'aperto non dovranno pagare la tassa sull'occupazione di suolo pubblico per i tavolini all'aperto.

 

La cassa integrazione Covid è stata rifinanziata per altre 9 settimane.  

 

E' confermato anche ad aprile il bonus da 600 euro per il lavoratori autonomi che può arrivare fino a 1000 euro per il mese di maggio, per i liberi professionisti titolari di partita Iva attiva iscritti alla Gestione separata Inps che non percepiscano una pensione e che nel secondo bimestre 2020 abbiano registrato una diminuzione di almeno il 33% del reddito rispetto allo stesso periodo del 2019.

 

 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
22/05/2020

Efficienza energetica e condomini: la guida ENEA

I condomini in Italia sono milioni e promuovere gli interventi di efficienza energetica su questi edifici permetterebbe di ridurre le emissioni, migliorare le prestazioni del comparto edile e aumentare il benessere di molte persone.   a cura di Arch. Gaia ...

21/05/2020

Ecobonus 110%, una buona occasione per il fotovoltaico? Un webinar gratuito

Venerdì 22 maggio MC Energy propone alle ore 15.00 il webinar gratuito "Ecobonus al 110%. E il fotovoltaico?", occasione per approfondire un tema così importante e attuale e l'impatto che la nuova detrazione potrà avere sul ...

18/05/2020

Il superbonus al 110% potrebbe compensare gli effetti del lockdown già dal 2020

Secondo le stime del Gruppo Gabetti grazie al superbonus fissato dal Decreto Rilancio al 110%, si potranno avviare interventi di riqualificazione profonda delle città e degli immobili. Più di 7 miliardi di euro nell'anno in corso dalla ...

13/05/2020

RPT: bene ecobonus e sismabonus al 110%, ma non basta

La Rete Professioni Tecniche apprezza la maxi detrazione del 110% ecobonus e sismabonus presente nel DL Rilancio ma fa anche una serie di proposte per migliorare il provvedimento. Il sottosegretario della presidenza del Consiglio Riccardo ...

08/05/2020

L’ecobonus diventa super, l’aiuto fiscale ora vale il 110%

Edilizia sostenibile, efficienza energetica, e rigenerazione urbana, sono il cuore degli interventi della norma che entra a far parte delle misure contro la crisi innescata dall’emergenza coronavirus; e trova posto, grazie alla certificazione del ...

05/05/2020

Ecobonus al 120%? Ipotesi allo studio per la ripresa edilizia

Lo ha annunciato il Ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli: per rilanciare l'edilizia detrazioni per interventi di efficientamento energetico dal 65% al 120% e meccanismo dello sconto in fattura     La ripresa dell'economia, dopo ...

02/04/2020

Emergenza coronavirus, proroga scadenze

Arera con una delibera del 24 marzo ha posticipato di sei mesi i termini per la presentazione delle attestazioni di conformità delle norme CEI 0-16 e CEI 0-21. Per le diagnosi energetiche il MISE ha fissato al 22 maggio la scadenza per ...

25/03/2020

Operativo il portale Enea per invio pratiche detrazioni per efficienza energetica

Online i due siti dell'Enea per la trasmissione dei dati per interventi di efficienza energetica e bonus casa con fine lavori nel 2020.     Operativi da qualche ora i due siti realizzati dall'Enea dedicati all'invio della documentazione ...