IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Grattacielo sostenibile Intesa Sanpaolo

Grattacielo sostenibile Intesa Sanpaolo

LATERLITE

Scelte le soluzioni leggere Laterlite

Renzo Piano Building Workshop ha firmato il grattacielo Intesa Sanpaolo, recentemente inaugurato a Torino vicino al centro storico, realizzato con un'attenzione assoluta al risparmio energetico e alle energie rinnovabili.

L'edificio grazie a precise scelte tecnologiche volte a sfruttare al meglio le fonti naturali circostanti di energia (acqua, aria, sole) e a limitarne il consumo complessivo, ha ottenuto la certificazione energetica per la classe A ed è in fase di certificazione Leed Gold. L'acqua di falda viene utilizzata per il raffrescamento degli uffici. L'energia solare viene catturata da pannelli fotovoltaici che rivestono l'intera facciata sud della torre e producono circa 120.000 kw/ora all’anno. Gli uffici hanno un’altezza di 3,20 m e dispongono di un’illuminazione indiretta ottimizzata. Particolare attenzione è stata posta alle condizioni di lavoro dei dipendenti in termini di qualità di spazio, di luce e di comfort termico. La facciata vetrata a doppia pelle permette di limitare le dispersioni termiche in inverno e viene regolata in funzione degli apporti termici attraverso un sistema di aperture e schermature solari a lamelle motorizzate, che controllano l’irraggiamento e la luce nelle aree di lavoro. In estate l'aria fresca notturna viene incanalata all'interno dei doppi solai in cemento che ne assorbono la freschezza per restituirla di giorno negli uffici con l’aiuto di pannelli radianti. L'insieme e’ gestito da sonde collegate al BMS (Building Management System). 

La torre si articola in tre livelli di parcheggio, un livello di locali tecnici e un giardino ribassato attorno al quale si sviluppano il ristorante aziendale e l’asilo nido, mentre fuori terra si compone di 26 piani di uffici, di un piano destinato alla formazione ma anche di spazi e servizi aperti al pubblico. La torre è dotata di una sala conferenze, polifunzionale e flessibile, che, grazie ad un solaio mobile e ad un’acustica variabile, si trasforma in sala espositiva, concerti o spettacoli a seconda delle necessità e può ospitare 364 persone. In alto, la serra bioclimatica, ventilata naturalmente, che accoglie il pubblico su tre livelli: il ristorante con il giardino, la sala espositiva e la terrazza panoramica. 


Sia nella sistemazione delle numerose aree a verde che nella realizzazione di orizzontamenti e strutture verticali le imprese affidatarie dei lavori hanno scelto le soluzioni leggere Laterlite. Per quanto riguarda innanzitutto le aree esterne sovrastanti i parcheggi interrati, gli strati drenanti delle risistemazioni a verde sono stati realizzati utilizzando circa 1.800 metri cubi di argilla espansa Leca sfusa che, grazie alla sua leggerezza, alla stabilità nel tempo, alla sua resistenza alle aggressioni chimiche e al gelo, trova in questi contesti una delle sue tipiche applicazioni.

Per quanto riguarda invece le opere edili vere e proprie, la realizzazione delle partizioni verticali di vani tecnici, cavedi e corpi scala è stata scelta la tramezza LecaLite, qui utilizzata nel formato 12x28x55 semipieno per l’edificazione di circa 1.400 metri quadrati di murature.
Nelle partizioni orizzontali dell’edificio, e in particolare in quelle destinate ad accogliere pavimentazioni di tipo sopraelevato, ha invece trovato spazio uno dei prodotti per sottofondi Laterlite di maggiore successo: Lecacem Mini, un premiscelato leggero e isolante ad elevata resistenza e chiusura superficiale qui fornito in ragione di circa 450 metri cubi, specificamente indicato per la realizzazione di  strati di isolamento-alleggerimento di sottofondi e pendenze, caratterizzato da una elevata resistenza alla compressione (50 kg/cm2). La sua grana fine crea una superficie chiusa e compatta che lo rende idoneo anche per gli impieghi più gravosi, mentre la sua particolare consistenza offre una superficie ideale per assicurare una perfetta planarità del sottofondo su cui poi realizzare massetto di finitura e pavimentazione. Il basso coefficiente di conducibilità termica certificato (0,142 W/mK) di Lecacem Mini garantisce apprezzabili proprietà isolanti, consentendo in spessori ridotti il raggiungimento dei parametri di legge in materia.

Nelle zone destinate ad accogliere pavimentazioni di tipo tradizionale, invece, l’impresa esecutrice ha fatto ricorso a circa 70 metri cubi Lecamix Fast, un premiscelato leggero e isolante per massetti a veloce asciugatura a base di argilla espansa Lecapiù che, grazie a un coefficiente di conducibilità termica certificato di 0,291 W/mK - circa un quarto del tradizionale massetto sabbia/cemento – permette con soli 8 cm di spessore di raggiungere i valori di isolamento termico previsti dalla legge. 

Leca argilla espansa sfusa
Lecacem
Lecamix Fast

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
18/10/2018

Costruzioni ipogee: i vantaggi di vivere in una casa interrata

“Vivere sottoterra” può non sembrare molto allettante, anche se in realtà le costruzioni ipogee offrono diversi vantaggi in termini di comfort interno e di tutela ambientale. Oggi, con la diffusione delle costruzioni ipogee, vi sono ...

12/10/2018

Progetto italiano di casa green realizzata con una stampante 3D

3D Crane è il nome del nuovo sistema di stampa tridimensionale realizzato dall’azienda WASP di Massa Lombarda. Il nuovo modello è stato utilizzato per Gaia, la casa realizzata con terra cruda e scarti di lavorazione del riso.   a ...

08/10/2018

Come realizzare una casa sostenibile in soli 22 metri quadri

L’edilizia utilizza il 40% delle risorse naturali del pianeta e rappresenta oltre un terzo delle emissioni di gas serra. Per fronteggiare la situazione, Yale University con il supporto dell’UN Environment e dell’UN Habitat ha realizzato un ...

18/09/2018

A New York appartamenti futuristici firmati Zaha Hadid

Il progetto 520 West 28th Street è il palazzo futuristico firmato dall’architetto Zaha Hadid. Un edificio sbalorditivo, alto 11 piani, che sorge nelle vicinanze dell’affascinante High Line Park di  New York.   a cura di Tommaso ...

11/09/2018

Hong Kong ospiter Aero Hive, il grattacielo che respira

Lo studio di architettura Midori Architects ha vinto il premio Skyhive Skyscraper Challenge con il progetto futuristico Aero Hive. Due grattacieli progettati per adattarsi alle sfide del clima locale e ridurre la CO2 nell’aria.   a cura di ...

07/09/2018

Una villa ad alta efficienza energetica con SPA

A Brembio, in provincia di Lodi è in via di realizzazione uno dei primi progetti Ecolibera, con tetto fotovoltaico, piscina e SPA.    a cura di Silvia Giacometti     Ecolibera non è solo un progetto ma un concetto ...

07/09/2018

ZEPHIR Passivhaus Italia per la riqualificazione delle Torri di Madonna Bianca

Il Team di progettazione ZEPHIR Passivhaus Italia in collaborazione con gli Studi Bombasaro e Campomarzio ha vinto il concorso di progettazione di tre delle 11 torri di Villazzano che saranno riqualificate secondo la prospettiva nzeb e dell’efficienza ...

06/09/2018

Vivere in case ecosostenibili ricavate da vecchie navi mercantili

Marine Doc è il progetto che prevede la trasformazione delle vecchie navi fluviali mercantili in disuso, in nuove abitazioni di lusso ed eco sostenibili, completamente autonome dal punto di vista energetico.   a cura di Tommaso ...