IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Approfondimenti > 2018 anno fondamentale per il futuro delle rinnovabili

2018 anno fondamentale per il futuro delle rinnovabili

In tutto il mondo eolico, fotovoltaico, idro ed energia dal mare sono in crescita, il 2018 si preannuncia come un anno decisivo per la transizione verso le rinnovabili, nonostante il negazionismo di Trump

A cura di: Tommaso Tautonico

2018 anno fondamentale per il futuro delle rinnovabili

 

Il 2018 è appena iniziato. Un anno delicato, di transizione, un anno decisivo per il futuro delle rinnovabili. Soprattutto negli USA dove le politiche locali devono fare i conti con una politica nazionale che punta sull’uso dei combustibili fossili.

 

Secondo le stime dell’AIE, l’Agenzia Internazionale dell’Energia, il futuro delle rinnovabili non potrà che essere vincente. In tutto il mondo lo sviluppo dell’energia pulita è in forte crescita: energia eolica, energia solare, energia dal mare, idroelettrico contribuiranno a raddoppiare sino al 2022 la capacità di potenza installata rispetto agli ultimi cinque anni. Entro il 2022 , continua l’Agenzia, il 30% dell’energia prodotta deriverà da fonti energetiche rinnovabili (attualmente le fonti pulite contribuiscono per il 24%). Un trend che secondo le stime dell’Agenzia Internazionale dell’Energia dovrebbe far abbassare il contributo del carbone nel mix energetico al 26% entro il 2022.

Domanda di carbone che registra già oggi una flessione soprattutto in Cina e Stati Uniti, due colossi che fanno dei combustibili fossili la loro fonte primaria di energia. Mentre la Cina spinge l’acceleratore sull’abbandono delle fonti fossili (vedi il piano di dismettere molte centrali a carbone), gli USA devono fronteggiare una politica nazionale incentrata sul ritorno al carbone e dei combustibili fossili, annullando i passi avanti fatti dall’amministrazione precedente.

Negli States le fonti rinnovabili hanno fornito il 18% di energia (ottobre 2017), tre punti percentuali in più rispetto all’anno precedente. In California il 30% dell’energia venduta dalle principali utilities energetiche deriva da fonti rinnovabili; nello stato di New York il 23% del mix energetico è green; in Texas il 15% del fabbisogno energetico è soddisfatto da grandi parchi eolici. Il futuro delle rinnovabili sembra già segnato. Ma il pericolo è dietro l’angolo.

Lo spettro di Trump sul futuro delle rinnovabili

Mentre molti stati americani si sono detti contrari alle politiche energetiche del Presidente Trump, Rick Perry, forte negazionista dei cambiamenti climatici, ha proposto un cambio nelle regole del mercato energetico nazionale che prevede degli incentivi in favore delle centrali a carbone e di quelle nucleari. Proposta che ha scatenato l’ira e l’opposizione degli operatori di rete, dei player del settore delle energie rinnovabili, dell'industria petrolifera e del gas, dei consumatori e dei gruppi ambientalisti. Solo nelle prossime settimane sarà possibile capire cosa deciderà di fare (e soprattutto se deciderà) la Federal Energy Regulatory Commission. Il futuro delle rinnovabili negli USA non è ancora chiaro come nel resto del mondo. Alcune indiscrezioni parlano di una tassa su pannelli fotovoltaici e celle solari importate dall’estero. Tassa che farebbe aumentare i prezzi dell’energia solare diminuendone la domanda. Mentre in tutto il mondo le politiche economiche e gli incentivi tendono a favorire le rinnovabili e le nuove tecnologie, gli Stati Uniti devono superare gli ostacoli “imposti” da Washington. Ostacoli che se riuscissero nell’intento, frenerebbero la crescita delle fonti energetiche pulite americane, il secondo consumatore mondiale di energia. Ma la lotta interna è tutt’altro che scontata: ventinove stati hanno firmato mandati per le fonti rinnovabili e altri otto stati hanno già fissato dei “target” per l’energia pulita così come confermato dal “North Carolina Clean Energy Technology Center”. Basti pensare che lo stesso Distretto di Columbia, sede della capitale della nazione, ha come obiettivo a medio termine (entro il 2032) quello di soddisfare metà del suo fabbisogno energetico utilizzando fonti di energia pulita.

 

Nel resto del mondo invece il futuro delle rinnovabili promette scintille. Sistemi di accumulo per l’energia, inverter intelligenti, sistemi di gestione dell’energia in tempo reale, nuovi materiali che aumentano il rendimento energetico, sono tutti aspetti che trainano la crescita delle energie rinnovabili e che spingono aziende, città ed istituzioni a preferire l’energia pulita rispetto ai combustibili fossili. "L'energia rinnovabile non è una tecnologia alternativa, è la principale fonte di una nuova generazione energetica  – afferma Scott Jacobs, amministratore delegato e co-fondatore di una delle più grandi società d’investimento in energie pulite, la Generate Capital - La sola cosa che continuerà a guidare la crescita delle rinnovabili è la proposta di valore convincente in grado di offrire ai clienti”. Gli impianti di produzione basati sul nucleare e sul carbone saranno presto solo una scomoda eredità del passato. Troppo costosi per competere con le nuove tecnologie emergenti che rendono il futuro delle rinnovabili migliore di qualunque aspettativa possiamo avere oggi.

Consiglia questo approfondimento ai tuoi amici

Commenta questo approfondimento

Le ultime notizie sull’argomento
20/02/2018

Comuni in pista per la mobilità sostenibile

Firmato il protocollo di intesa “Comuni in pista - #Sullabuonastrada” tra Anci, Istituto per il credito sportivo e Federciclismo, a sostegno degli investimenti dei Comuni nelle piste ciclabili     Lo sviluppo sostenibile del ...

20/02/2018

L'UE può raddoppiare la quota di rinnovabili entro il 2030

Secondo un nuovo Studio presentato da Irena, l'UE potrebbe raddoppiare la quota delle energie rinnovabili nel suo mix energetico, a costi contenuti, passando dal 17% nel 2015 al 34% nel 2030     Da oltre due decenni i paesi dell'Unione europea ...

19/02/2018

In calo le rinnovabili a gennaio, tranne l'eolico

Scende a gennaio la domanda di elettricità in Italia, non bene le rinnovabili che comunque mantengono la produzione ai livelli di gennaio 2017. In forte crescita l'import 

Nel mese di gennaio 2018, secondo quanto rilevato da ...

19/02/2018

Interventi di rigenerazione urbana in Emilia

La Regione ha firmato un accordo con Fondazione sviluppo sostenibile per la riqualificazione efficiente delle aree urbane      Per contrastare i cambiamenti climatici e il surriscaldamento è necessario pianificare precisi ...

07/02/2018

I temi su cui costruire l’edilizia del futuro

Decarbonizzazione, digitalizzazione e industrializzazione del settore delle costruzioni: al via la Call for Speakers di REbuild 2018    REbuild è diventato in questi anni un importante momento di incontro e confronto tra i principali ...

06/02/2018

Il condominio efficiente e sostenibile? Si può

Legambiente ha presentato la nuova campagna CIVICO 5.0 dedicata all’efficienza energetica e alla sharing economy in condominio.   Come sappiamo in Italia il mercato della riqualificazione sta trainando il settore dell’edilizia, che ha ...

05/02/2018

Nel 2017 dalle rinnovabili più elettricità che dal carbone

In Europa lo scorso anno prodotta più energia da fotovoltaico, eolico e biomasse che dal carbone. Le emissioni di gas serra sono leggermente aumentate     Un recente Rapporto pubblicato dai due tink tank Agora Energiewende e Sandbag, ...

02/02/2018

Il tessuto che migliora la qualità dell'aria e riduce l'inquinamento

The Breath è un'innovativa tecnologia sviluppata dalla startup Anemotech e distribuita da Engie, in grado di migliorare la qualità dell'aria riducendo l'inquinamento, sia negli ambienti chiusi che in quelli ...