IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Approfondimenti > Riqualificazione energetica dell’edificio storico… in convegno a Ferrara

Riqualificazione energetica dell’edificio storico… in convegno a Ferrara

Ristrutturazione e riqualificazione del patrimonio storico rappresentano un'opportunità per riattivare gli investimenti nel mercato immobiliare, sostenere l’innovazione tecnologica e migliorare la qualità del patrimonio.

 

In Italia il patrimonio immobiliare è costituito dall’85% da edifici esistenti con bassi livelli di efficienza energetica che, spesso, si traducono in scarsa qualità, ridotto comfort ambientale ed elevati costi di gestione.

Recuperare, ristrutturare e riqualificare l’esistente, in particolare storico, dovrebbe essere, per il nostro paese, uno strumento fondamentale per riattivare gli investimenti nel mercato immobiliare, sostenere l’innovazione tecnologica e migliorare la qualità del patrimonio.

 

Queste le tematiche affrontate nel convegno “L’energia dell’edificio storico”, organizzato il 6 aprile scorso dal Centro Architettura Energia del Dipartimento di Architettura dell’Università degli studi di Ferrara con il centro ricerche Eurac di Bolzano e il Teknehub Rete Alta Tecnologia Emilia Romagna nella prestigiosa cornice del Salone del Restauro di Ferrara. Il seminario ha dato voce a diverse figure protagoniste di questo processo, presentando studi e linee di indirizzo per un intervento di miglioramento prestazionale consapevole del patrimonio culturale. La teoria e l’applicazione multi-scalare avevano l’obiettivo, da una parte, di fornire gli strumenti per programmare azioni di recupero rispettose, calibrate ed efficaci, dall’altra, di consentire agli organi di controllo un’adeguata azione di tutela dei valori testimoniali.

 

Il convegno si è aperto con l’intervento dell’Arch. Andrea Alberti, direttore della Soprintendenza per le Province di Venezia, Treviso, Padova e Belluno che ha sottolineato l’importanza di un intervento consapevole, capace di unire le esigenze di tutela con le nuove modalità di fruizione del patrimonio, ricalcando quanto è stato fatto negli anni appena passati per la sicurezza, in merito all’adeguamento sismico delle strutture, anche storiche.

 

In seguito, il Prof. Pietromaria Davoli del centro Architettura Energia del Dipartimento di Architettura di Ferrara ha delineato un quadro molto aggiornato dello stato di fatto delle ricerche e degli studi svolti sul risanamento energetico degli edifici storici. Partendo dall’introduzione dei principali documenti di indirizzo a livello europeo, nazionale e locale, ha mostrato la vastità e l’importanza dell’argomento e la necessità di mettere a sistema tutte le informazioni a disposizione dei progettisti e delle autorità di tutela.

 

La Prof. Alessandra Battisti del Dipartimento di Pianificazione Design Tecnologia dell’Architettura dell’Università “La Sapienza” di Roma ha presentato le “Linee guida di indirizzo per il miglioramento dell'efficienza energetica nel patrimonio culturale. Architettura, centri e nuclei storici ed urbani” elaborate dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (Mibact). Particolare attenzione è stata posta alle strategie di miglioramento dell’involucro edilizio e alla componente impiantistica, presupponendo il maggiore rispetto possibile delle strutture antiche e del loro originario comportamento. Le diverse opportunità di retrofit energetico sono supportate da una serie di schede tecniche che definiscono in modo dettagliato le possibilità di intervento più adatto allo specifico ambito operativo.

 

L’Arch. Elena Lucchi, senior researcher presso l’EURAC Research di Bolzano, ha presentato una serie di metodi, procedure, strumenti e interventi di risanamento energetico per gli edifici storici, grazie all’esperienza sviluppata nei progetti europei 3ENCULT ed EFFESUS dedicati proprio a questo tema.

Partendo dalla consapevolezza che l’azione su patrimonio storico nasce da una conoscenza approfondita delle caratteristiche dell’immobile originario, sono state descritte le tecniche di analisi storica e conservativa, di rilievo materico, di audit energetico strumentale e di monitoraggio ambientale, evidenziano le problematiche e le specificità della loro applicazione al patrimonio storico.

 

Sono stati presentati poi alcuni interventi di risanamento energetico molto nel dettaglio, mostrando i problemi in fase di canterizzazione o di test di laboratorio. Gli interventi presentati hanno riguardato l’isolamento termico dall’interno, il recupero e la sostituzione di finestre esistenti, l’illuminazione ad alta efficienza e la ventilazione meccanica controllata.

L’Arch. Marta Calzolari del centro Architettura Energia del Dipartimento di Architettura di Ferrara ha illustrato alcuni risultati della ricerca svolta dal centro per la messa a punto di un sistema di analisi speditiva e semplificata utile alla programmazione degli interventi di miglioramento energetico alla scala del cluster storico. Il recepimento della Direttiva Europea con il D.lgs. 102/2014 obbliga le Amministrazioni Centrali a riqualificare il 3% annuo di superficie coperta dei propri edifici. Per questa ragione, diventa strategico che tali amministrazioni siano fornite di strumenti necessari ad una efficiacie programmazione e valutazione economica degli interventi di gestione e miglioramento energetico del proprio vasto patrimonio immobiliare. Lo strumento speditivo, attualmente sperimentato sul patrimonio storico dell’Ateneo ferrarese, permetterà di fornire all’amministrazione un’immagine dello stato di fatto energetico dell’intero complesso edilizio storico dell’Università, dalla quale partire per impostare le scelte principali di intervento, decise in funzione delle diverse categorie di edifici.

 

L’Arch. Manuela Faustini del Settore Edilizia e Patrimonio del Comune di Bologna, ha descritto i lavori realizzati presso la Sala Urbana di Palazzo d’Accursio a Bologna, nell’ambito dei progetti europei 3ENCULT e GOVERNEE. In particolare è stato presentato il progetto relativo all’illuminazione naturale e artificiale, che ha previsto la sostituzione delle finestre e l’inserimento di un nuovo sistema di illuminazione, posto in stretta correlazione con un sofisticato impianto di domotica. Gli obiettivi principali del progetto hanno riguardato la rilevazione e gestione delle condizioni di temperatura e umidità per assicurare un buon comfort visivo e un’ottimale conservazione delle decorazioni pittoriche, oltre che un risprmio energetico e una qualità della luce ottimale per la valorizzazione delle opere.

 

Il seminario ha sottolineato la complessità del risanamento energetico del patrimonio storico e l’importanza della collaborazione tra gli attori coinvolti negli ambiti di ricerca, educazione, progettazione e programmazione degli interventi. Diventano, pertanto, necessari approcci di condivisione e integrazione delle conoscenze, sempre più interdisciplinari e applicati ad esempi concreti.

 

*Marta Calzolari - Centro Architettura>Energia, Dipartimento di Architettura, Università degli Studi di Ferrara

** Elena Lucchi - Eurac Research – Politecnico di Milano

TEMA TECNICO:

Efficienza energetica

Consiglia questo approfondimento ai tuoi amici

Commenta questo approfondimento

Le ultime notizie sull’argomento
18/07/2017

8 milioni in Toscana per l’efficienza energetica degli edifici pubblici

Sarà pubblicato entro fine luglio un bando destinato all’efficientamento energetico di Enti locali e ASL della Toscana   Sono 8 i milioni messi a disposizione dal nuovo bando della Regione Toscana, che verrà pubblicato entro la ...

13/07/2017

Piazza Gae Aulenti: il belvedere si tinge di green

piuarch vuole un tetto verde per il Porta Nuova Building.       Con un po' di ritardo rispetto ai colleghi europei, anche la capitale meneghina da qualche tempo ripensa lo sviluppo urbanistico in altezza e senza più freni. Palazzo ...

11/07/2017

1 milione di interventi in efficienza energetica in 3 anni

Grazie agli ecobonus in 3 anni sono stati realizzati un milione di interventi per oltre 9,5 miliardi di euro di investimenti. Annunciata una task force dedicata all’efficienza energetica della PA     Enea ha presentato a Roma ...

07/07/2017

Efficienza energetica al centro delle politiche fino al 2030

Per ogni euro di spesa pubblica investito in efficienza energetica si possono generare 1,5 euro di occupazione, energia risparmiata e benefici ambientali     Presentato da Confindustria il 4 rapporto Efficienza energetica che propone una ...

06/07/2017

In Emilia 47 milioni a sostegno di innovazione ed efficienza energetica

Dal 10 luglio le imprese dell'Emilia Romagna potranno inviare le domande per accedere al fondo per startup e innovazione energetica     Sono 47 i milioni di euro messi a disposizione dalla regione Emilia Romagna per il credito ...

30/06/2017

Efficienza energetica scuole, prorogata la scadenza del fondo Kyoto

Prorogata al 30 giugno 2018 la scadenza per accedere al Fondo Kyoto per interventi di efficientamento degli istituti scolastici     Il Ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti rende noto che è stato posticipato di un anno, ovvero al 30 ...

21/06/2017

Efficienza energetica ed energia sostenibile. L'Italia c'è!

La battaglia contro il cambiamento climatico si vince uniti. Efficienza energetica, revamping e rinnovabili rappresentano un’incredibile occasione di sviluppo per il nostro paese     Ad aprire i lavori di "Restart: rispetto e coscienza ...

20/06/2017

Efficienza energetica edifici, un bando in Puglia

Fino al 30 agosto è attivo il bando per gli interventi di efficientamento energetico degli edifici pubblici della Puglia     La Puglia ha attivato un bando da 157,8 milioni di euro destinati alle Pubbliche Amministrazioni che intendano ...