8 milioni in Toscana per l’efficienza energetica degli edifici pubblici

Sarà pubblicato entro fine luglio un bando destinato all’efficientamento energetico di Enti locali e ASL della Toscana

Sono 8 i milioni messi a disposizione dal nuovo bando della Regione Toscana, che verrà pubblicato entro la fine di luglio, che destina risorse, nell’ambito della programmazione dei fondi comunitari POR FESR 2014-2020, per progetti di efficienza energetica degli immobili esistenti adibiti ad uso pubblico. 4 milioni saranno dedicati agli Enti Locali, Comuni, Province, Unioni di Comuni e Città Metropolitana e 4 alle Aziende Sanitarie Locali e Ospedaliere, con la priorità di destinare 1 milione fino a esaurimento a per i progetti di efficientamento energetico degli immobili pubblici che si trovano nei Comuni del Parco Agricolo della Piana.

In un comunicato stampa della Regione si legge che potranno essere realizzati interventi che riguardano l’isolamento termico di strutture orizzontali e verticali, la sostituzione di serramenti, la sostituzione di impianti di climatizzazione con impianti alimentati da caldaie a gas a condensazione o impianti alimentati da pompe di calore ad alta efficienza, la sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore o a collettore solare per la produzione di acqua calda sanitaria, i sistemi intelligenti di automazione e controllo per l’illuminazione e la climatizzazione interna, sistemi di climatizzazione passiva, impianti di cogenerazione/trigenerazione ad alto rendimento.

Sono inoltre ammessi a finanziamento gli interventi per la produzione di energia termica da fonti energetiche rinnovabili quali solare, aerotermica, geotermica, idrotermica e per la produzione di energia elettrica da fonti energetiche rinnovabili quali solare (impianti fotovoltaici), purché finalizzati all’autoconsumo.

Nel momento in cui la domanda viene presentata gli interventi dovranno essere previsti almeno nel progetto di fattibilità tecnico ed economica. Ogni soggetto potrà presentare una o più domande per un totale in termini di contributo concedibile complessivo non superiore a 1 milione e mezzo di euro per gli Enti Locali e a 3 milioni per le Aziende Sanitarie Locali e le Aziende Ospedaliere. Il contributo sarà concesso sotto forma di contributo in conto capitale nella misura massima dell’80% delle spese ammissibili.

Ciascun intervento dovrà essere fondato sulla base delle risultanze di una diagnosi energetica, eseguita ai sensi dell’Allegato 2 al D.Lgs. 102/2014 ed in conformità alle norme tecniche UNI CEI EN 16247.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Efficienza energetica, Incentivi e finanziamenti agevolati

Le ultime notizie sull’argomento