IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Approfondimenti > Il punto sulle smart city

Il punto sulle smart city

Sono già molte le città nel mondo che possono definirsi “intelligenti”, per i loro programmi energetici, la mobilità cittadina, la qualità dell’architettura. L’Italia è fanalino di coda, ma qualcosa si muove

A cura di: Isolda Minetto

Il punto sulle smart city con alcuni esempi

La città del futuro

Come sarà la città del futuro? Ce lo chiediamo spesso provando a immaginare l’impatto che le nuove tecnologie avranno sul vivere in collettività, sulla forma e la fruizioni degli spazi residenziali e pubblici, gli spostamenti, le risorse energetiche. Mobilità, sostenibilità ambientale, bioarchitettura e digitalizzazione: sono questi in sintesi gli ambiti su cui si gioca la partita.

 

Secondo il World Cities Vision 2030 – 2050, la ricerca svolta da Cresme per l'Associazione Costruttori di Roma con il contributo dell'ordine degli architetti di Roma, le città del futuro saranno in linea di massima più grandi (Londra avrà quasi 3 milioni di abitanti in più di oggi nel 2050 e molti studi già prevedono che vi saranno aree urbane da 100 milioni di abitanti); avranno un piano climatico e della sostenibilità, o più politiche che riguardano l’ambiente e l’energia, che indicherà le azioni per migliorare la qualità dell’aria, ridurre le emissioni di CO2, rendere resiliente la città ai rischi idrogeologici; un grande piano di investimenti sarà alla base di una nuova mobilità e di nuove tipologie di edifici; di certo avranno una nuova architettura, integrata con il verde, come nel modello svedese di “simbiocity”, una pianificazione integrata che attraverso la simbiosi tra operatori pubblici e privati coordina tutti gli elementi dello sviluppo sostenibile: approvvigionamento di acqua ed energia, smaltimento dei rifiuti, mobilità, servizi  per la collettività come scuole e ospedali, tutela del paesaggio, edificazione “intelligente” dei nuovi insediamenti residenziali.

 

Molte metropoli delle economie emergenti hanno già messo in atto piani simili, ma anche nella vecchia Europa si sta lavorando in tale direzione e molte città stanno progettando la loro “rivoluzione”. 

Le top nel mondo

 

Copenhagen

Copenhagen sempre più smart city


Ha conquistato negli ultimi anni diversi primati, da quello di Capitale europea green nel 2014, per arrivare al primato mondiale nel 2017. Molti i suoi punti di forza, dalla metropolitana automatizzata attiva 24 ore su 24 (i treni passano al massimo ogni 4 minuti) al programma di mobilità che prevede che entro il 2025 il 75% dei cittadini si sposterà a piedi o in bicicletta (attualmente lo sta già facendo il 40%).

 

Singapore

Singapore ha avviato il programma Smart Nation


Nel 2014 l’ex colonia britannica ha avviato il programma Smart Nation che ambisce a rivoluzionare in positivo la vita dei suoi cittadini attraverso l’acquisizione e gestione di un grande database con le informazioni di ciascuno di essi.

 

Stoccolma

È stata la prima European Green Capital, nel 2010 e già nel 1990 aveva tagliato le emissioni di CO2 del 25%. Ora aspira a diventare autonoma dai combustibili fossili entro il 2050.

 

Il quartiere Hammarby Sjöstad di Stoccolma a impatto 0

 

Il suo quartiere Hammarby Sjöstad, a sud del centro, è noto in tutto il mondo per il progetto “Symbiocity”, un programma che ha reso l’area  impatto zero e la sua comunità (circa 1100 appartamenti) autonoma in tutto. La pioggia diventa acqua di scarico e la spazzatura viene bruciata per garantire energia elettrica e calore alle case. Un sistema virtuoso in cui ogni risorsa ne alimenta un’altra.

 

Oslo

I lavori inizieranno nel 2019 e già promette di diventare una delle più avanguardistiche smart city europee.

 

La città 100% sostenibile Oslo Airport City

 

Oslo Airport City sorgerà su un’area di oltre 900 acri acri e rientra nel programma regionale che prevede la realizzazione di città intelligenti intorno a Oslo e con ottimi collegamenti. Qualcuno dice che sarà la prima città sostenibile al mondo per le sue politiche legate soprattutto alla mobilità, la maggior parte dei luoghi, infatti, sarà raggiungibile a piedi o con mezzi elettrici; tutta l’energia necessaria sarà prodotta da fonti rinnovabili e gli edifici saranno immersi in enormi spazi verdi.

 

Amburgo

Ad Amburgo c’è HafenCity, il nuovo distretto portuale, un progetto integrato che ormai ha fatto della filarmonica ideata dallo studio Herzog & de Meuron il suo elemento distintivo.

 

 

HafenCity, il nuovo distretto portuale ad alta efficienza di Amburgo

 

Ad HafenCity gli edifici sono efficienti, presentano pannelli fotovoltaici e turbine eoliche a basso impatto estetico e ci si sposta attraverso il bike sharing o con veicoli elettrici (la città è piena di colonnine per la ricarica dei veicoli).

 

Parigi – Le Grand Pari(s)

 

Le Grand Pari(s) progetto per una megalopoli super connessa ed efficiente.

 

A Parigi c’è attesa per il grande progetto che dovrebbe trasformare la capitale francese in un megalopoli super connessa ed efficiente. Le Grand Pari(s) sta appunto per “grande Parigi” ma anche per “grande scommessa” e alla sua base c’è proprio un ambizioso disegno di metropolitane automatiche attorno alla città, il Grand Paris Express. Chissà se come previsto sarà consegnato alla città dopo le Olimpiadi del 2024.

 

Kenya – Smart City Konza

In Kenya sono appena partiti i lavori per la creazione di Smart City Konza: 2000 ettari a 70 km dalla capitale Nairobi.  Una città intelligente che potrà ospitare circa 200 mila persone in abitazioni suddivise tra residence e social housing, uffici, con scuole, un sistema di trasporti efficiente e pulito, edifici realizzati secondo elevati standard di risparmio energetico e sostenibilità e tecnologie avanzate.

 

In Kenya sta sorgendo la città intelligente Smart City Konza

 

Konza si propone inoltre di essere un polo tecnologico all'avanguardia grazie alla costruzione di centri di ricerca e università per lo sviluppo di progetti nell'ambito hi-tech. Il progetto è sviluppato da Gruppo ICM-Impresa Costruzioni Maltauro. Konza rappresenta un progetto importante nella strategia di crescita dello Stato africanoe si inserisce nel piano di sviluppo a lungo termine denominato "Kenya Vision 2030" lanciato dal Governo del Kenya nel 2008.

 

Milano

Se come nel Medioevo si misurasse la grandezza e la modernità di una città dal numero e dall’altezza delle sue torri, oggi in Italia vincerebbe Milano.

Ma in quanto a modernità il capoluogo lombardo primeggia anche per altro, oltre che per il numero dei suoi grattacieli. Dopo l’avventura di Expo 2015 sta riqualificando gran parte degli ex scali ferroviari, nonché alcune zone outsider (come l’attuale area fieristica) dove stanno sorgendo e sorgeranno nei prossimi anni quartieri ed edifici dal carattere avanguardistico: progetti a basso impatto ambientale, immersi in ettari di verde e dotati di teleriscaldamento, sistemi geotermici e altre soluzioni che utilizzano fonti rinnovabili.

 

Appartamenti di lusso dotati di sistemi domotici, condomini di nuova generazione dove vivere ma anche lavorare e socializzare attraverso programmi di coworking, servizi di concierge e ancora palestre e aree fitness integrate, asili e spazi collettivi. Tra i progetti che promettono meglio c’è UpTown , adiacente al Cimitero Maggiore, il centro residenziale Parco Vittoria, nel quartiere portello e ancora City Life, l’interessante progetto di riqualificazione della zona campionaria, sempre nella zona est della città, i cui edifici sono stati disegnati da Arata Isozaki, Daniel Libeskind e Zaha Hadid.

 

Progetto Milano City Life

Progetto Milano City Life

 

“Non è la tecnologia che fa di un quartiere uno smart district”, spiega Attilio Di Cunto, AD di EuroMilano, che cura UpTown, “è importante ma non basta. Quello che fa di UpTown il primo distretto smart è il fatto che l’intero progetto ruota intorno a un nuovo stile di vita, fatto di ecosostenibilità, benessere, spazi verdi, servizi alla persona, cultura”.

 

E sono solo alcuni dei progetti che stanno interessando la città, i programmi sono molto ambiziosi e già entro il 2020 si potrebbe vedere uno skyline ancora più articolato, per quella data è prevista, infatti, l’inaugurazione di Gioia 22, la torre che sorgerà sul sito dell’edificio ex INPS, in via Melchiorre Gioia.

 

La torre di milano Gioia 22

 

A sud – ovest di Milano, zona Bisceglie, la società Borio Mangiarotti sta curando un ampio progetto di riqualificazione urbana immerso nel verde e ideato da Mario Cucinela: il complesso SEIMilano .

 

Progetto di riqualificazione urbana SEIMilano

Progetto di riqualificazione urbana SEIMilano

Consiglia questo approfondimento ai tuoi amici

Commenta questo approfondimento

Le ultime notizie sull’argomento
17/12/2018

COP24: Un accordo poco ambizioso per il clima e il futuro del Pianeta

Indice degli interventi

1. Un accordo poco ambizioso per il clima e il futuro del Pianeta
2. Non trovare un accordo per il clima sarebbe un "suicidio"
3. Una corretta azione per il clima potrebbe salvare un milione di vite
...

17/12/2018

Innovativa tecnologia che rende potabile l'acqua del mare grazie al sole

Sviluppato dal Politecnico di Torino un nuovo prototipo in grado di dissalare l’acqua di mare a basso costo, grazie alla sola energia del sole. La ricerca pubblicata sulla rivista Nature  
Tra le emergenze che stiamo già ...

13/12/2018

La Camera approva la Legge di Bilancio, confermati Ecobonus e Sismabonus

La Camera nella seduta dell'8 dicembre ha approvato la Legge di Bilancio senza novità rispetto alle detrazioni fiscali per gli interventi di riqualificazione energetica e di ristrutturazione edilizia     La Camera, con 312 voti a favore, ...

12/12/2018

La bioplastica che cattura la CO2

Due architetti italiani progettano soluzioni ispirate al bio-digital design. A Dublino, in occasione di un summit sul clima, hanno installato una facciata rivoluzionaria che cattura e immagazzina l’anidride carbonica grazie alla luce diurna e alle ...

12/12/2018

Sistema di monitoraggio delle emissioni antropogeniche di CO2

Copernicus è un programma dell'Unione Europea che ha l'obiettivo di sviluppare un sistema di monitoraggio delle emissioni di CO2 per aiutare i paesi a verificarne il controllo e la riduzione.     Come ormai ripetiamo quasi ...

11/12/2018

In pochi paesi politiche ambientali adeguate agli obiettivi dell’Accordo di Parigi

Presentato a Katowice in occasione della COP24 il Rapporto Germanwatch sulle performance climatiche di 56 paesi. In pochi hanno attuato politiche coerenti con gli obiettivi fissati a Parigi, l'Italia 23esima perde posti     E' stato ...

10/12/2018

Nel 2018 emissioni di CO2 in crescita dello 0,5%

Allarme IEA: Le emissioni di carbonio delle economie avanzate aumenteranno nel 2018 di circa lo 0,5% per la prima volta in cinque anni, invertendo la tendenza al ribasso     Secondo l'Agenzia Internazionale per l'Energia, sulla base degli ...

06/12/2018

Al MIT si lavora ad una batteria che mangia la CO2

I ricercatori del Massachussets Institute of Tecnology stanno sviluppando una batteria al litio creata dal biossido di carbonio prodotto dalle centrali elettriche. Un modo innovativo con cui ridurre i gas serra nell’atmosfera.   a cura di Tommaso ...