In Veneto la prima casa a bolletta zero certificata Minergie

Produce più energia di quanto necessiti. Scelte le soluzioni Hoval

In provincia di Verona, a San Martino Buon Albergo, è stata realizzata una casa monofamiliare di circa 220 m2, costruita su due piani,  che produce più energia di quanta ne consumi, grazie a un involucro termico performante, un’ottima coibentazione, un impianto di riscaldamento a biomassa e uno fotovoltaico di 5.88 kWp (36m2). Si tratta della prima casa, nel Veneto, ad aver ottenuto la certificazione Minergie I-VR-001, marchio svizzero che certifica la sostenibilità degli edifici nuovi o riqualificati, con un’attenzione particolare al comfort abitativo di chi vive questi spazi, che si ottiene mantenendo elevati standard tecnici e qualitativi dell’involucro e del rinnovo dell’aria garantito da sistemi di ventilazione meccanica controllata.   

L’abitazione si caratterizza per i consumi 0 perchè rispetta parametri di isolamento termico di alto livello grazie all’elevata coibentazione, al rivestimento a cappotto in polistirene espanso caricato a graffito di 18 cm di spessore e alle soluzioni impiantistiche adottate integrate.

Il progetto è stato seguito dall’architetto Carlo Di Pillo con il metodo costruttivo CQ Quality Building, che garantisce, oltre ad un miglioramento della qualità del microclima interno, anche una maggior durabilità degli immobili, con una conseguente riduzione dei costi di manutenzione, un consistente risparmio energetico e quindi un notevole abbattimento dei costi.

Per questa innovativa costruzione, Hoval ha fornito il sistema di ventilazione meccanica controllata HomeVent® Comfort FR 250 e una pompa di calore CombiVal WPER 300 per la preparazione di acqua calda sanitaria.

A tutela del microclima e della purezza dell’ambiente all’interno dell’abitazione, la soluzione HomeVent® assicura la massima pulizia dell’aria.  Totalmente automatica, senza generare correnti d’aria, filtra particelle di sporcizia, sostanze nocive, polveri e pollini, oltre ad impedire l’ingresso di insetti e ad espellere l’aria viziata e gli odori. Con Home Vent® non è necessario aprire le finestre per favorire il ricambio d’aria. In questo modo vengono recuperati il calore e l’umidità che andrebbero eventualmente persi con l’apertura delle finestre.

Per produrre acqua calda è invece stata utilizzata la pompa di calore CombiVal WPER. Rispetto a uno scaldacqua convenzionale, con la pompa di calore CombiVal è possibile risparmiare fino a due terzi del consumo energetico necessario per produrre acqua calda. Dotata di un dispositivo di sbrinamento integrato che consente così di produrre acqua calda fino a una temperatura minima di -10°C,  è adatta anche per il funzionamento con aria esterna.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Architettura sostenibile

Articoli

HOVAL

Hoval è un punto di riferimento nel settore dell’efficienza energetica, grazie al continuo sviluppo di soluzioni ...

Le ultime notizie sull’argomento