Massimo comfort interno anche al mare per Biosphera 2.0



Massimo comfort interno anche al mare per Biosphera 2.0

Il modulo itinerante ad alta efficienza energetica Biosphera 2.0 supera il test di temperatura e umidità particolarmente elevati di Riccione

Massimo comfort interno anche al mare per Biosphera 2.0 1

Prosegue il suo viaggio itinerante di Biosphera 2.0, il modulo itinerante ad alta efficienza energetica, progettato secondo gli standard più evoluti di efficienza energetica Passivhaus e Minergie, inaugurato a Courmayeur, poi approdato ad Aosta e Milano e che, fino al fino al 30 agosto, sarà sulla spiaggia di Riccione dove è sottoposta a condizioni di temperatura e umidità particolarmente elevati.

Il modulo proseguirà il suo viaggio a Torino e Lugano per testare nelle diverse condizioni climatiche, sia le prestazioni dell’abitazione che la qualità della vita delle persone che la abitano, considerando sia parametri fisici che emotivi.

Il progetto é stato promosso da Aktivhaus, Politecnico di Torino DAD, Università della Valle d’Aosta, Vallée d’Aoste Structure e dagli istituti Zephir, Minergie e PEFC con il patrocinio della Regione Valle d’Aosta e con la partecipazione di diverse aziende nazionali e internazionali: Artuso Legnami, Be-eco, ROCKWOOLXella, Fermacell, Hella, Internorm, Lape, Mezzi Termoidraulica, New Sermifer, Porcelanosa, T&T, Thermal Tecnology, Une,  Zehnder.

Massimo comfort interno anche al mare per Biosphera 2.0 2Biosphera 2.0 è provvista di ogni comfort e in soli 25 m2 è dotata di zona giorno, notte, bagno e centrale termica. L’ illuminazione è a led, la cucina a induzione, gli elettrodomestici sono in classe A, riscaldamento e raffrescamento garantiscono, senza ricorrere a reti di energia esterna, una temperatura confortevole compresa tra i 21° in inverno e i 25° in estate.

In tutte le tappe sono stati ospitati volontari, che hanno testato i benefici della casa del futuro. Oltre a monitorate la temperatura dell’aria e dei muri, l’umidità, la qualità dell’aria e la presenza di particolato, grazie a un bracciale indossato dagli ospiti è infatti possibile verificare i parametri biometrici quali pressione e battito cardiaco, e capire come l’ambiente possa influire sullo stato fisico.

Tra gli ospiti anche Loredana Iualè, Project Sales Specialist ROCKWOOL, che si è mostrata entusiasta e ha potuto verificare personalmente gli effetti dell’isolamento in lana di roccia fornita dall’azienda. Per le facciate è stato utilizzato il sistema di isolamento a cappotto REDArt® e, per ottenere un particolare effetto estetico, la nuova soluzione per l’isolamento e il rivestimento di facciate ventilate REDAir®. Per la copertura è stato inoltre utilizzato il pannello rigido in lana di roccia non rivestito a doppia densità Durock Energy.

Loredana Iualè ha spiegato di aver collegato il bracciale a un’app che le ha permesso di monitorare in tempo reale non solo il mio stato fisico, ma anche svariati parametri interni ed esterni alla casa: CO2, decibel, temperatura, pressione, umidità.

Massimo comfort interno anche al mare per Biosphera 2.0 3

“Mi ha stupito l’elevato grado di comfort interno, con una temperatura costante di 25 gradi, un’ottima qualità dell’aria e un bassissimo livello di CO2, come mi dimostravano i dispositivi di monitoraggio. E tutto questo senza mai dover aprire le finestre! La superficie in vetro era però talmente ampia da potermi comunque permettere di godere di uno splendido panorama e di sentirmi parte della natura circostante”.

Consiglia questo comunicato ai tuoi amici

Tema Tecnico