IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Approfondimenti > Energia rinnovabile per muovere le industrie

Energia rinnovabile per muovere le industrie

Realizzato in collaborazione con:
Logo EURAC - Institute for Renewable Energy

EURAC ha monitorato, nell'ambito del progetto europeo INSUN, due installazioni di industrie che utilizzano un mix di energia solare e combustibili fossili

L’ambito di ricerca è nuovo: industrie che utilizzano un mix di energia solare e combustibili fossili per ottenere il calore che serve ai loro processi produttivi. Si può fare raccogliendo l’energia solare grazie a collettori solari termici installati in parchi solari. Diversi sono i progetti pilota dove si applica questa nuova tecnologia. Nel corso degli ultimi due anni, EURAC ha monitorato due di queste installazioni nell’ambito del progetto europeo INSUN.


La prima delle installazioni analizzate da EURAC è collocata in Austria. Siamo nei dintorni di Vienna dove ha sede Fleischwaren Berger, un’azienda che produce insaccati. L’impresa ha ora installato un parco solare di collettori piani con una superficie di oltre 1000 metri quadrati per generare calore a temperature fino a circa 100 gradi, condizioni necessarie per la sua produzione.

 

“Attraverso dei sensori installati nel parco solare abbiamo monitorato costantemente il suo funzionamento,” spiega Marco Cozzini, ricercatore dell’Istituto per le energie rinnovabili e uno dei responsabili del monitoraggio a Vienna, “Per verificare con accuratezza l’energia ceduta al processo produttivo è fondamentale un monitoraggio continuo del sistema, in modo da poterlo caratterizzare nelle diverse condizioni di disponibilità solare. Per quanto i test di laboratorio siano pensati per tenere conto di questa variabilità intrinseca, un test sul campo, in condizioni di reale utilizzo, presenta inevitabilmente una valore dimostrativo superiore”.

 

L’obiettivo era quello di verificare le performance di questa tecnologia in sistemi che integrano calore prodotto da fonti rinnovabili e da fonti fossili. “Abbiamo monitorato il campo dall’estate del 2013 all’estate del 2015.” continua il ricercatore, “Usando queste tecnologie è stato possibile ridurre il consumo energetico globale del 7% circa. Per una generica azienda di piccole-medie dimensioni ci si può attendere di arrivare a una riduzione dell’ordine del 10%”.

 

La seconda delle installazioni monitorate da EURAC si trova invece in Italia, nei pressi di Cesena. Qui l’azienda Laterizi Gambettola ha installato collettori solari a concentrazione di tipo Fresnel a specchi piani per preriscaldare l’aria utilizzata nel processo di essicazione di una fornace. Si tratta di una tecnologia alternativa e più complessa rispetto ai collettori piani. La concentrazione della luce ottenuta grazie ad opportune geometrie di specchi, montati su una meccanica in grado di inseguire la posizione del sole, consente di raggiungere temperature fino a circa 250 °C. Durante il progetto è stato dimostrato un funzionamento affidabile per un lungo arco temporale e con diversi tipi di fluidi termovettori (olio diatermico e vapore).

 

 

Concentratori solari di Fresnel installati per Soltigua

 

 

L’uso di parchi solari di queste dimensioni in processi produttivi è alle prime fasi di dimostrazione. Una tecnologia che, ad oggi, fatica ad entrare nel mercato a causa dell’elevata occupazione di terreno e dei costi d’investimento ancora relativamente alti. “Il settore industriale e commerciale è responsabile per il 28% del consumo di energia in Europa. Due terzi di questa energia viene utilizzata per raggiungere le temperature necessarie per la produzione. Da qui si capisce quanto sia importante investire nel dimostrare tecnologie rinnovabili affidabili e con costi d’investimento che si ripaghino in 3-5 anni, facilitandone l’ingresso sul mercato” commenta Roberto Fedrizzi, a capo del gruppo di ricerca EURAC che si è occupato del monitoraggio.

 

Fonte: Istituto per le energie rinnovabili di EURAC Research

TEMA TECNICO:

Solare fotovoltaico

Consiglia questo approfondimento ai tuoi amici

Commenta questo approfondimento

Le ultime notizie sull’argomento
16/01/2017

Nel deserto israeliano la più alta torre solare del mondo

La torre Ashalim sarà alta 250 metri e riceverà la luce riflessa da un campo di 50.000 pannelli eliostati     E’ in costruzione nel deserto israeliano del Negev la torre solare più alta del mondo che con i suoi 250 ...

13/01/2017

Al Campus di Savona autonomia energetica e rinnovabili

Lo Smart Energy Building vanta autosufficienza energetica grazie a geotermia, fotovoltaico e movimento degli studenti       Prosegue l’impegno del Campus di Savona quale Centro di Innovazione nazionale sulle tecnologie per la Smart ...

09/01/2017

Il Milleproroghe ferma obbligo rinnovabili al 35%

Rinviato al 2018 l’obbligo della quota del 50% di utilizzo delle rinnovabili termiche nei nuovi edifici o per le ristrutturazioni rilevanti  
Il decreto Milleproroghe, pubblicato nella Gazzetta ufficiale 304 del 30 dicembre scorso, ...

23/12/2016

Nei primi 9 mesi del 2016 fotovoltaico ed eolico coprono il 14% della domanda di energia

Raggiunto da gennaio a settembre il massimo storico di produzione da eolico e solare, mentre calano in contemporanea le emissioni di CO2 e i consumi energetici     L'Enea ha pubblicato il Bollettino del Sistema Energetico Italiano dedicato al ...

21/12/2016

Il fotovoltaico più economico dell’eolico e del carbone

L’ultimo Rapporto pubblicato da Bloomberg New Energy Finance, evidenzia che il mondo green è arrivato a un punto di svolta e che i mercati emergenti stanno superando le economie forti grazie ai pannelli a basso costo.     Il ...

19/12/2016

Cala la produzione fotovoltaica nel 2016

Pubblicata dal GSE un’analisi preliminare sulla produzione fotovoltaica nei primi 9 mesi dell’anno che segna un -4.1%       Il GSE ha pubblicato l’analisi preliminare dedicata alla “Produzione fotovoltaica in Italia ...

15/12/2016

Rinnovabili in Italia in crescita, attesi lavoro e investimenti

Dal 2016 al 2020 saranno installati circa 3,7 GW di potenza aggiuntiva da fonti rinnovabili, per un investimento di oltre 7 miliardi di euro. Crescono gli occupati scendono i costi in bolletta     Il GSE ha pubblicato uno Studio sugli scenari ...

14/12/2016

Leggero calo per le nuove installazioni FER, bene il fotovoltaico

Pubblicato l'osservatorio Anie Rinnovabili: - 4% per le nuove installazioni FER rispetto al 2015, il fotovoltaico segna un + 26%     Nel complesso nel periodo gennaio-ottobre 2016 le nuove installazioni di eolico, fotovoltaico e idroelettrico ...