IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Approfondimenti > Pitture e vernici ecologiche: un nuovo look tutto naturale per le stanze di casa

Pitture e vernici ecologiche: un nuovo look tutto naturale per le stanze di casa

Le pitture e le vernici ecologiche sono soluzioni naturali che permettono di rinnovare gli ambienti di casa in modo sostenibile e del tutto rispettoso sia dell’ambiente, che della nostra salute. Disponibili tantissime sfumature e ottenute da diversi ingredienti, le pitture ecologiche sono prive di sostanze chimiche.

A cura di: Arch. Gaia Mussi

Pitture e vernici ecologiche: un nuovo look tutto naturale per le stanze di casa

 

Tinteggiare le pareti di casa è un’opera di manutenzione ordinaria che, in modo economico e veloce, ci permette sia di dare un tocco rinnovato alla nostra abitazione, che di mantenerla in ordine e pulita.

 

Si tratta di un’operazione che non ha una cadenza ideale fissa, ma che nell’arco della vita di una casa facciamo sicuramente un certo numero di volte. E' importante scegliere il prodotto giusto per imbiancare casa considerando in particolare alcuni aspetti quali  igiene, salubrità, ordine e pulizia.

 

Dobbiamo sempre ricordarci che la nostra salute dipende anche dalla salute della nostra casa! Oggi è possibile dipingere le pareti degli spazi che viviamo ogni giorno con prodotti naturali, che rispettano l’ambiente e la nostra salute. Una scelta responsabile e vantaggiosa, che ci permette di ridurre l’inquinamento indoor, garantire la qualità dell’aria e smaltire meno rifiuti speciali derivanti da vernici e pitture tradizionali.

 

Cosa sono le pitture naturali e perché sceglierle

Cosa sono le pitture naturali?

Le pitture naturali sono prodotti che non utilizzano alcuna materia prima di origine petrolchimica, ma piuttosto ingredienti – appunto – naturali. Ma quali sono gli ingredienti per produrle? Approfondiamo il concetto di “ingrediente naturale” specificando che i tre componenti principali di una pittura sono i leganti, i solventi e i pigmenti. Sono più di 100 le materie prime adatte allo scopo, di origine minerale, vegetale o animale.

 

Alcuni esempi di leganti naturali possono essere la calce, oli vari, cera d’api, amido, ma anche prodotti come uova e latte. Esistono, inoltre, alcune vernici a base di resine naturali, estratte ad esempio da pini e larici, che danno al prodotto finale ottime proprietà lavabili e un aspetto coprente.

 

I solventi possono essere acqua o idrocarburi naturali, mentre per il cosiddetto “colore” si possono utilizzare solventi organici o minerali, come terre naturali, spezie o anche fiori. L’uso di queste sostanze per ottenere i risultati cromatici desiderati non è certo una novità e già i romani utilizzavano diverse terre per colorare gli edifici. Facciamo infine una piccola precisazione: le pitture naturali sono ecologiche, ma quelle ecologiche non necessariamente sono al 100% naturali. Il consiglio è quello di leggere sempre l’etichetta, perché una pittura ecologica può essere rispettosa dell’ambiente e della nostra salute, ma anche utilizzare alcuni prodotti non del tutto naturali, ad esempio derivati dalla cosiddetta “chimica dolce”.

 

Come eliminare il problema dei VOC? Con Ducotone Air Pure, la pittura Duco che è in grado di eliminare l’80% dell’inquinamento dagli ambienti interni.

 

Le caratteristiche di una pittura bio

Le pitture naturali hanno diversi pregi che le rendono prodotti davvero interessanti, a partire dall’ovvia caratteristica di essere naturali. Proprio da ciò derivano aspetti come l’essere biodegradabili e atossiche: queste pitture sono completamente prive di composti organici volatili (VOC), tra i principali responsabili dell’inquinamento domestico indoor. I VOC si disperdono rapidamente nell’ambiente e possono provocare effetti indesiderati sulla salute, più o meno gravi, come emicrania o reazioni cutanee.

 

Inoltre, le pitture naturali sono inodori e anche appena posate o in fase di asciugatura non disperdono nell’ambiente il classico odore (chimico) che siamo soliti sopportare quando imbianchiamo casa con pitture o vernici tradizionali. Senza contare che, proprio per l’elevato numero di ingredienti utilizzati come pigmenti, non ci sono limiti a gusti ed esigenze in termini di colori e resa cromatica.

 

Le pitture naturali sono disponibili in una grande varietà di colori

 

Infine, questi prodotti sono vantaggiosi non solo per la nostra salute, ma anche per le nostre case. Le pitture naturali sono altamente traspirabili, quindi non inficiano in alcun modo la capacità delle strutture di regolare il tasso di umidità presente, garantendo anche la salubrità delle murature e quindi degli ambienti interni.

 

Caratteristiche pitture ecologiche

Scegliete con attenzione le vernici e optate per soluzioni green in grado di non produrre VOC e lasciare salubre l’aria.

 

Perché scegliere una pittura o una vernice naturale

Come visto, i pregi di una pittura ecologica, che mi permette di ottenere gli stessi risultati di una pittura tradizionale ma in modo ecologico, non sono pochi e i principali motivi per cui scegliere questi prodotti sorgono spontanei dopo aver letto quali sono le loro principali caratteristiche.

 

GREEN VOCation di Fassa Bortolo è una linea di finiture innovative dedicata agli interni, nella quale non vengono aggiunti solventi organici, plastificanti e donatori di formaldeide.

 

Il tema della riduzione dell’inquinamento indoor è già stato trattato, ma a questo si aggiunge il rispetto dell’ambiente, sia in termini di emissioni, che di rifiuti prodotti e quindi smaltiti. La naturalità della pittura ha l’enorme vantaggio ambientale di ridurre le emissioni di CO2 in fase di produzione, in quanto non sono necessarie lavorazioni chimiche o lunghi processi industriali, ma si utilizzano solo materie prime naturali.

 

Inoltre, se consideriamo che per ogni chilo di pittura tradizionale si producono circa 100 kg di rifiuti speciali, è subito chiara anche la valenza del secondo spetto citato. In realtà non solo si producono rifiuti speciali in fase di produzione della pittura o della vernice, ma esse stesse diventano poi rifiuti speciali. Nonostante il tempo di conservazione sia elevato, se dobbiamo smaltire una vecchia pittura, non possiamo farlo come se fosse un rifiuto domestico, proprio per le sostanze nocive e potenzialmente pericolose (sia per l’ambiente che per la salute umana) che contiene. Un rifiuto speciale andrà, quindi, smaltito nel modo corretto, dopo essere stato convogliato in appositi punti raccolta.

 

Questi temi assumono ancora maggior importanza se consideriamo che le statistiche parlano di uno smaltimento annuale (in Italia) di circa un milione di tonnellate di vernici e prodotti simili. 

  

Una pittura “intelligente”: MaxMeyer Pura Active è la pittura pronta all’uso che assorbe fino all’80% di formaldeide nell’aria degli edifici.

Consiglia questo approfondimento ai tuoi amici

Commenta questo approfondimento

Le ultime notizie sull’argomento
12/12/2018

La bioplastica che cattura la CO2

Due architetti italiani progettano soluzioni ispirate al bio-digital design. A Dublino, in occasione di un summit sul clima, hanno installato una facciata rivoluzionaria che cattura e immagazzina l’anidride carbonica grazie alla luce diurna e alle ...

12/12/2018

Sistema di monitoraggio delle emissioni antropogeniche di CO2

Copernicus è un programma dell'Unione Europea che ha l'obiettivo di sviluppare un sistema di monitoraggio delle emissioni di CO2 per aiutare i paesi a verificarne il controllo e la riduzione.     Come ormai ripetiamo quasi ...

11/12/2018

In pochi paesi politiche ambientali adeguate agli obiettivi dell’Accordo di Parigi

Presentato a Katowice in occasione della COP24 il Rapporto Germanwatch sulle performance climatiche di 56 paesi. In pochi hanno attuato politiche coerenti con gli obiettivi fissati a Parigi, l'Italia 23esima perde posti     E' stato ...

10/12/2018

Nel 2018 emissioni di CO2 in crescita dello 0,5%

Allarme IEA: Le emissioni di carbonio delle economie avanzate aumenteranno nel 2018 di circa lo 0,5% per la prima volta in cinque anni, invertendo la tendenza al ribasso     Secondo l'Agenzia Internazionale per l'Energia, sulla base degli ...

06/12/2018

Al MIT si lavora ad una batteria che mangia la CO2

I ricercatori del Massachussets Institute of Tecnology stanno sviluppando una batteria al litio creata dal biossido di carbonio prodotto dalle centrali elettriche. Un modo innovativo con cui ridurre i gas serra nell’atmosfera.   a cura di Tommaso ...

06/12/2018

COP24: una corretta azione per il clima potrebbe salvare un milione di vite

In occasione della COP24 in corso a Katowice in Polonia fino al 14 dicembre, l'OMS ha presentato un Rapporto che sottolinea che un'azione coraggiosa sul clima potrebbe salvare un milione di vite, creando ricchezza per i paesi. Ogni anno ...

05/12/2018

A ottobre crescono idrico ed eolico

Segno + a ottobre per la domanda di energia in Italia. +25,1% la produzione idrica e +17,4% per quella eolica. In calo la produzione fotovoltaica       Terna, società che gestisce la rete elettrica nazionale, ha pubblicato il ...

30/11/2018

La strategia europea verso le emissioni zero al 2050

Adottata dalla Commissione europea una visione strategica di lungo termine per un'economia prospera, moderna e a impatto climatico zero entro il 2050 – Un pianeta pulito per tutti. Per Legambiente lo sforzo non è sufficiente     La ...