Il vetromattone innovativo con celle solari integrate

Un prodotto ad alto contenuto tecnologico che permette di ridurre i consumi degli edifici, ottimizzando le prestazioni energetiche, a un costo competitivo

SBskin, Smart Building Skin s.r.l. startup innovativa e spin-off accademico dell’Università di Palermo che sviluppa prodotti edilizi innovativi per l’architettura sostenibile, è stata tra le 10 protagoniste del Klimahouse Startup Award, premio promosso da Fiera Bolzano dedicato alle proposte più innovative e ad alta efficienza energetica delle giovani imprese made in Italy.

SbSkin ha presentato in fiera la nuova generazione del vetromattone fotovoltaico, integrato con celle solari di terza generazione, per installazioni esterne in facciata e coperture, tecnologia innovativa e molto interessante, in grado di migliorare l’efficienza energetica degli edifici, trasformandoli in produttori di energia pulita.

Coerentemente con la filosofia aziendale, il vetromattone fotovoltaico unisce all’attenzione a sostenibilità ed efficienza energetica, anche un design esclusivo per soluzioni architettoniche uniche e personalizzabili.

I pannelli SBskin infatti sono disponibili in varie dimensioni, colori, trasparenze e textures, a seconda delle esigenze architettoniche e sono adatti anche per installazioni in zone a rischio sismico o ad altezze elevate.

I pannelli sono costituiti da vetromattoni innovativi, realizzati con una speciale cintura termica che assicura ottimo isolamento ed è disponibile in vari colori. E’ possibile integrare il pannello con celle solari per la produzione di energia pulita e con sistemi di illuminazione a LED per applicazioni indoor e outdoor.

Grazie a un sistema di assemblaggio completamente a secco, costituito da profili in plastica che assicurano il passaggio delle connessioni elettriche, i pannelli sono semplici da assemblare, i tempi e i costi di installazioni vengono contenuti e si riescono ad ottenere superfici vetrate continue, eleganti e ad alta sostenibilità, con giunti soli 2 mm, contro i 5-10 mm dei sistemi basati sull’utilizzo del cemento.

Tra gli altri plus le celle fotovoltaiche integrate nel vetromattone aiutano a schermare la luce che entra all’interno dell’edificio riducendo, per esempio, le richieste di raffrescamento estivo.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Architettura sostenibile, Solare fotovoltaico

Le ultime notizie sull’argomento