Consumi energetici: quali sono gli elettrodomestici più energivori?

Stufa elettrica al primo posto per consumo energetico: la classifica di Selectra dedicata agli elettrodomestici energivori

Consumi energetici: quali sono gli elettrodomestici più energivori?

Nell’epoca moderna è impensabile vivere la quotidianità senza il supporto degli elettrodomestici: lavatrice, asciugatrice, forno elettrico o lavastoviglie sono solo alcuni degli nostri “assistenti” tecnologici presenti nelle nostre case, il cui prezioso aiuto è necessario allo svolgimento delle faccende domestiche. Per non parlare di tutti i dispositivi per la cura della persona (phon, piastra elettrica) e per il comfort termico: il condizionatore e la stufa elettrica sono tra gli elettrodomestici “essenziali” per combattere l’afa o il freddo invernale.

Il recente conflitto geopolitico ha portato ad un incremento dei prezzi dell’energia e il caro bollette è il fenomeno più evidente: i costi per l’utilizzo degli elettrodomestici sono aumentati, costringendo gli italiani a rivedere il budget destinato alla gestione delle utenze.

Ma è possibile contenere i consumi energetici e dunque abbassare la spesa in bolletta? La parola d’ordine è ottimizzazione: oltre ad acquistare elettrodomestici di classe energetica alta, una delle azioni fondamentali è utilizzare in modo “smart” i dispositivi tecnologici presenti in casa. Selectra, il servizio gratuito che confronta e attiva le offerte di luce, gasi e internet per privati e aziende, ha stilato una classifica dedicata proprio agli elettrodomestici più energivori.

La ricerca svolta da Selectra mostra nel dettaglio quali sono gli elettrodomestici che presentano il consumo orario medio più alto, calcolando anche i costi in bolletta delle tariffe attive dal 1 luglio in relazione al Servizio di Maggior Tutela.

Gli elettrodomestici più energivori. La classifica di Selectra

La stufa elettrica in cima alle classifiche di consumo energetico

Nella classifica di Selectra il primo posto spetta alla stufa elettrica: questo elettrodomestico consuma 0,90€/ora ed è di fatto il dispositivo più energivoro in assoluto. Continuando nella classifica di Selectra, il secondo va al bollitore (1,6 kw/h e un consumo di 0,73€/ora) mentre il terzo al phon (0,72€/ora). Il quarto elettrodomestico nell’elenco è particolarmente di tendenza al momento: la friggitrice ad aria consuma ben 0,68€ per ogni ora di utilizzo.

Anche la piastra per capelli, uno degli elettrodomestici più utilizzati per l’hairstyle, si rivela particolarmente energivoro: questo dispositivo presenta un costo in bolletta di 0,59€ l’ora. Proseguendo con la classifica vediamo che al 6° posto Selectra inserisce l’asciugatrice (0,53€/ora), al 7° posto il ferro da stiro (0,45€/ora) e all’8° troviamo il forno elettrico (0,42€/ora).

In questo caso possiamo scegliere di usare in modo intelligente questi elettrodomestici solo quando è necessario: con la stagione calda possiamo scegliere di asciugare i vestiti all’aria aperta oppure di utilizzare il forno solo quando strettamente necessario oppure scegliendo di accenderne soltanto la metà inferiore o superiore.

Al forno elettrico fanno seguito l’aspirapolvere (0,36/ora) e successivamente il condizionatore.

La notizia interessante è non trovare tra i primi posti uno degli elettrodomestici essenziali in estate: il condizionatore occupa il 10° posto in classifica con un consumo di 0,32€ per ogni ora di attivazione. Ovviamente questi costi dipendono dalle ore di utilizzo e dall’intensità di consumo. Un utile suggerimento per utilizzare il condizionatore in modo smart è di non superare mai i 6 gradi di differenza tra temperature esterna e interna.

Chiudono l’elenco di Selectra due elettrodomestici fondamentali nelle faccende quotidiane: all’11° posto troviamo la lavatrice (0,14/ora) e, infine, al 12° la lavastoviglie (0,11€/ora).

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia



Tema Tecnico

Sostenibilità e Ambiente

Le ultime notizie sull’argomento