Advertisement

La Strategia Energetica Nazionale secondo ITALIA SOLARE

A cura di:

I suggerimenti di Italia Solare nella definizione della Strategia Energetica Nazionale per il superamento degli ostacoli alla crescita delle energie rinnovabili

In queste settimane Governo e Parlamento stanno lavorando alla definizione della Strategia Energetica Nazionale che vedrà la luce nel 2017.

La SEN 2017 dovrebbe prevedere una pronta attuazione delle direttive europee del cosiddetto Winter Package e l’immediato superamento di tutti gli ostacoli allo sviluppo delle rinnovabili e delle nuove tecnologie in Italia. Tali ostacoli sono a nostro parere:

  • tariffe di distribuzione domestiche fisse anziché fondate su principi di demand-response
  • divieto SDC e reti private 
  • divieto Certificati Bianchi per fotovoltaico 
  • dispacciamento limitato a grandi impianti centralizzati con riforma che apre solo a impianti sopra 55 kW di potenza impegnata e che rimane centralizzato e non passa al livello delle reti di distribuzione
  • tariffa nazionale centralizzata di distribuzione e mancanza assoluta di concorrenza nella distribuzione (gare al 2029)
  • mancanza di misure effettive per incentivare la trasformazione degli edifici in edifici a energia quasi zero 
  • mancanza di misure che spingano a usare le rinnovabili nelle infrastrutture per la mobilità elettrica 
  • ricorso al mercato della capacità che è un sistema obsoleto e penalizzante da un punto di vista di sviluppo tecnologico e corretta formazione dei prezzi di mercato
  • ristabilire un più ragionevole rapporto GSE – produttori, troppo spesso danneggiati in modo irreparabile per inezie formali à gli impianti fotovoltaici esistenti e quindi i relativi proprietari dovrebbero essere visti più come risorsa da tutelare e valorizzare anziché come soggetti da colpevolizzare e penalizzare.

Inoltre, per poter garantire un quadro normativo stabile è necessario prevedere nella SEN una serie di obiettivi utili a supportare il mondo imprenditoriale ad affrontare la sfida tecnologica della transizione energetica:

  • promuovere la generazione distribuita, l’autoproduzione e la partecipazione attiva e consapevole dei cittadini; 
  • riconoscere il solare fotovoltaico quale fonte energetica a basso costo, affidabile, pulita e disponibile sempre e ovunque; 
  • riconoscere il solare fotovoltaico come fonte strategica per la sicurezza energetica del Paese;
  • promuovere e diffondere le competenze tecniche e la cultura del solare volte a favorire la transizione energetica da un modello energetico centralizzato basato sulle fonti fossili a un modello distribuito basato sulle fonti rinnovabili; 
  • promuovere politiche, normative e metodologie standardizzate che possano favorire la diffusione dell’energia solare; 
  • rimuovere le barriere che limitano o rallentano lo sviluppo del fotovoltaico;
  • promuovere l’utilizzo di energia solare fotovoltaica per l’alimentazione delle nuove tecnologie (pompe di calore, sistemi di accumulo, veicoli elettrici, ecc).

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Sostenibilità e Ambiente

Le ultime notizie sull’argomento