I migliori climatizzatori sul mercato. Guida alla scelta

Fissi o portatili, con una o più unità, a gas ecologico, inverter e gestibili da remoto con collegamento Wifi: i condizionatori per raffrescare in estate sono in classe energetica alta, consumano di meno rispetto al passato, purificano gli ambienti e spesso, da soli, gestiscono la climatizzazione della casa per l’intero arco dell’anno. Le proposte delle aziende di climatizzatori di ultima generazione

A cura di:

I migliori climatizzatori sul mercato. Guida alla scelta
Indice degli argomenti:

Climatizzatori: le ultime soluzioni delle aziende

In questi ultimi anni il tempo ci ha abituati a sbalzi repentini, dal freddo al caldo, al “caldissimo” di certe giornate, tanto che climatizzatori e condizionatori sono ormai strumenti ritenuti indispensabili.
Nell’acquisto è bene affidarsi a tecnici esperti che, partendo dall’analisi dei dati che riguardano l’abitazione e le stanze da rinfrescare, calcolano la potenza dell’impianto da installare e il numero di unità, tenendo in considerazione diversi fattori che aiutano i consumatori a scegliere il prodotto più indicato alle proprie esigenze a seconda del tetto di spesa e delle caratteristiche tecniche.
I dati di Assoclima, l’Associazione dei Costruttori di Sistemi di Climatizzazione, sul primo trimestre 2022, evidenziano un trend positivo del settore della climatizzazione, sia rispetto ai primi tre mesi del 2021 che del 2020, con quasi tutti i comparti in crescita: +11,4% a volume e +17,1% a valore per i monosplit, praticamente pareggio a volume e +15% a valore per i sistemi multisplit, +32,4% a volume e +34,1% a valore per i miniVRF e VRF. Segno + anche per i climatizzatori monoblocco, che lo scorso anno avevano perso terreno e che chiudono il trimestre con +15% a volume
e +18,8% a valore.
E’ proseguito dunque anche quest’anno il trend positivo del 2021, anno in forte sviluppo in parte perché, a causa della pandemia, una percentuale di lavori che erano stati temporaneamente sospesi nel 2020 sono slittati al 2021, e in parte grazie allo sviluppo del settore residenziale. Senza dimenticare naturalmente la rinnovata fiducia delle imprese per una ripresa economica e l’effetto positivo delle detrazioni fruibili anche attraverso lo sconto in fattura. Anche se dall’altra parte va segnalata la difficoltà delle aziende a causa della scarsità delle materie prime (difficoltà che sta proseguendo anche in questi mesi) e l’aumento dei prezzi, che certamente hanno influenzato il trend. Una recente analisi realizzata da Facile.it ci dice che per le famiglie italiane quest’anno le spese per raffrescare casa saranno decisamente alte: il costo in bolletta del climatizzatore sarà in media di 216 euro, ovvero l’81% in più rispetto allo scorso anno, sempre che si tratti di apparecchi in alta classe energetica e usati in modo corretto, altrimenti potrebbe salire ancora di più.

Condizionatori, tipologie

Vi sono principalmente due tipi di climatizzatori: quelli portatili e quelli fissi. Nei primi non è prevista l’installazione: sono leggeri e si possono spostare da una stanza all’altra.
Sono dotati di un tubo flessibile che deve essere collegato all’esterno perché serve ad espellere aria calda dalla casa e convertire quella esterna in aria fredda, un meccanismo che, soprattutto nei modelli più vecchi, è piuttosto rumoroso.
Possono essere monoblocco, ovvero un unico elemento che contiene in sé sia l’evaporatore che il condensatore; o split, con unità esterna, ovvero composti di un elemento interno e di uno esterno (un parallelepipedo di dimensioni contenute da appendere al balcone).
Condizionatori, guida alla scelta
I sistemi fissi si dividono anch’essi in monoblocco, un solo elemento all’interno della residenza (da collocare in prossimità di una parete perimetrale) e split, una o diverse unità interne, collocate a parete soffitto o pavimento e collegate ad uno o più elementi esterni.
Questi ultimi non sono indicati nel caso si architetture soggette a vincoli paesaggistici per il loro valore storico o la posizione. Si dicono mono, dual e multi in base al numero degli elementi interni.
Per climatizzare una sola stanza è sufficiente l’unità portatile, al contrario, dovendo intervenire su più spazi quella fissa è più performante.
I climatizzatori possono essere, inoltre, a gas refrigerante che, se non vi sono perdite nell’impianto non si consuma e non deve essere ricaricato; e ad acqua refrigerata.
Nel primo caso, il più indicato al momento è l’R32, un gas di ultima generazione performante ed ecologico, che consente di ridurre le emissioni di CO2 in atmosfera fino all’80% e quindi di limitare l’effetto serra. Rispetto agli altri gas refrigeranti l’R32 è infatti caratterizzato da un Global Warming Potential (GWP) inferiore e il suo utilizzo permette di avere consumi ridotti e miglior efficienza energetica.
Nel secondo caso, l’acqua entra nell’impianto di ventilazione solo dopo essere stata refrigerata.
Questi apparecchi per la climatizzazione, se collegati a una pompa di calore, possono anche essere impiegati per riscaldare gli ambienti in inverno.
Nella progettazione degli apparecchi si guarda anche molto all’estetica, con climatizzatori di design che riducono al massimo la profondità e climatizzatori a parete, quindi fissi, ma senza unità esterna. I fori di uscita, in questo caso, anch’essi ridotti al minimo, vengono realizzati sul muro perimetrale.
I condizionatori di ultima generazione sono quasi tutti con tecnologia inverter, che permette loro di autoregolarsi a seconda delle necessità e mantenere costante la temperatura dell’ambiente e il comfort senza ricorre continuamente al tasto On/Off, assicurando in questo modo un contenimento dei consumi e minori sprechi.

Come scegliere il climatizzatore

Per scegliere il giusto apparecchio bisogna considerare la metratura dell’ambiente, l’esposizione della casa e la suddivisione degli spazi.
La prima serve a stabilire la potenza che deve avere la macchina, approssimativamente la potenza necessaria a climatizzare 1 mq di spazio è 340BTU/h (British Thermal Unit, unità di misura dell’energia: 3,41 BTU/h equivalgono a 1 W ).
Basta moltiplicare questo dato per i mq dello spazio da climatizzare e avremo la potenza che ci serve, per esempio: per un ambiente di 15 mq dovremo scegliere un climatizzatore con una potenza di almeno 5100 BTU/h.
Ma possiamo anche ricavare i watt necessari moltiplicando la cubatura della stanza per un coefficiente pari a 25-30.

Rumorosità

Indicata in etichetta come le altre caratteristiche, è espressa in Decibell (dB) e tanto per orientarsi possiamo dire che l’intensità di suono delle foglie mosse dal vento è inferiore a 30 dB.
I regolamenti Europei vigenti stabiliscono alcuni valori massimi, a seconda della tipologia di unità, oltre i quali non è possibile immettere i condizionatori nel nostro mercato.
Valori vicini ai limiti di 60-65 dB potrebbero dar fastidio agli occupanti della casa.

Etichetta energetica

Come per quasi tutti gli elettrodomestici, è fondamentale controllare l’etichetta energetica che, con un codice colore e una lettera, evidenzia l’efficienza del prodotto. La classe di efficienza energetica del climatizzatore va da A+++ (consumi minori) a D (consumi maggiori), anche se in effetti la normativa europea ha stabilito che non siano più commercializzabili gli apparecchi di classe inferiore alla alla A+ e sostituire un condizionatore in classe D con uno in classe A+++ permette un risparmio di 140 kWh elettrici, pari a circa il 60%. Nell’ottica del risparmio energetico è naturalmente consigliabile scegliere un prodotto nella classe più alta, basti pensare che un climatizzatore A+++ consuma circa il 40% in meno rispetto a un modello A e può far risparmiare, in termini di spesa per l’energia elettrica, circa il 30 – 40% rispetto a un modello in classe B (fonte Enea).

Condizionatori con più funzioni

Ormai i climatizzatori rientrano nella gamma degli apparecchi intelligenti e molti sono dotati di tecnologia IoT (Internet of Things), sempre di più gli apparecchi con WiFi integrato: possono essere collegati alla rete domotica dell’abitazione, avere il collegamento a un assistente vocale o semplicemente essere gestiti da remoto, grazie ad applicazioni per smartphone e tablet che consentono di accendere, spegnere e programmare il climatizzatore a distanza, con enormi vantaggi sui consumi.
Alcuni di essi presentano funzioni legate alla pulizia: sistemi in grado di auto-igienizzarsi o di purificare l’aria da polveri e batteri.
Per quanto riguarda i consumi, grazie a piccoli accorgimenti è possibile utilizzare gli impianti in maniera più efficiente, limitando i consumi senza rinunciare al comfort. Enea nel suo vademecum ricorda per esempio che è bene posizionare gli split nella parte alta della parete (l’aria calda tende a salire mentre quella fredda a scendere), è inoltre consigliabile fissare la temperatura due o tre gradi in meno rispetto a quella esterna e spesso può bastare attivare la funzione “deumidificazione” considerando che l’umidità presente fa percepire una temperatura ben più alta di quella reale; ricordiamoci di chiudere porte e finestre per evitare dispersioni del fresco e di dover far lavorare di più l’impianto e abbassiamo le tapparelle quando usciamo di casa e nelle ore più calde della giornata. Le recenti indicazioni dicono di impostare la temperatura interna a 26°C ma l’Enea, che ha effettuato simulazioni con un software di calcolo, spiega che alzare la temperatura a 28° permetterebbe un risparmio del 25% di energia a famiglia, che significa a livello nazionale circa 669 milioni di kWh elettrici, corrispondenti a 52 milioni di m3 di metano. Isolare termicamente  i tubi del circuito refrigerante all’esterno dell’abitazione (che, se possibile, è bene non posizionare alla luce diretta del sole) evita dispersioni. Infine, sembra banale ma non tutti lo fanno, all’inizio della stagione calda e poi ogni due/tre settimane, bisogna ricordarsi di pulire i filtri dell’aria e le ventole dove si possono annidare muffe e batteri dannosi per la salute.

Climatizzatori, prezzi e consumi

I climatizzatori fissi oscillano tra 500 e 1.500 euro (ma i multisplit arrivano fino a 2.500 – 3.000 euro); quelli portatili sono più economici e spaziano entro il range di 300 – 1.000 euro.
L’installazione dei sistemi fissi avviene in circa 2-3 ore, anche se naturalmente varia da prodotto a prodotto e da marchio a marchio.
I consumi dei climatizzatori si sono molto ridotti negli ultimi anni, grazie all’avvento delle nuove tecnologie: se un condizionatore in classe D (considerato ormai obsoleto) consuma quasi 1.100 kWh (considerando un costo di 0,20 centesimi per kWh, 22 euro al mese circa), un condizionatore in classe A+++ va dai 122 ai 140 kWh.

Detrazioni fiscali, superbonus e incentivi per la climatizzazione

La legge di stabilità 2022 ha previsto la proroga delle detrazioni fiscali per gli interventi di riqualificazione energetica (65%) e per le ristrutturazioni edili (50%). In particolare la detrazione è del 50% sull’acquisto di un climatizzatore in caso di ristrutturazione ordinaria o per una ristrutturazione straordinaria con classe energetica almeno A+, purché i lavori di ristrutturazione siano iniziati dopi il 1° gennaio dell’anno che precede quello dell’acquisto del condizionatore. La detrazione sale al 65% per l’acquisto di un nuovo condizionatore a pompa di calore ad alta efficienza energetica in sostituzione di un modello con classe energetica inferiore. E’ inoltre possibile portare in detrazione l’acquisto di un nuovo condizionatore beneficiando del Bonus Mobili al 50% purché l’intervento sia riconducibile almeno alla manutenzione straordinaria (il tetto di spesa è fissato a 10.000 per il 2022 per poi scalare a 5000 euro nel 2023-2024).
A seconda del contesto in cui l’acquisto dell’apparecchio avviene si stabilisce a quali dei due incentivi si abbia diritto.
Il Superbonus, che ha introdotto una detrazione del 110% per gli interventi di efficientamento energetico e di messa in sicurezza degli immobili, è valido, come intervento trainato, anche per la sostituzione del condizionatore negli edifici residenziali (condomini o unità uni/bifamiliari), purché siano rispettati alcuni requisiti: sono ammessi i soli sistemi fissi, l’impianto deve essere realizzato congiuntamente ad almeno un intervento trainante e si deve garantire il salto di due classi energetiche. Anche se gli impianti di condizionamento non sono espressamente citati nell’elenco degli interventi ammessi, il DL 34/2020 specifica che la detrazione già prevista per gli interventi di efficienza energetica viene elevata, appunto, al 110%.
Inoltre il D.Lgs 48/2020  definisce un impianto termico  come “impianto tecnologico fisso destinato ai servizi di climatizzazione invernale o estiva degli ambienti, con o senza produzione di acqua calda sanitaria”. Definizione che include i condizionatori, è l’ENEA stessa a sottolineare che il decreto ha effettivamente modificato la definizione di impianto termico. Questo significa che nella normativa relativa al Superbonus (che parla di impianti termici) non sono esplicitamente inclusi i condizionatori, così come non sono esclusi, purchè appunto fissi, riattivabili e funzionanti. A ciò si aggiungono tutti i normali requisiti previsti per l’accesso al Superbonus.
Inoltre, le pompe di calore rientrano nel sistema di incentivi previsti dal GSE e annoverati nel Conto Termico che incentiva gli interventi per l’incremento dell’efficienza energetica e la produzione di energia termica da fonti rinnovabili per impianti di piccole dimensioni.
Copre circa il 40% della spesa e viene erogato in circa due/tre mesi tramite bonifico.

Climatizzatori: le ultime soluzioni delle aziende

ATAG – Jodo AIR-CF1

ATAG: climatizzatore Jodo AIR-CF1
ATAG: climatizzatore Jodo AIR-CF1

ATAG Italia propone la gamma di climatizzatori JODO AIR-CF in classe A++, che assicurano risparmio energetico ed efficienza ai massimi livelli sia alle minime che alle massime temperature di lavoro. Nel pieno rispetto ambientale la gamma AIR-CF utilizza il gas refrigerante R32 a bassa tossicità. Grazie a una semplice APP e alla funzione WI-FI tutte le funzioni si possono facilmente monitorare da remoto.Il climatizzatore inverter in pompa di calore AIRCF1 funziona con temperature esterne da -15°C a +50°C, assicurando ottima efficienza e rientrando comunque in una fascia di prezzo “smart”. E’ disponibile con potenza da 2,6 kW a 7,0 kW.
ATAG: climatizzatore Jodo AIR-CF, silenzioso ed efficiente
Tra i plus segnaliamo la bassa rumorosità e la modalità Sleep studiata per adattare di notte la temperatura alle necessità corporee, in raffreddamento come in riscaldamento. In modalità ECO il climatizzatore enta in modalità di efficienza energetica, minimizzando i consumi.

BAXI ASTRA

Disponibili in molteplici combinazioni (MONO e MULTI Split), i climatizzatori d’aria per uso residenziale BAXI ASTRA garantiscono un’elevata efficienza (A++ in raffrescamento e A+ in riscaldamento) e silenziosità (fino max 20 dBA in modalità silenzioso). La doppia serie di alette a foglia distribuisce l’aria uniformemente e le manopole di chiusura del carter facilitano la manutenzione.

Climatizzatore Baxi Astra
Climatizzatore ad elevata efficienza Baxi

I climatizzatori Baxi Astra (dal design moderno e con finitura bianco opaco) DC inverter in pompa di calore con gas refrigerante ecologico R32, sono disponibili sia in Mono (4 versioni 9000-24.000 Btu/h) che Dual, Trial, Quadri e Penta Split (6 versioni 14.000-42.0000 Btu/h) e il pannello inferiore removibile facilita l’installazione dell’unità interna.

La tecnologia DC inverter garantisce che l’aria venga erogata a seconda delle esigenze ambientali, ottimizzando i consumi. Inoltre il ventilatore DC interno, il ventilatore DC esterno, il compressore DC e il controllore di macchina assicurano livelli di rumorosità estremamente bassi.

INNOVA 2.0 miniNR

2.0 mini, condizionatore senza unità esterna di INNOVA
INNOVA 2.0 miniNR

INNOVA risponde con 2.0 MINI-NR a una delle sfide più importanti dei giorni nostri: adottare cambiamenti concreti in materia di ambiente, energia e clima. Si tratta del primo climatizzatore senza unità esterna completamente ecologico, grazie all’utilizzo del gas propano R290 ha infatti un impatto ambientale in termini di GWP (Global Warming Potential) pari a 3, rispetto ai 2088 del gas R410 a e ai 675 del gas R32. Un prodotto semplice, sicuro ed efficiente che utilizza energia rinnovabile a zero emissioni e componenti metalliche riciclabili, è infatti attestato dalla Life Cycle Assessment e classificato come prodotto plastic free.

Grazie alle misure contenute – solo 80 cm di larghezza – INNOVA 2.0 MINI  si può installare facilmente in tutti gli ambienti.

Dimensioni contenute per il condizionatore INNOVA 2.0 MINI che si può installare facilmente in tutti gli ambienti

Semplice da installare, sono infatti sufficienti 2 fori a parete, è anche molto silenzioso: grazie alla tecnologia DC Inverter, le potenze sono ottimizzate per ottenere il massimo comfort con minor consumo e rumore.

Paradigma – Libra IN

Libra IN, climatizzatore senza unità esterna di Paradigma
Libra IN, climatizzatore senza unità esterna di Paradigma

I climatizzatori senza unità esterna Libra IN di Paradigma, dal design minimal ed elegante, soddisfano le necessità di raffrescamento e riscaldamento.
Libra IN con una profondità di soli 17 cm, è il climatizzatore più sottile e meno ingombrante della categoria.

La pompa di calore ermeticamente sigillata, non richiede certificazione F-GAS per l’istallazione. L’installazione è molto semplice, al posto dell’unità esterna ci sono due fori di presa ed espulsione dell’aria di 162 millimetri.

Libra In può essere installato anche in aree soggette a vincoli architettonici.  Le griglie esterne pieghevoli si aprono automaticamente durante il funzionamento, per richiudersi a impianto spento, così da limitare l’ingresso di polvere, rumore e inquinamento nell’ambiente interno.

Il sistema di regolazione a inverter BLCD che elimina le vibrazioni, assicura massimo comfort e alti livelli di silenziosità. Grazie al nebulizzatore la condensa viene espulsa all’esterno, mentre  il sistema No Frost elimina qualsiasi rischio di gelo.

Per la massima salubrità dell’aria è disponibile come accessorio opzionale per Libra IN la purificazione con lampada UV che elimina gli agenti patogeni e gli odori che si generano negli impianti di areazione.

Viessmann – Vitoclima 232 S

Viessmann - climatizzatore Vitoclima 232 S nella versione nero lucido
Viessmann – Vitoclima 232 S nella versione nero lucido

Vitoclima 232 S è un climatizzatore monosplit in pompa di calore per il residenziale composto da un’unità esterna e una interna, che raffresca in estate e può riscaldare in inverno, riducendo dunque i consumi di gas. E’ disponibile in tre taglie 9000, 12000 e 18000 btu e, fino a fine anno, in due versioni: bianco lucido e nero lucido. Dal 2023 sarà disponibile anche con un pannello bianco opaco.

Da un punto di vista tecnico le caratteristiche più importanti sono la gestione da remoto grazie al WI-FI integrato di serie; il dispositivo di sanificazione di cui è dotato (tecnologia NTP -non thermal plasma): uno ionizzatore a plasma freddo che consente di ridurre gli agenti patogeni che ci sono in ambiente fino al 91% entro 2 ore, garantendo un ambiente salubre; le funzione di microfiltrazione dell’aria che filtra polvere e impurità e quella di deumidificazione . L’unità interna è dotata di regolazione dell’angolazione delle alette in “3D” che assicura che il flusso d’aria sia direzionato in tutte le direzioni: a destra, sinistra, in alto e in basso.

Viessmann - climatizzatore Vitoclima 232 S nella versione bianco

Vitoclima 232 S ha una rumorosità minima di 24 dB(A), oltre a una funzione silent per la notte che tende a ridurre la rumorosità praticamente a 0.

Rientra in classe di efficienza energetica A+++ e utilizza il gas R32. I nuovi modelli raggiungono ottimi valori di SEER (Seasonal energy efficiency ratio/indice di efficienza energetica stagionale) fino a 8.5 e SCOP fino a 5.4 assicurando alti risparmi durante l’esercizio e la classe A+++ sia in caldo che in freddo.

Viessmann propone anche i multisplit Vitoclima 300S disponibili nelle versioni Dual, Trial, Poker e Penta, che è stato rinnovato proprio quest’anno con la nuova versione M3: è un prodotto in più piccolo, meno rumoroso e più efficiente, in classe energetica A++. Inoltre consente con molte combinazioni di accedere alle detrazioni disponibili: 50%, 65%, 110% e Conto termico.

Per aiutare i consumatori a scegliere il climatizzatore, Viessmann ha realizzato un pratico configuratore che permette in pochi click di individuare il prodotto della gamma Vitoclima più adatto alle proprie esigenze, potendo poi inviare il suggerimento direttamente a un installatore Partner per l’Efficienza Energetica Viessmann, così da richiedere velocemente sopralluogo e preventivo.

Aermec, multisplit MPG

Aermec, climatizzatore multisplit MPG
Aermec, multisplit MPG

MPG è la nuova serie multisplit con refrigerante ecologico R32 proposta da Aermec  nel suo catalogo dei Condizionatori d’Ambiente.

Realizzata con un design moderno e compatibile con ogni stile d’arredo, MPG dispone di un’ampia gamma di unità interne per rispondere a tutte le esigenze di installazione e soddisfare le richieste del cliente.

Offre inoltre il massimo benessere negli ambienti dove installato e un significativo risparmio energetico grazie alle molteplici funzionalità di cui è dotata la serie. Tra queste Smart APP Ewpe, l’innovativo sistema con il quale è possibile controllare, via Wi-Fi, in modo semplice e intuitivo, il sistema da remoto direttamente dal proprio smartphone o tablet. L’APP permette di gestire le funzionalità proprie delle unità personalizzando le impostazioni della temperatura (funzione iFeel), gli orari di accensione e di spegnimento, la modalità SLEEP per il benessere notturno e molto altro.

Beko – Evolutio Pro Range

Beko: climatizzatore Serie Evolution Pro BGMPI BGMPO
Beko – condizionatori a parete mulisplit BGMPI/BGMPO

I condizionatori a parete mulisplit BGMPI/BGMPO della gamma Evolutio Pro Range di Beko garantiscono raffrescamento estivo e riscaldamento invernale, assicurando efficienza energetica (A++ in raffrescamento e A+ in riscaldamento) e massimo comfort. Si caratterizzano per la nuova estetica che si adatta con armonia ai diversi ambienti grazie alle dimensioni compatte, alla linea pulita e al pannello frontale bianco.

Il sistema HygieneMax UVC permette di eliminare microorganismi e muffe dall’ambiente purificando l’aria grazie a una lampada LED attivabile dal telecomando. La radiazione ultravioletta germicida permette di eliminare in 1 ora il 92% di batteri (test Intertek).

I condizionatori della gamma sono dotati di 3 filtri (a Tecnologia Fil-Three): uno ad alta densità trattiene la polvere, uno a Carboni Attvi, filtra inquinanti e pollini, l’ultimo Catalitico a Freddo depura l’aria da virus e batteri.

Beko: climatizzatore Serie Evolution Pro BGMPI BGMPO

Anche a livello tecnologico i condizionatori Evolutio Pro range si caratterizzano per esclusivi accorgimenti, quali per esempio il trattamento Gold Guard, un rivestimento idrofilo dorato che ottimizza il processo anti-corrosione, migliorandone l’affidabilità. La tecnologia LongAir garantisce invece un un flusso d’aria con raggio d’azione fino a 15 metri, in grado di arrivare in ogni angolo della casa. ZoneFollow è la tecnologia che rileva la temperatura in prossimità del telecomando, adeguandola alle nostre esigenze. In caso si voglia raffrescare o riscaldare velocemente la stanza basterà utilizzare la funzione Jet Cool o Jet Heat che genereranno un flusso d’aria fredda o calda molto ampia, così da fare velocemente salire o scendere le temperature.

Grazie all’App HomeWhiz e al controllo vocale tutte le funzioni si possono controllare da remoto, ovunque ci si trovi.

Bosch – Climate 6000i

Climate 6000i di Bosch è ancora più efficiente grazie alla classe A+++ in raffrescamento e A++ in riscaldamento. E’ inoltre dotato di un sensore intelligente in grado di rilevare la presenza delle persone nei locali attivando, in caso di assenza, la modalità risparmio energetico.

Bosch - climatizzatore Climate 6000i
Bosch – Climate 6000i

Facile da installare, ha un design che si adatta ai diversi ambienti. Tra i plus è molto silenzioso e in modalità “Deumidificazione” permette di impostare il livello di umidità relativa.

Si può facilmente gestire tramite telecomando o, da remoto, tramite App (accessorio opzionale). La comoda funzione “Seguimi”, permette al sensore nel telecomando a infrarossi di rilevare e regolare la temperatura nella zona in cui si trova l’utente. “I-clean” invece elimina fino al 99% dei batteri e cattura le impurità presenti nell’aria.

Hitachi Cooling & Heating – Dodai FrostWash

Hitachi, climatizzatore Dodai FrostWash
Hitachi Cooling & Heating – Dodai FrostWash

Dodai FrostWash è il nuovo climatizzatore di Hitachi Cooling & Heating che fa parte della gamma di condizionatori intelligenti e connessi FrostWash, particolarmente attenti alla pulizia e alla salubrità dell’aria. Dodai è un prodotto compatto, facilmente installabile anche in ambienti piccoli, molto silenzioso (20 dB emessi), sempre connesso e in classe A++.

Hitachi, climatizzatore Dodai FrostWash sempre connesso e dotato di innovative funzioni

Fra i suoi plus il condizionatore è dotato dell’innovativa tecnologia FrostWash, attivabile in automatico e da telecomando, che, oltre a filtrare e purificare l’aria, cattura, congela ed elimina polvere, muffe e impurità attraverso un processo che garantisce una pulizia profonda delle alette dello scambiatore, neutralizzando il 91% di batteri e l’87% di muffe che si depositano nell’apparecchio, rendendo inoltre più efficiente il climatizzatore e diminuendo i consumi fino al 10%.

Hitachi climatizzatore Dodai FrostWash dotato di geolocalizzazione e controllo vocale

Grazie all’APP airCloud Home tutte le funzioni possono essere gestite comodamente da remoto oltre che tramite il controllo vocale compatibile con Amazon Echo e Google Assistant. Inoltre la funzione geolocalizzazione Smart Geo Fence verifica la presenza dell’utente entro 500 metri in uscita e di 10 km in entrata, regolando in automatico le varie funzioni a seconda delle abitudini e della posizione.

La funzione ECO permette di utilizzare altri elettrodomestici assicurando risparmio energetico, quella Vacanza imposta il funzionamento riscaldamento a una temperatura minima di mantenimento così da non trovare l’abitazione fredda al proprio rientro.

Dodai, con una larghezza di soli 780 mm, è il climatizzatore più compatto della gamma, facilmente installabile anche in spazi ridotti.

Innoliving – Condizionatori portatili

Innoliving - Condizionatore d'aria locale 9000 BTU
Innoliving – Condizionatore d’aria locale 9000 BTU

Innoliving propone 2 nuovi modelli di condizionatori portatili che si caratterizzano per praticità e ottime performance in termini di efficienza e consumi, sono infatti in classe energetica A.

Il modello con capacità di raffreddamento pari a 7000 Btu/h, è particolarmente adatto per stanze di medie dimensioni; il secondo con i suoi 9000 Btu/h (nell’immagine) raffresca spazi più ampi e oltre al raffrescamento, ventilazione, deumidificazione e sleep, unisce la funzione di riscaldamento, con una capacità pari a 7000 Btu/h. Entrambi i modelli  utilizzano il gas naturale R290 come refrigerante, tra le migliori alternative green per questo utilizzo.

LG ARTCOOL Mirror

Climatizzatore LG ARTCOOL Mirror
LG ARTCOOL Mirror

LG ARTCOOL Mirror è il climatizzatore, disponibile in mono e multi split (9000 e 12000 Btu), che assicura ottima qualità e salubrità dell’aria grazie a funzionalità antibatteriche e contro le allergie.

La tecnologia Allergy Filter grazie al suo particolare rivestimento, filtra l’aria interna eliminando le sostanze che possono provocare allergie, come acari, polveri e funghi. Si aggiunge inoltre l’innovativo sistema di filtrazione AirCare Complete System che mantiene fresca l’aria emessa dal condizionatore e anche l’unità. Pre-Filter blocca le particelle di polvere di dimensione maggiore. Grazie ad Auto Cleaning non si formano muffe e batteri né si diffondono cattivi odori. Le tecnologie UVnano™ e Plasmaster Ionizer+ garantiscono inoltre la rimozione del 99,99% dei batteri presenti sull’unità interna o sulle superfici.

Toshiba – Haori

Toshiba: HAORI-LIVERPOOL, azzurro
Toshiba HAORI-LIVERPOOL, azzurro

Haori è il climatizzatore di Toshiba con rivestimento in tessuto, che è anche un oggetto di design da mostrare con orgoglio e da adeguare al proprio gusto e arredamento. Caratteristiche che sono valse a Haori il prestigioso iF Design Award 2021.

Dalla forma arrotondata, il climatizzatore unisce tecnologia, estetica e risparmio energetico: utilizza gas R32 ed è in classe di efficienza energetica A+++; il compressore rotativo permette di regolare la capacità di raffrescamento e riscaldamento in ogni condizione di utilizzo; sia l’unità esterna (44dB) che quella interna (19 dB) sono molto silenziose; il sistema è dotato di 2 filtri (Filtro Ultra-Pure e ionizzatore al plasma Toshiba), che assicurano un’aria salubre e l’eliminazione di un gran parte delle particelle nocive; dotato di wi-fi integrato di serie e di elegante telecomando completo di un supporto magnetico a parete.

La cover è disponibile in due colori di serie (grigio chiaro e grigio scuro), con la possibilità di creare infinite personalizzazioni grazie alle 42 cromie di cover realizzate con tessuti Rubelli, dalle tinte unite allo jacquard dall’effetto cangiante Fiftyshades alle linee geometriche. Il rivestimento è semplice da cambiare grazie al velcro presente sul retro del tessuto. A MCE 2022 abbiamo ammirato la cover Perceptions creata da tre studentesse di NABA-Nuova Accademia di Belle Art, che hanno partecipato a un contest, ispirate ad elementi naturali con una predominanza del verde.

Una delle Cover cover Perceptions di Haori
Una delle Cover cover Perceptions di Haori

Semplice da installare, le unità interne sono compatibili con unità esterne mono o multisplit, cui si è recentemente aggiunta la taglia 7 a cui è possibile collegare fino a 5 unità interne con cover personalizzate.


Prima pubblicazione 2019 – Articolo aggiornato

Consiglia questo approfondimento ai tuoi amici

Commenta questo approfondimento




Articolo realizzato in collaborazione con ...

Le ultime notizie sull’argomento