IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Un edificio super efficiente a bassissimo consumo energetico

Un edificio super efficiente a bassissimo consumo energetico

Inaugurato a Milano dal Sindaco Sala il primo edificio riqualificato che fa parte del progetto Sharing Cities. Risparmi in bolletta del 50%

 

Targa efficienza energetica al condominio riqualificato di via Tito Livio a Milano, nell'ambito del progetto Sharing Cities

 

Nella Settimana delle Energie Sostenibili del Comune di Milano, che fino al 16 marzo ha offerto a professionisti e cittadini occasioni di incontro e approfondimento sui temi dell’efficienza energetica e dell’utilizzo delle energie rinnovabili, è stato inaugurato nella metropoli meneghina il primo edificio riqualificato, che fa parte del progetto europeo 'Sharing Cities', che porterà alla realizzazione del primo distretto a energia quasi zero, nell’area compresa tra le zone di Porta Romana e Vettabbia.

 

Si tratta in particolare del condominio di via Tito Livio 7 costruito negli anni 70,  in cui vivono 24 famiglie, e protagonista di un intervento di riqualificazione energetica profonda presentato dai partner del consorzio Teicos UE Srl, referente europea per il progetto di riqualificazione energetica degli edifici, Future Energy Srl e da Legambiente.

Da classe energetica F il condominio di via Tito Livio è passato in C, con una previsione di risparmio di emissioni CO2 annue pari a 23500 kg.

 

Cecilia Hugony, A.D. di Teicos UE, durante la conferenza stampa ha sottolineato la capacità di Milano di aver saputo pensare alla “co-progettazione per la realizzazione di interventi di riqualificazione dei condomini da riqualificare, favorendo la partecipazione degli inquilini nelle scelte relative all’efficientamento più idoneo della propria abitazione, considerando aspettative e possibilità economiche.
Ci sono dunque stati incontri in condominio organizzati da Legambiente Lombardia, Dastu Politecnico e tecnici di Teicos UE con il supporto del Comune, che hanno portato allo sviluppo di progetti energetici su misura.

Gli interventi realizzati 

Gli interventi di riqualificazione hanno previsto la posa di un sistema a cappotto esterno, l’isolamento dei controsoffitti, l’installazione delle valvole termostatiche, il controllo e la regolazione a distanza degli impianti e la sperimentazione di un innovativo sistema fotovoltaico per l’autoproduzione di energia da fonte rinnovabile. Una parte dell’energia prodotta infatti viene consumata per le utenze comuni condominiali, mentre la parte in eccedenza viene ceduta alla rete che la rimborserà a un prezzo conveniente. 

 

Grazie a un innovativo sistema IoT, i dati di comfort all’interno e all’esterno degli edifici saranno raccolti, monitorati, così come i valori dei consumi energia a livello di distretto, per verificare gli effetti dei diversi interventi di ricondizionamento e la loro interazione, e pianificare eventuali ottimizzazioni del sistema.

 

Grazie a tutti questi interventi si stima un possibile risparmio energetico sulla bolletta condominiale compreso tra il  50 e il 60%. Il costo degli interventi, di 216mila euro, potrà contare su un contributo di 60mila euro per l’adesione al progetto ‘Sharing Cities’.

 

Il Sindaco Sala ha partecipato ai festeggiamenti, insieme agli Assessori Cristina Tajani (Commercio e Smart City) e Marco Granelli, ponendo anche una targa commemorativa sul condominio.

 

I partner del progetto europeo Sharing Cities all'inaugurazione del Condominio riqualificato di via Tito Livio a Milano

I partner del progetto europeo Sharing Cities all'inaugurazione del Condominio riqualificato di via Tito Livio a Milano

 

In dirittura d’arrivo anche la riqualificazione del condominio in Via Verro 78 BC, anch’esso costruito negli anni 70 e abitato da 36 famiglie che da classe energetica D è passato in B, risparmiando 65.000 kg di emissioni di CO2 annue. Per questo stabile è prevista un spesa di 350mila euro con un contributo di 150mila euro. 

 

Ricordiamo che il progetto europeo "Sharing Cities",  del valore complessivo di 25 milioni di euro, oltre alla metropoli meneghina, coinvolge Londra (capofila), Lisbona e tre città follower (Bordeaux, Burgas e Varsavia). 

________________________________________________________

8 settembre 2017

 

Sono partiti nel capoluogo meneghino, nell'ambito del progetto “Sharing Cities”, i lavori per la realizzazione del primo quartiere a basso impatto ambientale

 

Il Sindaco di Milano Giuseppe Sala e l’assessore alle Attività produttive Cristina Tajani all'avvio del progetto 'Sharing Cities' a Milano

 


Lo scorso agosto sono ufficialmente partiti i lavori nel quartiere milanese Porta Romana/Vettabbia, alla presenza del Sindaco Giuseppe Sala e dell’assessore alle Politiche per il lavoro, Attività produttive con delega alle Smart city, Cristina Tajani, che porteranno alla realizzazione del primo distretto a energia quasi zero, come previsto dal progetto europeo 'Sharing Cities', che dispone di una dotazione finanziaria compessiva di 25 milioni di euro.

 

Si tratta di un progetto innovativo che oltre a Milano coinvolge le metropoli di Londra e Lisbona, oltre a tre città follower, Bordeaux, Burgas e Varsavia. Gli interventi permetteranno di diminuire significativamente i consumi energetici, le emissioni di carbonio di edifici e mezzi di trasporto e il progetto può rappresentare una virtuosa base di partenza da replicare in altri quartieri e in altre città.

 

Il capoluogo meneghino nel complesso dispone di 8,6 milioni di euro destinati alla riqualificazione di cinque edifici di proprietà privata e di un edifico pubblico, per un totale di 25mila metri quadrati di unità residenziali, che permetteranno un risparmio energetico tra il 50 e il 60% rispetto agli attuali consumi di riscaldamento e del 30% sui costi dell’elettricità.

 

I primi due edifici coinvolti a Milano si trovano in via Verro 78 b, abitato da 36 famiglie per il quale la spesa prevista è di 480mila euro, e via Tito Livio 7, in cui vivono 24 famiglie, per il quale si prevede una spesa di 276mila euro.

 

Uno degli edifici coinvolti a milano nel progetto di riqualificazione 'Sharing Cities'

 

Si tratta di palazzi dei primi anni 70 in cui saranno realizzati diversi interventi di riqualificazione, pensati coinvolgendo anche i residenti: dalla posa dei sistemi di isolamento a cappotto, all’isolamento dei controsoffitti, dal controllo e regolazione a distanza degli impianti, fino alla sperimentazione di un innovativo sistema fotovoltaico per l’autoproduzione di energia da fonte rinnovabile, che in parte sarà autoconsumata e in parte ceduta alla rete.
Un innovativo sistema di gestione dell’energia, in una logica IoT (Internet delle cose), con un sistema di trasmissione dati a basso consumo, raccoglierà i dati di comfort all’interno e all’esterno degli edifici, misurerà i consumi e la produzione di energia a livello di distretto per analizzare gli effetti dei diversi interventi di efficientamento e la loro interazione, oltre a studiare ulteriori possibili logiche di ottimizzazione energetica su scala cittadina.


L’assessore Tajani evidenzia che si tratta di una sperimentazione che permette all’amministrazione di intervenire anche sulla mobilità, l’illuminazione e l’efficientamento energetico

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
13/12/2018

La Camera approva la Legge di Bilancio, confermati Ecobonus e Sismabonus

La Camera nella seduta dell'8 dicembre ha approvato la Legge di Bilancio senza novità rispetto alle detrazioni fiscali per gli interventi di riqualificazione energetica e di ristrutturazione edilizia     La Camera, con 312 voti a favore, ...

12/12/2018

La bioplastica che cattura la CO2

Due architetti italiani progettano soluzioni ispirate al bio-digital design. A Dublino, in occasione di un summit sul clima, hanno installato una facciata rivoluzionaria che cattura e immagazzina l’anidride carbonica grazie alla luce diurna e alle ...

12/12/2018

Sistema di monitoraggio delle emissioni antropogeniche di CO2

Copernicus è un programma dell'Unione Europea che ha l'obiettivo di sviluppare un sistema di monitoraggio delle emissioni di CO2 per aiutare i paesi a verificarne il controllo e la riduzione.     Come ormai ripetiamo quasi ...

11/12/2018

In pochi paesi politiche ambientali adeguate agli obiettivi dellAccordo di Parigi

Presentato a Katowice in occasione della COP24 il Rapporto Germanwatch sulle performance climatiche di 56 paesi. In pochi hanno attuato politiche coerenti con gli obiettivi fissati a Parigi, l'Italia 23esima perde posti     E' stato ...

10/12/2018

Nel 2018 emissioni di CO2 in crescita dello 0,5%

Allarme IEA: Le emissioni di carbonio delle economie avanzate aumenteranno nel 2018 di circa lo 0,5% per la prima volta in cinque anni, invertendo la tendenza al ribasso     Secondo l'Agenzia Internazionale per l'Energia, sulla base degli ...

06/12/2018

Al MIT si lavora ad una batteria che mangia la CO2

I ricercatori del Massachussets Institute of Tecnology stanno sviluppando una batteria al litio creata dal biossido di carbonio prodotto dalle centrali elettriche. Un modo innovativo con cui ridurre i gas serra nell’atmosfera.   a cura di Tommaso ...

06/12/2018

COP24: una corretta azione per il clima potrebbe salvare un milione di vite

In occasione della COP24 in corso a Katowice in Polonia fino al 14 dicembre, l'OMS ha presentato un Rapporto che sottolinea che un'azione coraggiosa sul clima potrebbe salvare un milione di vite, creando ricchezza per i paesi. Ogni anno ...

06/12/2018

Presto in Gazzetta UE le nuove direttive rinnovabili ed efficienza energetica

Il Consiglie UE ha formalmente adottato le nuove norme in materia di energia rinnovabile, efficienza energetica e governance     Dopo l’Europarlamento anche il Consiglio dell’Unione Europea ha formalmente adottato le nuove norme in ...